SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


PUGLIESE GIANNONE Vincenzo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/19/1819
Luogo di nascita:CALTANISSETTA
Data del decesso:05/03/1892
Luogo di decesso:CALTANISSETTA
Padre:PUGLIESE Baldassarre
Madre:GIANNONE Michela
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Fratelli:Calogera, che spos˛ DELL'AIRA Nicol˛
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Deputato alla Camera dei Comuni per Caltanissetta (Sicilia) (1849)
Cariche e titoli: Membro della Segreteria di Stato della pubblica sicurezza (1860)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Deputato18/07/1890
Nomina:10/27/1890
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:13/12/1890
Giuramento:10/12/1890
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Caltanissetta
21-4-1861*
Destra
Ballottaggio il 19 maggio 1861
IX
Terranova di Sicilia [oggi Gela]
22-10-1865**
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
XI
Caltanissetta
20-11-1870***
Destra
Ballottaggio il 27 novembre 1870
XII
Caltanissetta
8-11-1874
Destra
XV
Caltanissetta
29-10-1882
Destra
XVI
Caltanissetta
23-5-1886
Destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Nelle prime ore del pomeriggio del giorno 5 corrente mese, mancava ai vivi in Caltanissetta, dove era nato l'anno 1819, il senatore Vincenzo Pugliese-Giannone.
      Vincenzo Pugliese-Giannone si ascrisse, fin dalla prima giovent¨, alle file dei liberali e fu ad esse fedele, non curando le persecuzioni, sprezzando i pericoli. Addottorato nella legge, il buon ingegno, l'animo retto, il libero sentire, lo misero nella grazia dei concittadini tanto che ne fu eletto rappresentante al Parlamento adunato nel 1848 in Palermo dalla rivoluzione vittoriosa. Questa vinta, quello disperso, non disper˛ delle patrie sorti. Non le minaccie, non le angherie lo intimidirono: relegato a Palermo, sospettato, sorvegliato, non si appag˛ di chiudere in petto la calda fede e la viva speranza, di sospirare rassegnato la riscossa, ma fatta forza alla mite indole si gett˛ con coraggio allo sbaraglio del cospirare. Unitario a tutta prova, fautore a tutt'uomo nel 1860 dell'annessione, questa avvenuta, fu per i collegi di Terranova e di Caltanissetta alla Camera dei deputati durante sei legislature (8¬-16¬) e vi stette facendosi coscienza della maggiore abnegazione ed assiduitÓ. Eletto senatore, non sono ancora diciassette mesi, mentre la complessione vigorosa nol dava a temere, improvvisa giunse, prima che della malattia, la notizia della sua morte. La quale affligge con noi i molti estimatori dell'egregio, incorrotto cittadino, la bontÓ del quale fu uguagliata dalla modestia, superata dal grande amore della patria e della libertÓ (Benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 8 marzo 1892.

Note:Il cognome risulta anche nella variante: "Puglisi Giannone".
Secondo altra fonte risulta nato il 20 agosto 1819.
Partecip˛ ai moti del 1848.

Ringraziamenti:-Dott. Ottavio Rizza Sindaco del Comune di Caltanissetta (invio anche di atti civili)
-Capo di gabinetto del Sindaco Ottavio Rizza


AttivitÓ 1833_Pugliese_Giannone_IndiciAP.pdf