SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


ROSSI Angelo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/05/1838
Luogo di nascita:ONEGLIA (Porto Maurizio) - oggi IMPERIA
Data del decesso:10/12/1913
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Davide
Madre:CALVI Luigia
Coniuge:REVIGLIO Vittorina
Figli: Davide,
Vittorio
Teresa
Luogo di residenza:TORINO
Professione:Industriale
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Torino (1875-1913)
Consigliere provinciale di Torino (1878-1907)
Assessore comunale di Torino (22 novembre 1889-25 febbraio 1891)
Cariche e titoli: Presidente del Circolo Dora e Borgo Dora
Membro della Giunta direttiva del Museo industriale di Torino (1882), poi del Politecnico
Membro del Consiglio superiore dell'industria e del commercio
Presidente del Comizio agrario di Ivrea
Membro del Consiglio amministrativo dell'Istituto per le figlie dei militari
Membro del Consiglio amministrativo del Politecnico di Torino
Socio corrispondente dell'Accademia d'agricoltura di Torino (28 febbraio 1882)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Torino10/10/1890
Nomina:12/04/1890
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:15/12/1890
Giuramento:10/12/1890
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Durante la sospensione delle nostre sedute ci sono mancati i senatori Rossi Angelo e Cognata. Angelo Rossi, morto in Torino il 10 dicembre, era nato in Oneglia il 5 aprile 1832 [sic], ma torinese di elezione. Da operosità e da ingegno nell'industria paterna e nel commercio elevato a fortuna privata ed a rinomanza di abile amministratore, ebbe aperta in Torino la vita pubblica, nella quale si condusse con amore alla città, al comune, alla provincia, con alacrità indefessa agli istituti ed alle aziende civiche. Fidente nelle forze di quella metropoli piemontese, contribuì caldamente e costantemente ai suoi progressi. Promotore e fautore della grande esposizione nazionale del 1884, gliene fu riconosciuto tale merito da essere premiato di medaglia d'oro, che gli venne coniata. Il Comune di Torino l'ebbe consigliere dal 1874 [sic], e più volte relatore del bilancio. Fu consigliere provinciale; membro della Commissione del Museo industriale e de' consigli amministrativi dell'Istituto per le figlie dei militari e del R. Politecnico. Oculato e sagace, zelante e retto, liberale e generoso, pratico eccellente, rimane di lui grata ed amata memoria. Il sindaco di Torino, nel giorno stesso della morte, dando al Consiglio adunato in profondo cordoglio il ferale annunzio, disse grande la perdita per Torino, perdita di uno de' migliori, de' più eletti cittadini; grande per l'amministrazione comunale; e l'adunanza si sciolse in segno di lutto. Egualmente sentito è il lutto dal Senato, che Angelo Rossi pregiava fra i suoi dal 4 dicembre 1890. (Benissimo). [...]
      FROLA. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FROLA. Consenta il Senato che io, in modo speciale, mi unisca alle parole di rimpianto che il nostro illustre Presidente ha detto in onore di Angelo Rossi. Ciò facendo, adempio non solo al dovere di antica amicizia, ma anche a quello che deriva dalla comunanza di rapporti avuti con lui nelle amministrazioni pubbliche, in cui tanto si distinse. Accenno solo al concorso intelligente, operoso prestato da Angelo Rossi nella risoluzione di grandi questioni che interessavano la città di Torino, specialmente al concorso che diede in queste questioni quando io avevo l’onore di essere sindaco di quella città. Fu sempre un amministratore indefesso e intemerato e più di tutti operoso; un amministratore che accettava le cariche non come un onore, ma come un onere, per disimpegnarle nel miglior modo a pro della cosa pubblica. Consenta il Senato che io ricordi pure l’opera di lui prestata nel Politecnico di Torino, che il Senato volle retto ad ente autonomo e che dalla sapienza del Senato ebbe speciali norme e speciali reggimenti. Allo spirito di Angelo Rossi giunga il nostro rimpianto, alla sua famiglia vadano le sentite condoglianze del Senato.
      (Approvazioni vivissime). [...]
      DI SAN GIULIANO, ministro degli affari esteri. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      DI SAN GIULIANO, ministro degli affari esteri. Il Governo si associa alle nobili e commosse parole che, in onore della memoria dei due colleghi che abbiamo perduti, sono state testé profferite dal nostro illustre Presidente e dai senatori Frola e Filì Astolfone. Il Governo si associa pure alle proposte che sono state fatte.
      PRESIDENTE. Mi farò un dovere di dare esecuzione alle proposte accennate dai senatori Frola e Filì Astolfone, nelle quali è certo consenziente il Senato.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 19 dicembre 1913.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 5 ottobre 1838.
Ringraziamenti:Sindaco del Comune di Imperia
Isa Gastaldi e Ugo Braccesi - Biblioteca civica "Leonardo Lagorio" di Imperia
Dott. Luigi Balice, ufficiale dello Stato civile del Comune di Torino


Attività 1938_Rossi_Angelo_IndiciAP.pdf