SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


BELFANTI Serafino

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/28/1860
Luogo di nascita:CASTELLETTO SOPRA TICINO (Novara)
Data del decesso:06/03/1939
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Giuseppe
Madre:RUGGERONI Angela
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:PORINELLI Giuseppina
Figli: Carlo
Maria
Rita
Ada
Ermenegildo
Giuseppina
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Via Guerrazzi, 9
Titoli di studio:Laurea in medicina e chirurgia
Conseguiti nel:1886
Fonte:<ACS>
Presso:Università di Torino
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Medico
Carriera:Professore di batteriologia alla Università di Torino (1894)
Fondatore e direttore dell'Istituto sieroterapico milanese (1895)
Professore di fisiopatologia delle malattie infettive agli Istituti clinici di perfezionamento [di Milano] (1906)
Cariche e titoli: Membro effettivo dellI'Istituto lombardo di scienze, lettere ed arti (29 aprile 1926)
Vicepresidente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (1939-1941)
Membro dell'Accademia medica di Torino
Membro dell'Accademia medica di Firenze
Socio corrispondente della Wienen Gesellschaft für Microbiologie
Socio corrispondente della Biochemical Society di Londra
Membro della Giunta esecutiva del Consiglio nazionale delle ricerche
Membro della Commissione permanente della Società internazionale di microbiologia
Cavaliere del lavoro (28 aprile 1936)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Architetto22/05/1928
Prefetto di Milano
    Fornaciari Bruno
23/11/1932
Presidente dell'Opera nazionale per la protezione ed assistenza degli invalidi di guerra
    Lustig Piacezzi Alessandro, senatore
28/05/1932
Prefetto di Milano
    Fornaciari Bruno
20/10/1932
Poetessa
    Negri Ada
11/10/1933
Poetessa
    Negri Ada
24/10/1933
Segretario del fascio di Castelletto Ticino
    Barberis Fernando
01/11/1933
Nomina:01/23/1934
Categoria:18
21
I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Maurizio Gonzaga
Convalida:02/05/1934
Giuramento:04/05/1934

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 2 aprile 1914
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 10 gennaio 1926
Gran cordone dell'Ordine della Repubblica d'Austria



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Giacomo Suardo, Presidente
      "PRESIDENTE. C'è quasi sempre una nota di tristezza alla ripresa di queste nostre periodiche riunioni, nel constatare le dolorose perdite che hanno colpito la nostra Assemblea, togliendo al nostro affetto ed alla nostra estimazione illustri Camerati che anche in Senato hanno dato chiarissime prove del loro sapere e della loro esperienza.
      Serafino Belfanti, che nel campo della scienza medica aveva acquistato larga rinomanza, era nato a Castelletto Ticino il 20 ottobre 1860.
      Laureatosi in medicina e chirurgia e dedicatosi agli studi di batteriologia, nel 1895 fondava in Milano un istituto che, sotto la sua attiva ed intelligente direzione, raggiungeva un elevato grado di perfezionamento, sia come sede di studi di microbiologia e di importanti insegnamenti sperimentali, sia come stabilimento modello per una produzione meritatamente apprezzata anche all'estero.
      Membro di importanti consessi scientifici, Cavaliere del lavoro per le benemerenze acquistate in una vita operosa e feconda, dedicata al culto appassionato della scienza ed al bene dell'umanità, fascista di fede, Serafino Belfanti lascia tra noi il più vivo e commosso rimpianto.
      [...]
      THAON DI REVEL, Ministro delle finanze. Il Governo si associa alle espressioni di vivo cordoglio pronunziate dal Presidente del Senato per commemorare i defunti senatori".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 aprile 1939.

Ringraziamenti:Dott.ssa A. Bianchi - Istituto veneto di scienze, lettere e arti