SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


GORRESIO Gaspare

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/20/1808
Luogo di nascita:BAGNASCO (Cuneo)
Data del decesso:20/05/1891
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Giovanni Battista
Madre:DEALBERTI Matilde
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Luogo di residenza:TORINO
Indirizzo:Via Maria Vittoria, 3
Titoli di studio:Laurea in filologia
Presso:UniversitÓ di Torino
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Ecclesiastico
Carriera:Sacerdote (1830)
Professore di Storia all'Accademia militare di Torino (1832)
Professore di Lingua e letteratura sanscrita all'UniversitÓ di Torino (1852)
Cariche e titoli: Cofondatore de "Il Subalpino" (1837)
Ambasciatore di SM il Re a Parigi (Regno di Sardegna) (1837)
Direttore della Biblioteca universitaria di Torino (oggi Biblioteca nazionale di Torino) (1859)
Socio nazionale dell'Accademia delle scienze di Torino (26 gennaio 1843)
Membro corrispondente della SocietÓ reale di Napoli (5 luglio 1864)
Socio dell'Accademia della Crusca di Firenze (12 febbraio 1867)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (7 luglio 1878)
Socio corrispondente dell'Accademia delle scienze e lettere di Palermo
Membro della SocietÓ di archeologia e belle arti di Torino
Socio dell'Accademia di scienze, lettere ed arti di Palermo

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/15/1880
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Marco Boncompagni Ludovisi Ottoboni
Convalida:15/03/1880
Giuramento:11/05/1881

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia 24 agosto 1844
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
Commendatore dell'Ordine della Rosa (Brasile)
Grande ufficiale dell'Ordine di Nostra Signora di Guadalupe (Messico)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Domenico Farini, Presidente

    Signori senatori! Doloroso dovere mi incombe di commemorare oggi innanzi a voi due colleghi che, ai dý passati, morte ci rapiva: i senatori Ignazio Florio e Gaspare Gorresio. [...]
    Gaspare Gorresio nacque il 20 di luglio dell'anno 1808 a Bagnasco, su quel di Mondový.
    Laureaosi in belle arti nell'UniversitÓ di Torino, perfezionatosi con pi¨ profondi studi di filologia e critica storica a Vienna, fu poi solennemente aggregato alla FacoltÓ di filosofia e belle lettere nel torinese ateneo.
    E, verso il 1832, profess˛ storia in quella Accademia militare, dove allora insegnavano le matematiche discipline e le lettere quei sommi che furono il Plana ed il Mamiani.
    Intanto gli studi filologici, che del Gorresio erano la mira suprema, la pi¨ viva passione, ricevevano in Francia ed in Germania nuovo e sapiente indirizzo: illustre fra gli illustri cultori di essi, il Bournouf, aveva grido in Parigi. A Parigi adunque, sotto gli auspici di Re Carlo Alberto, traeva il Gorresio per imparare colÓ guida di tanto maestro la lingua sanscrita.
    E lÓ a quella scuola, lÓ diretto da quel dotto, si vi addottrin˛ tanto da potere volgarizzare il maggior poema dell'India che Ŕ il Ramayana e, colla munificenza del suo re, darlo alle stampe.
    Opera di gran mole, di lena grandissima, che i dotti d'Europa ammirarono ed ammirano e che colloc˛ il Gorresio fra quelli di pi¨ bella rinomanza.
    La Cattedra di lingua sanscrita, che egli ebbe nel 1852 in Torino, fu la prima in Italia e la tenne con sommo onore a decoro di quell'ateneo fino al 1859. Da allora, abbandonatala, fu prefetto della biblioteca nazionale e segretario perpetuo dell'Accademia delle scienze di quella cittÓ; incarichi tutti nei quali fece mostra di molto sapere, pur sempre attendendo con intenso amore ai prediletti studi filologici e storici sull'estremo Oriente, dei quali lasci˛ morendo un ricco tesoro, una doviziosa messe.
    Era senatore dappoi il febbraio 1880; morý il giorno 20 di questo mese.
    Intelletto alto e vigoroso, costanza di propositi sollevarono il Gorresio e tale altezza di sapienza, a tale splendore di fama cui soltanto raggiungere possono ingegno eletto, saldo carattere, studio indefesso. Con lui si Ŕ spento un cittadino venerando, un luminare delle lettere, un'illustrazione italiana.
    Il Senato, saluta con reverenza la memoria del collega che fu onore d'Italia. (Benissimo). [...]
    MAJORANA-CALATABIANO. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare.
    MAJORANA-CALATABIANO. Io mi associo al voto che propone l’onorevole Guarneri e credo di adempire nel medesimo tempo al dovere di senatore e d’interpretare il sentimento degli onorevoli colleghi, pregando il Senato di volere emettere simile voto perchÚ venga partecipato alla famiglia del compianto senatore Gorresio.
    PRESIDENTE. Il senatore Majorana prega il Senato di esprimere uguali condoglianze anche alla famiglia del compianto senatore Gorresio.
    Metto ai voti le due proposte.
    Chi le approva Ŕ pregato di alzarsi.
    (Approvato).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 maggio 1891.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 18 gennaio 1807.
Secondo altra fonte risulta nato il 20 giugno 1808.
Il nome completo risulta essere "Carlo Guido Gaspare".
CuriositÓ: Gorresio fu il primo a tradurre in Europa il poema epico indiano "Ramayana" attribuito al poeta Valmiki. La traduzione dur˛ dal 1843 al 1870.

Ringraziamenti:-Sindaco di Bagnasco (Cuneo) Giuseppe Carazzone

AttivitÓ 1167_Gorresio_IndiciAP.pdf