SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


PIROLI Giuseppe

  

  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/16/1815
Luogo di nascita:BUSSETO (Parma)
Data del decesso:14/11/1890
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Pietro
Madre:AFFO' Colomba
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Maria MAZZINI
Figli: Pietro, Alberto, Marcella, Annalisa, Luigi
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Piazza Esquilino, 12
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Parma
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Magistrato
Carriera:Professore di Legislazione criminale all'Università di Parma (15 aprile 1848-agosto 1848. Destituito dalla carica)
Professore di Diritto civile all'Università di Parma (1854)
Preside della Facoltà giuridica dell'Università di Parma (20 novembre 1862)
Professore ordinario di Diritto penale all'Università di Parma (15 gennaio 1863)
Professore emerito dell'Università di Parma
Consigliere di Stato (18 giugno 1865)
Presidente di sezione del Consiglio di Stato (24 febbraio 1884)
Cariche politico - amministrative:Membro del Governo provvisorio di Parma (1859)
Membro e segretario dell'Assemblea dei rappresentanti del popolo (Parma) (1859)
Cariche e titoli: Segretario della Reggenza, poi del Governo provvisorio di Parma (1848)
Membro straordinario del Consiglio superiore della pubblica istruzione (15 ottobre 1865-dicembre 1866)
Presidente del Consiglio di amministrazione delle Ferrovie dell’Alta Italia (1878)
Membro della Commissione di vigilanza della Cassa depositi e prestiti

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/26/1884
Categoria:15 I Consiglieri di Stato
dopo cinque anni di funzioni
Relatore:Bernardino Giannuzzi Savelli
Convalida:03/12/1884
Giuramento:03/12/1884

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro marzo 1867
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 gennaio 1888
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 21 luglio 1872

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
San Donato
25-3-1860*
Liberale moderato
Eletto anche nel collegio di Borgo San Donnino, optò per il collegio di San Donato il 12 aprile 1860
VIII
Parma I
27-1-1861**
Liberale moderato
Ballottaggio il 3 febbraio 1861. Cessazione per nomina a consigliere di Stato
IX
Borgo San Donnino [oggi Fidenza]
31-12-1865***
Liberale moderato
Ballottaggio il 7 gennaio 1866. Elezione in corso di legislatura
X
Borgo San Donnino [oggi Fidenza]
10-3-1867****
Liberale moderato
Ballottaggio il 17 marzo 1867
XI
Borgo San Donnino [oggi Fidenza]
20-11-1870*****
Liberale moderato
Ballottaggio il 27 novembre 1870
XII
Borgo San Donnino [oggi Fidenza]
8-11-1874
Liberale moderato
Cariche:Vicepresidente (26 novembre 1872-20 settembre 1874) (26 novembre 1874-3 ottobre 1876)


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge sulla facoltà di eccedere la sovrimposta (13 febbraio 1889)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      La mia parola dolente deve, signori senatori, ricordare le dolorose perdite da noi fatte. [...]
      Nelle prime ore del 14 novembre moriva in Roma il senatore Giuseppe Piroli.
      In Busseto, il 16 febbraio 1815, aveva sortito i natali, in Parma si era addottorato nella legge.
      Dottrina varia, animo gentile, grande rettitudine lo misero in vista in questa città, scelta a residenza, nel novero dei fautori del vivere libero ed indipendente.
      Quando nel 1848 Carlo II di Borbone fuggì paurosamente il ducato e il turbine che lo minacciava, il Piroli divenne segretario della reggenza, poi del Governo provvisorio. E favorì a tutt'uomo il voto per l'unione al Piemonte, dai rovesci delle armi italiane allora frustrato e che maturarono un decennio di dolori, di torture, di persecuzioni. Le quali, lo scapestrato Carlo III, al primo ghermire lo Stato, non risparmiò al Piroli, cassato dalla Cattedra di diritto criminale nell'Università parmense, fin dal 1848 conferitagli.
      Agli avvenimenti del 1859 partecipò con animo risoluto; fermo negli stessi propositi che erano stati sua meta fin dal primo entrare la vita pubblica.
      Non lo prostrò la pace di Villafranca; non lo sbigottirono le incertezze, le minaccie, i pericoli che ne seguirono.
      Per il municipio di Parma oratore a Re Vittorio Emanuele favoreggiatore della dittatura nell'Emilia: alla Assemblea parmense caldeggiatore dell'unione al Regno del Re galantuomo, ebbe la consolazione di vederla unanimemente, a sua proposta, decretata.
      Effettuatasi nel marzo 1860, il Piroli venne eletto al Parlamento nazionale per sei legislature consecutive: si schierò fra gli assidui, fra gli operosi; diventò presto degli autorevoli. Indi la sua nomina, per quattro volte, a Vicepresidente della Camera.
      Benemerito del risorgimento nazionale non lo assalì tentazione di vanità, soddisfatto, nella sua modestia, di dettare in Parma il diritto.
      Chiamato nel 1865 al Consiglio di Stato, da più di sei anni ne era presidente di sezione, e da sei anni apparteneva al Senato, acquistando in ambedue i consessi chiaro nome.
      E noi lo vedemmo, laborioso quant'altri, pigliare gelosa cura dell'ufficio suo; e, con mesto occhio, lo ammirammo, stremato di vigoria, far testa al male che lo andava lentamente consumando e, pur sempre alla cosa pubblica indefessamente inteso, lentamente spegnersi.
      Fu il Piroli affabile senza piacenteria, arrendevole senza debolezza, rigido senza asprezza.
      Nella lunga vita non mutò mai né un'opinione, né un'aspirazione; e pur nondimeno tutti a lui con deferenza si inchinavano: i dispetti, i risentimenti di parte non osarono mai alzarsi fino a lui.
      Beato lui, intorno alla cui bara non si levò che una voce sola di affetto e di rimpianto! (Benissimo). [...]
      FINALI, ministro dei lavori pubblici. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      FINALI, ministro dei lavori pubblici. Il Governo si associa di gran cuore alle commoventi lodi pronunziate dall'onorevolissimo nostro Presidente alla memoria dei cinque colleghi defunti.
      Alle sue necrologie ispirate da tanto affetto, espresse con frase così evidente ed efficace, nulla vi è da aggiungere.
      Il Senato anche in questo deve essere grato al suo Presidente pel modo mobilissimo col quale adempie al suo alto ufficio.
      Io udendo così eloquentemente commemorare le virtù dei cinque nostri cinque nostri colleghi defunti, mi compiaceva soprattutto in un pensiero, cioè che in tutti i compianti senatori ad ogni altro pregio prevalse il sentimento e la devozione costante verso la libertà e verso la patria, che è il pregio più desiderato in questo alto consesso.
      Voci: Benissimo.
      PRESIDENTE. [...]
      Mi pare poi che sia unanime desiderio dell’Assemblea, di estendere questa nostra manifestazione di cordoglio a tutte le famiglie dei senatori estinti.
      Pongo ai voti la proposta.
      Chi l’approva è pregato di alzarsi.
      (Approvato).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1890.

Ringraziamenti:Avv. Mario Egidio Schinaia Presidente del Consiglio di Stato
Ufficio di stato civile di Roma. Sig. Stefano Recchia


Attività 1773_Piroli_IndiciAP.pdf