SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


GUARNERI Andrea

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/15/1826
Luogo di nascita:PALERMO
Data del decesso:05/10/1914
Luogo di decesso:PALERMO
Padre:Luigi Antonio
Madre:MELI Eugenia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:LICARDI Camilla
Figli: Eugenio
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Palermo
Professione:Avvocato
Altre professioni:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore straordinario di Etica e diritto naturale all'Università di Palermo
Professore straordinario di Filosofia teoretica all'Università di Palermo (1863-1864)
Professore straordinario di Procedura civile e ordinamento giudiziario all'Università di Palermo (6 settembre 1866)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Palermo
Consigliere provinciale di Palermo
Cariche e titoli: Commissario straordinario di Caltanissetta (Governo provvisorio di Sicilia) (1848)
Membro del Consiglio generale del Banco di Sicilia
Delegato del Consiglio generale del Banco di Sicilia
Vicepresidente della Società siciliana di storia patria
Presidente della Società siciliana di storia patria

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/15/1880
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Marco Boncompagni Ludovisi Ottoboni
Convalida:15/03/1880
Giuramento:30/04/1880

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 giugno 1895
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 21 giugno 1906


    .:: Senato del Regno ::.

Cariche:Vicepresidente (1° aprile 1897-15 luglio 1898)
Commissioni:Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (25 novembre 1892-8 febbraio 1909)

    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Segretario di Stato per le finanze di grazia e giustizia (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (2-20 giugno 1860)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazioni
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! [...]
      Andrea Guarneri era un altro collega nostro, la cui presenza da qualche anno non ci era più che desiderata, per le fisiche condizioni che ce lo tenevano lontano. Oggi ci è tolta pur la speranza di rivederlo. Morì il 5 ottobre in Palermo, ove era nato il 15 maggio 1826. Quanto la città, lo ha pianto il Senato, in cui oggi ridestasi il duolo. Fu il Guarneri un dotto, la cui mente si aprì precoce allo apprendere: fu un fervente di patria e di libertà, per le quali palpitò fin dall'adolescenza. Poco più che ventenne nel 1848, già letterato, unì la penna a quelle di Enrico Amari, di Francesco Ferrara, del D'Ondes, del Cordova ne' periodici palermitani di maggior grido. Non ebbe gli anni per poter prender seggio nel Parlamento siciliano, ma non gli mancò il braccio per le armi nella Guardia nazionale. Non perdé l'animo nelle sorti avverse; nel decennio mantenne vive le speranze, in corrispondenza con gli emigrati, e nell'azione segreta del Comitato rivoluzionario. L'alba del 27 maggio 1860 lo vide fra i primi a sommovere Palermo ed incoraggiare i combattenti. Vittoriosa la rivoluzione, Garibaldi lo comprese nel primo ministero della dittatura per la giustizia. Giovò il suo consiglio al dittatore; e conferì il suo senno a tenere la libertà nell'ordine sotto la legge ed a guidarla ai fini nazionali. Successivamente governò la provincia di Girgenti, fu direttore del demanio e procuratore generale della Corte dei conti, avendo anche preso parte non poca ai lavori del Consiglio straordinario di Stato per gl'interessi della Sicilia. Ritiratosi a vita privata, non fu tardo al dovere di cittadino, quando a lui si ricorse; prestò sollecitudine alle cose del Comune e della Provincia; le sue cure ebbero il Banco di Sicilia, la Casa di risparmio, la Società di storia patria, la Croce rossa italiana. Giurista luminare del foro e della cattedra insegnò con plauso per oltre quarantatré anni la procedura civile e l'ordinamento giudiziario nella Università di Palermo; e professore straordinario il modesto uomo amò rimanere senza mai chiedere il titolo di ordinario.
      In Senato, venutovi per decreto del 15 febbraio 1880, fu vice presidente dal 5 aprile 1897 al 15 luglio 1898, e diede proficua opera ai lavori, autorevole voce alle discussioni, quando l'assisteva salute. Vivace e vigoroso oratore, interpellò varie volte il Governo e discorse sui più importanti argomenti, caldo sommamente della dignità dell'alto Consesso e delle sue prerogative. Animo energico, spirito indipendente, carattere fermo, coraggio civile, sdegno dell'ingiustizia e della prepotenza, eran suoi pregi. Ambizioso delle glorie della terra natale, era appassionato raccoglitore degli oggetti antichi e delle storiche memorie, che la illustrano. La Società siciliana per la storia patria, che lo teneva presidente, nella seduta straordinaria del 5 giugno 1910, ricorrendo il cinquantenario del decreto di Garibaldi, che nominò il Guarneri ministro della giustizia, lo festeggiò con straordinarie onoranze. Gli era stata deliberata medaglia e pergamena; ma egli espresse, che avrebbe avuto più caro un albo contenente le firme autografe del Consiglio direttivo; e non questo solo, ma più che dugento soci, quanti erano in Palermo, firmarono l'albo, che gli venne presentato. Come allora fu onorato l'unico superstite delle gesta sicule del 1860, onoriamone oggi la tomba, evocando quelle glorie ad imperitura memoria. (Benissimo).
      [...]
      PRESIDENTE. Mi farò un dovere di adempiere a tutti i desideri espressi dagli onorevoli senatori.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 3 dicembre 1914.

Note:Partecipò ai moti del 1848.
Ringraziamenti:- Direttore della Biblioteca comunale di Palermo Dott. Filippo Guttuso, Dott. P. La Mattina, Dott. Di Benedetto, dott. Vincenzo Ganci
- Dott.ssa Massa - Archivio storico comunale di Palermo
- Dott. Giuseppe Castronovo - Ufficiale di stato civile del Comune di Palermo


Attività 1202_Guarneri_IndiciAP.pdf