SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


VISONE Giovanni

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/05/1814
Luogo di nascita:COSTIGLIOLE D'ASTI (Asti)
Data del decesso:14/08/1893
Luogo di decesso:MONCALIERI (Torino)
Padre:Pietro
Madre:BERTOLINO Cristina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso nel 1877
Nobilitato
Coniuge:RASINI Amalia, contessa
Figli: Maria Cristina
Vincenzo, conte
Luogo di residenza:TORINO
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Funzionario amministrativo
Carriera:Sostituto avvocato fiscale della prefettura di Asti
Regio procuratore alle Intendenze generali (1848)
Intendente generale di Nizza (1854)
Intendente generale di Casale
Intendente generale di Piacenza, poi prefetto (1859-1° giugno 1863)
Capo di divisione al Ministero delle finanze
Direttore delle contribuzioni dirette (1857)
Intendente generale dei palazzi e delle ville della Real Casa in Napoli (1863)
Segretario generale del Ministero della Real Casa
Sovrintendente generale della lista civile e del patrimonio privato del Re (1867)
Ministro della Real Casa
Cariche governative:
Cariche e titoli: Professore di Diritto presso la scuola secondaria universitaria di Asti
Alto commissario per la città di Genova (1857)
Ministro di Stato

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/09/1872
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Tommaso Spinola
Convalida:16/12/1872
Giuramento:16/12/1872

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 febbraio 1878
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 22 maggio 1873
Grande ufficiale del Nicham Iftikar (Tunisia)
Commendatore dell'Ordine di S. Carlo III e Isabella la Cattolica (Spagna)
Gran Cordone dell'Ordine del Sole e del Leone di Persia
Commendatore dell'Ordine della Corona di Prussia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
IX
Nizza Monferrato
22-10-1865*
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Nizza Monferrato
10-3-1867
Destra
XI
Nizza Monferrato
20-11-1870**
Destra
Cessazione per nomina a senatore


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Pietosa consuetudine vuole che noi mestamente volgiamo il primo pensiero ai nostri trapassati.
      Dico adunque che dappoi il nove di agosto morirono i senatori Di Baucina, Visone, Cusa, Plezza, Muratori, Brunet, Scacchi, Martinelli, Di Calabiana, Guala, Minich. [...]
      Nel pomeriggio del medesimo giorno cessava di vivere, nella sua villa presso Moncalieri, il conte Giovanni Visone.
      A Costigliole d'Asti nacque Giovanni Visone addì 5 ottobre 1814. Laureato a Torino nella legge, per poco in giovine età la professò nelle scuole universitarie; più a lungo, addetto all'ordine giudiziario, ne applicò i dettami. Trasferito, son circa quarant'anni negli uffici amministrativi, raggiunse il grado d'intendente generale il 1859.
      Di bella dottrina e pratica amministrativa fornito; mente e sano criterio lo designarono ad incarichi diversi e scabrosi. Fra i quali vuolsi rammentare l'amministrazione del Comune di Genova assai sconvolta nella primavera del 1857 e nello stesso anno la direzione delle contribuzioni dirette; il Governo di Piacenza per brevi giorni unita al Regno sardo; la missione avuta in Napoli a fianco del Cialdini e del Lamarmora che in sé riunivano i poteri civili e militari. Né è da pretermettere il Cavour averlo scelto comecché "di sua piena fiducia.. e di somma capacità": giudizio quanto mai onorevole; tempi, incarichi quanto mai spinosi: tutto sommato bastevole a mostrare riscontrarsi in lui avvedutezza e prudenza, calma e fermezza, temperanza e risoluzione.
      Dopo ventisei anni passato nel 1865 dal servizio dello Stato nell'amministrazione della Real Casa, vi ebbe incarichi diversi, fino a che ne divenne e ne fu ministro per più di otto. In quel torno entrato in Parlamento sedette durante tre legislature (9ª,10ª,11ª), per il collegio nativo di Nizza Monferrato, nella Camera dei deputati e dal 1872 in poi in questa; conciliando con rara discrezione i doveri parlamentari coi doveri ed i riguardi che l'altissimo ufficio presso il Sovrano gli imponeva.
      La benevolenza dei due primi Re d'Italia lo accompagnò, lo onorò per i lunghi anni, dei lunghi ed egregi servizi; ne consolò gli ultimi travagliati giorni. Ne furono segni patenti il titolo nobiliare largitogli, i gradi di ministro onorario della Real Casa e di ministro di Stato conferitigli quando l'età e la infermità pur dianzi lo costrinsero a vita privata: nobile guiderdone alla devozione illimitata con che, per oltre cinquant'anni l'illustre uomo aveva messo tutto se stesso in servizio dello Stato e del Re.
      Insigne esempio, questo di Giovanni Visone, di tali di cui si perde lo stampo; di funzionari che sebbene, per i compiuti servizi, emeriti, nulla credevano aver fatto quando altre fatiche vi fossero da incontrare. Funzionari i quali, più che altri non pensi, furono fidato e potente strumento in mano degli artefici delle fortune d'Italia ed ai quali la patria rigenerata deve gratitudine ed onore (Approvazioni). [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Sprovieri Francesco.
      SPROVIERI F. [...]
      Completando la mia proposta, propongo che a tutte le famiglie dei colleghi defunti ed a quella del ministro Genala si inviino le condoglianze del Senato.
      GIOLITTI, presidente del Consiglio. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      GIOLITTI, presidente del Consiglio. Il ricordo, fatto dall’illustre Presidente del Senato, dei meriti patriottici, della sapienza e dei servigi resi allo Stato nella scienze e nell’amministrazione dai senatori recentemente defunti, dimostra quanta somma e quanto valore di patriottismo e di scienza sia andata perduta per lo Stato. [...]
      PRESIDENTE. Se nessun altro chiede i parlare, pongo ai voti la proposta fatta dal senatore Sprovieri Francesco nella quale è compresa anche quella del senatore Bartoli, che cioè il Senato voglia esprimere le sue condoglianze alle famiglie dei senatori defunti, dei quali ho tessuto l’elogio.
      Chi approva questa proposta voglia alzarsi.
      (Approvato).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 23 novembre 1893.

Ringraziamenti:-Sindaco di Costigliole d'Asti (Asti) Luigi Solaro
-Ufficiale dello Stato civile e d'anagrafe delegato Roberto Caldera


Attività 2338_Visone_Giovanni_IndiciAP.pdf