SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


RICASOLI Vincenzo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/13/1814
Luogo di nascita:FIRENZE
Data del decesso:20/06/1891
Luogo di decesso:PORTO ERCOLE, fraz. di Monte Argentario (Grosseto)
Padre:Luigi Pasquale
Madre:PERUZZI Elisabetta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariBarone, titolo riconosciuto il 20 novembre 1875
Patrizio di Firenze
Coniuge:Celibe
Fratelli:RICASOLI Bettino, presidente del Consiglio
Luogo di residenza:Firenze
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Colonnello (30 ottobre 1862)
Maggiore generale (19 gennaio 1873-23 febbraio 1874. Data di collocamento nella riserva)
Cariche e titoli: Aiutante generale presso il Ministero della guerra (Granducato di Toscana) (17 aprile 1859), poi (Governo della Toscana) (17 ottobre 1859)
Ufficiale d'ordinanza onorario di SM il Re (Regno di Sardegna) (18 marzo 1860)
Comandante del quartier generale del corpo d'armata delle Marche e dell'Umbria (6 settembre 1860)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/12/1881
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Marco Boncompagni Ludovisi Ottoboni
Convalida:30/06/1881
Giuramento:09/07/1881

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine di S. Stefano (Granducato di Toscana) 1° gennaio 1849
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1849
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 12 luglio 1859
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 3 ottobre 1860
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 12 dicembre 1872 <proposta no bozza>

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1855 spedizione in Crimea
1859 seconda guerra d'indipendenza
1860-1861 campagna d'Ancona e Bassa Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Esercito: Corpo di Stato maggiore
Decorazioni:Medaglia di Crimea (Gran Bretagna, Impero Ottomano), medaglia commemorativa per la campagna d'Italia 1859 (Francia), medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia, medaglia col motto "Unità d'Italia 1848-1870

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Grosseto
25-3-1860
Destra
VIII
Scansano
27-1-1861*
Destra
Cessazione per promozione a tenente colonnello. Rieletto il 19 maggio 1861 ed ulteriore cessazione per promozione a colonnello. Rielezione il 30 novembre 1862
X
Scansano
10-3-1867
Destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori.
      Sabato scorso moriva, nella sua villa la Casa Bianca sul Monte Argentario, il senatore barone Vincenzo Ricasoli.
      Partecipandovi l'infausta notizia, testé risaputa, sono certo che tutti a me vi unirete nel rimpianto vivissimo dell'uomo dabbene, del soldato valoroso, del cittadino integerrimo, che dal 1881 ci era collega e la cui dipartita cancella dal nostro albo uno dei maggiori nomi dell'Italia presente.
      Vincenzo Ricasoli era nato a Firenze sono circa 78 anni.
      Indettato coi liberali di Toscana, cogli esuli di Romagna, ne aiutò i tentativi, e, col credito della sua casa, spesso ne agevolò lo scampo o li schermi dai pavidi sussulti del mite Governo.
      Fermo nei principii, partecipò con fede vivace ai maggiori fatti che precedettero o coi quali si svolse il nazionale rivolgimento; fedele cooperatore del fratello nei magnanimi ardimenti che nel 1859-60 guidarono la Toscana. (Bene).
      Intravvide nelle armi, nell'esercito piemontese la salvezza della patria, l'avvenire d'Italia e vi accorse volontario nel 1848-49.
      Militò di nuovo in Crimea e nelle altre guerre per l'indipendenza ed unità, deponendo la spada al cessare delle battaglie. raggiunse a passo a passo il grado di maggior generale nella riserva. Due menzioni onorevoli, la croce militare di Savoia, lo segnalarono valoroso ed esperto.
      Nell'esercito piemontese aveva rappresentato la speranza delle provincie sorelle, additato agli oppressi la missione italiana di quella schiera. Nell'esercito italiano fu esempio vivo e parlante della patriottica abnegazione che lui nel 1848, dei pochi e primo, molti di ogni ordine e di ogni condizione, nel 1859, trasse a brandire le armi liberatrici in regolare ordinanza.
      Aveva in gioventù studiato con amore, coltivato con onore le scienze naturali; nell'età matura visse inteso all'agricoltura, nei cui vigorosi travagli, interrotti i cimenti dell'armi, tornava ad allenarsi.
      E nelle maremme toscane, che rappresentò all'Assemblea di Firenze nel 1859 e per tre legislature (7, 8, 10) alla Camera il suo nome, il fecondo suo esempio saranno per un pezzo ricordati fra quelli dei benemeriti patrizi che ruppero l'incantesimo, che ignoranza e cupidigia perfidiano invincibile; e per cui l'ignavia allibisce, quasi rimpetto a fatato signore della terra maledetta, invulnerabile da umana industria, da potere di scienza, da ogni mezzo di civiltà (Benissimo).
      Forte soldato della quale, sul campo delle sue lotte e dei suoi trionfi, in mezzo alle terre sua mercé redente, morì il fratello prediletto di Bettino, Vincenzo Ricasoli.
      Onore in sempiterno al gran nome; alla memoria di Vincenzo Ricasoli un mesto saluto! (Benissimo, approvazioni generali).
      FINALI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FINALI. Non dispiaccia al Senato che alla splendida commemorazione dell’onorevolissimo Presidente, un amico di Vincenzo Ricasoli aggiunga qualche parola.
      Egli fu soldato e cittadino operoso sempre, ma egualmente modesto; e fino a tanto che durò la vita di suo fratello Bettino egli fu quasi ignorato, perché il suo nome era ecclissato dalla splendore della gloria fraterna.
      Ma da alcuni anni a questa parte è cominciata la pubblicazione delle lettere e dei documenti di Bettino Ricasoli; pubblicazione che ha elevato assai nella stima degli uomini e nella gratitudine del popolo italiano il capo del Governo della Toscana negli anni 1859 e 1860. In quella pubblicazione, che è uno dei documenti più importanti dell’epoca del nostro risorgimento, un fatto costante commuove, ed è l’affezione e la sollecitudine di Vincenzo, il quale, nei momenti più pericolosi, fu largo al fratello di consigli e conforti.
      In quei volumi si trovano gli scritti di uomini celebri per sapienza e per dottrina; ma si trova altresì che l’ardente patriottismo di Vincenzo vinceva di anni la fallace sapienza dei timidi e degli irresoluti.
      I due nomi sono stati ben a ragione associati dal nostro Presidente: e basti a tutta lode di Vincenzo dire, che egli fu degno del grande fratello (Benissimo).
      PELLOUX, ministro della guerra. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      PELLOUX, ministro della guerra. A nome del Governo io mi associo alle nobilissime parole di commemorazione dette dall’onorevole Presidente del Senato e dall’onorevole Finali.
      Dopo le parole dei preopinanti su Vincenzo Ricasoli, non potrei aggiungere altro, senonché fu gentiluomo perfetto, patriota provato e fu glorioso veterano di tutte le guerre che si sono combattute per l’indipendenza d’Italia. (Benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 22 giugno 1891.

Note:Naturalizzato suddito del Regno di Sardegna il 31 dicembre 1852.
Ringraziamenti:Ministero della difesa, generale Rocco Panunzi, colonnello Antonio Congedo, tenente colonnello Bruno Jannaccone
Ufficio di stato civile del comune di Monte Argentario


Attività 1885_Ricasoli_IndiciAP.pdf