SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FAINA Zeffirino

  

    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/09/1826
Luogo di nascita:SAN VENANZO (Perugia) - oggi (Terni)
Data del decesso:17/06/1917
Luogo di decesso:PERUGIA
Padre:Venanzio (anche nella forma Venanzo)
Madre:PAOLOZZI Angelica
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso con breve pontificio il 23 marzo 1858, riconosciuto con decreto regio del 9 giugno 1904 e con regie patenti dell'11 dicembre 1904
Nobile di Amelia
Coniuge:BALDINI Francesca
Coniuge:VALENTINI Luciana
Figli: Elvira, figlia di Francesca BALDINI
Napoleone, figlio di Luciana BONAPARTE, che era padre di Mauro, Carlo, Angelica, Aldo, Luciano, Camilla, Paolo, Maria
Alessandrina, figlia di Luciana BONAPARTE
Cristina, figlia di Luciana BONAPARTE
Fratelli:Claudio, padre di Eugenio, nipote, senatore (vedi scheda), che era a sua volta padre di Claudio, senatore (vedi scheda)
Parenti:FAINA Angelo, avo paterno
MATTEUCCI Angela, ava paterna
BALDINI Luigi, suocero, padre della prima moglie
VALENTINI BONAPARTE Maria, suocera, madre della seconda moglie
BONAPARTE Luciano, padre di Maria VALENTINI BONAPARTE
Titoli di studio:Laurea in filosofia e matematica
Presso:Università di Perugia
Professione:Industriale
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Marsciano (1870-1877)
Vicepresidente del Consiglio provinciale di Perugia
Presidente del Consiglio provinciale di Perugia (1891-27 giugno 1892)
Cariche amministrative:Membro della Deputazione provinciale di Perugia (supplente, 1864) (ordinario, 1867)
Consigliere provinciale di Perugia (1861-1892)
Consigliere comunale di Perugia (1865-1867) (1870) (1880-1881)
Consigliere comunale di Marsciano
Assessore comunale di Marsciano
Cariche e titoli: Direttore del Banco Baldini di Perugia (post 15 giugno 1850)
Direttore della Filanda dell'ex Convento di san Francesco Delle Donne (1853)
Tenente colonnello della Guardia nazionale di Perugia ([settembre]-dicembre 1860)
Presidente della Cassa di risparmio di Perugia (1872-1889)
Presidente della Banca di Perugia (1889-1904) [nata da Cassa di risparmio di Perugia e da Banca perugina di sconto; la nuova banca nel 1904 fu assorbita dalla Banca commerciale italiana]
Membro del Consiglio d'amministrazione della Banca commerciale italiana (24 marzo 1906-17 giugno 1917)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/07/1886
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Francesco Ghiglieri
Convalida:14/06/1886
Giuramento:14/06/1886

