SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CORTI Luigi

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/24/1823
Luogo di nascita:GAMBARANA (Pavia)
Data del decesso:18/02/1888
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Gaspare
Madre:MALASPINA Beatrice
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Coniuge:Celibe
Fratelli:Alfonso
Carlo
Emilia
Costanza
Titoli di studio:Laurea in matematica
Presso:Università di Pavia
Professione:Diplomatico
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Ministro residente (18 gennaio 1864) a Stoccolma (1° marzo 1864)
Inviato straordinario e ministro plenipotenziario (27 gennaio 1867) a Madrid (10 agosto 1867), L'Aja (11 aprile 1869), Washington (13 febbraio 1870), Costantinopoli (29 agosto 1875)
Inviato straordinario e ministro plenipotenziario di I classe (25 gennaio 1877-25 dicembre 1887) a Costantinopoli (8 dicembre 1878), Londra (17 dicembre 1885)
Cariche e titoli: Tenente (Regno di Sardegna) (1848)
Plenipotenziario al Congresso di Berlino (1878)
Plenipotenziario alla Conferenza di Costantinopoli per gli affari del Montenegro (1880)
Plenipotenziario alla Conferenza di Costantinopoli per gli affari della Grecia (1881)
Plenipotenziario alla Conferenza di Costantinopoli per gli affari dell'Egitto (1882)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/31/1878
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Luigi Agostino Casati
Convalida:02/04/1878
Giuramento:04/04/1878

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 23 ottobre 1865
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 8 giugno 1874
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 giugno 1883
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra di indipendenza
Arma:Esercito: artiglieria
Volontario:SI


    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro degli affari esteri (26 marzo-19 ottobre 1878)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Marco Tabarrini, Vicepresidente

      Nell'intervallo dalle ultime nostre adunanze, abbiamo perduto tre colleghi, il conte Corti, il professore Fedeli, il professore Ferrati. Seguo il pietoso costume e leggo le commemorazioni dei tre colleghi defunti.
      La sera del 18 di febbraio ultimo cessava di vivere in questa città il conte Luigi Corti, senatore del Regno.
      Nato il 24 ottobre del 1823 a Gambarana in Lomellina e laureato in matematica nell'Università di Pavia, egli entrò verso la fine del 1846 in qualità di volontario diplomatico al Ministero degli affari esteri. Scoppiata la guerra d'indipendenza del 1848, si arruolò volontario nell'esercito piemontese e prese parte a quella campagna riportando il grado di tenente d'artiglieria. A guerra finita riprese la interrotta carriera diplomatica, che percorse rapidamente nei diversi gradi fino a quello da esso ultimamente occupato di ambasciatore a Londra.
      Fra le importanti missioni ad esso affidate deve annoverarsi quella di arbitro scelto di comune accordo dalla regina d'Inghilterra e dal presidente degli Stati Uniti d'America per far parte della Commissione di Washington per la definizione delle questioni pendenti fra i due Stati nel 1872-73. Fu ministro degli affari esteri dal 26 marzo al 27 ottobre 1878, e in tale qualità sedette come rappresentante del Governo italiano nel Congresso di Berlino tenutosi in quell'anno. Ambasciatore a Costantinopoli, prese parte come plenipotenziario italiano a tutte le conferenze che ebbero luogo in quella capitale dal 1880 al 1885 per gli affari del Montenegro, della Grecia, dell'Egitto e della Rumelia orientale.
      Apparteneva a quest'alta Assemblea dal 31 marzo 1878.
      Gentiluomo perfetto, patriotta egregio, il conte Corti lasciò vivo desiderio di sé ed onorata ricordanza. [...]
      MAGLIANI, ministro delle finanze. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      MAGLIANI, ministro delle finanze. A nome del Governo mi associo alle parole di elogio e di compianto che furono pronunciate dall'egregio nostro Presidente e dall'onorevole propinante pei nostri colleghi estinti, i quali furono benemeriti della patria, decoro della scienza ed ornamento di questo alto consesso.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 8 marzo 1888.

Ringraziamenti:-Sindaco del Comune di Gambarana (Pavia) Edoardo Chiodi

Attività 0653_Corti_IndiciAP.pdf