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 11 agosto 1906
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 luglio 1909
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 14 gennaio 1872
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XI
Perugia II
14-12-1873*
Centro-destra
Elezioni in corso di legislatura. Ballottaggio il 21 dicembre 1873
XII
Perugia II
8-11-1874
Centro-destra
XIII
Perugia II
5-11-1876**
Centro-destra
Ballottaggio il 12 novembre 1876
XIV
Perugia II
16-5-1880
Centro-destra
XV
Perugia I
29-10-1882
Centro-destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! [...]
      Altro uomo del risorgimento fu il conte Zeffirino Faina, morto in Perugia il 17 testé scorso. Era nato in San Venanzo di Orvieto addì 9 febbraio 1826. Giovane ardente d'italiani sensi nel 1848 prese l'armi per combattere in Lombardia, che portò di là alla difesa di Venezia. Sotto la reazione pontificia non dissimulò i suoi principii, onde soffrì. Lungo il decennio cospirò con il programma della società nazionale; e fu del Comitato promotore dell'insurrezione di Perugia del 14 giugno 1859; uno del Governo provvisorio, e de' sottoscritti al proclama del 15 al popolo. Riprese Perugia dai pontifici, il Faina esulò e fu condannato a morte in contumacia con gli altri del caduto Governo provvisorio. Rivide Perugia libera, quando le Marche e l'Umbria furono occupate dalle regie truppe. Il municipio di Perugia conserva documenti importanti di quella prima riscossa dal Faina donatagli. Annessa l'Umbria al Regno di Vittorio Emanuele II, fu il primo eletto di Perugia al Parlamento, e deputato alla Camera al 2° collegio dalla XI alla XIV legislatura, e fra i rappresentanti del 1° nella XV. In città e provincia diede senno e zelo alle amministrazioni; con reputazione di somma integrità ed illibatezza. Fu nominato senatore per regio decreto 7 giugno 1886. Dolente il Senato della perdita, si conduole in particolar modo con il conte Eugenio nipote del defunto parimenti nostro amato e pregiato collega. (Bene). [...]
      TITTONI TOMMASO. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      TITTONI TOMMASO. [...] A questa schiera apparteneva anche un altro venerando patriota, che seguì Giovanni Cadolini poco tempo dopo nella tomba: Zeffirino Faina. Mio padre Vincenzo, inviato dal conte di Cavour nell'Umbria presso il generale Fanti, trovò il Faina alla testa del movimento nazionale e si legò a lui di amicizia fraterna. Molti anni dopo, andato io a reggere quella nobilissima provincia, trovai la sua canizie consolata dall’amore e dalla venerazione di tutti i suoi concittadini.
      Egregi colleghi, uniamo in un solo pensiero mesto e riverente coloro che già combatterono per l'indipendenza d'Italia e coloro che combattono oggi per la sua grandezza. (Bravo).
      Ben possiamo dire in questo momento solenne della nostra vita nazionale che in tutti i campi di battaglia, nei più antichi e nei più recenti, da Legnano all’Isonzo, le ossa dei caduti "fremono amor di [LACUNA]". (Bene; applausi). [...]
      PRESIDENTE. Darò pronta esecuzione alle proposte fatte dai singoli oratori e nelle quali è certo consenziente il Senato.
      Do ora facoltà di parlare all'onorevole ministro della pubblica istruzione.
      RUFFINI, ministro della pubblica istruzione. Unisco in nome del Governo alla degna commemorazione, che è stata fatta degli illustri senatori scomparsi nel breve tratto di tempo che è intercorso dalle nostre ultime adunanze, una parola di sincero cordoglio, di profondo rimpianto e di vivissima ammirazione.
      Sono fra questi scomparsi figure di molto diversa significazione, di molto diversa forza rappresentativa. Da una parte due figure già appartenenti alla storia del nostro riscatto: i senatori Cadolini e Faina. Due figure, le quali già in vita avevano oramai un loro posto incontrastabile nella nostra storia, e si ergevano di già con l'aureola dell'eroismo, nello sfondo più puro del nostro risorgimento nazionale. E questo per un miracolo di longevità che era non ultimo segno della loro eccezionale e rigogliosa personalità. [...]
      PRESIDENTE. Darò pronta esecuzione alle proposte fatte dai singoli oratori e nelle quali è certo consenziente il Senato.
      Do ora facoltà di parlare all'onorevole ministro della pubblica istruzione.
      RUFFINI, ministro della pubblica istruzione. Unisco in nome del Governo alla degna commemorazione, che è stata fatta degli illustri senatori scomparsi nel breve tratto di tempo che è intercorso dalle nostre ultime adunanze, una parola di sincero cordoglio, di profondo rimpianto e di vivissima ammirazione. [...]
      Ma con questo vorremmo dire noi, che è riserbato il sentimento del rimpianto per queste ancor giovani, ancor vigorose figure anzitempo scomparse, e non si debba tributare invece se non un pensiero di semplice ammirazione verso quelle grandi figure storiche? No, certamente. In questa prova immane, in cui il paese ha trasfuso tutte le sue energie, materiali, spirituali e morali, in questa prova suprema, da cui il paese nostro uscirà o più grande di prima o con destini limitati, tutto è stato tratto in mezzo, tutto è stato invocato; e il nostro passato è stato chiamato esso pure alla riscossa, per farne una forza morale: così gli insegnamenti dei nostri antichi scrittori e pensatori, come l'esempio dei nostri grandi uomini di Stato e di guerra. Per questo il permanere in mezzo a noi di figure quali quelle del Cadolini e del Faina rappresentava non soltanto un argomento d'orgoglio, ma anche di rinvigorimento e di incitamento all'imperterrita prosecuzione della nostra patriottica impresa.
      Perché, se è cosa che conforta e che incuora il vedere i giovani dare tutto il loro entusiasmo a questa nostra grande gesta nazionale, certamente è spettacolo ancora più mirabile il vedere un eguale entusiasmo permanere nei vecchi, il vedere in chi l'impresa iniziò fin dal suo più remoto prologo, mantenersi intatta e sempre vivida, ad onta degli anni e degli eventi, la fede che aveva ispirato i giovanili ardimenti. Questo ci è garanzia della giustizia e della santità della nostra grande prova presente; poiché a quelle anime superiori questa prova appariva come il fatale e provvidenziale coronamento, l'epilogo necessario del nostro risorgimento nazionale.
      E noi possiamo immaginare che queste anime nobilissime ricevettero, nello affacciarsi alla soglia dell'oltretomba, il più ambito premio della loro fede incrollabile nei destini della patria, vedendosi venire incontro tante e così nobili anime giovinette che, devote al loro esempio, fecero sacrifizio di sé alla patria, vedendosi venire incontro i vostri figli eroici, o colleghi Di Prampero, Niccolini, Torrigiani, con su le bocche ancora il grido dell'ora loro suprema, il santo grido: Italia! Italia! (Vivissime approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 20 giugno 1917.

Note:Costituì il Governo provvisorio di Perugia insieme con Francesco Guardabassi, Niccolò Danzetta, Tiberio Berardi (14-20 giugno 1859).
Ringraziamenti:Laura Zazzerini - Provincia di Perugia

Attività