SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


VALMARANA Giuseppe

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:07/25/1817
Luogo di nascita:VICENZA
Data del decesso:07/02/1893
Luogo di decesso:VENEZIA
Padre:Giovanni Battista
Madre:VALMARANA Marianna
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte di Valmarana e di Nogara, titolo concesso il 27 febbraio 1729
Conte palatino, titolo concesso con diploma dell'imperatore Carlo V del 30 aprile 1540
Nobile di Vicenza, titolo conferito nel 1820
Coniuge:TIRCA Agapia
Figli: Lodovico, padre di Giuseppe Andrea, Andrea, Agapia Arpalice
Giovanni Battista, padre di Stefano
Fratelli:Stefano
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia e di Vienna
Professione:Funzionario amministrativo
Cariche politico - amministrative:Vicepresidente del Consiglio provinciale di Venezia (1869)
Presidente del Consiglio provinciale di Venezia (1878-1889)
Cariche amministrative:Membro della Delegazione provinciale di Padova (Regno Lombardo-Veneto) (1851-1854)
Consigliere provinciale di Venezia (23 dicembre 1866)
Consigliere comunale di Venezia
Cariche e titoli: Reggente di cancelleria del viceré (Regno Lombardo-Veneto) (1854-1863)
Membro del Consiglio sanitario provinciale di Venezia (1874-7 febbraio 1893)
Membro del Consiglio d'amministrazione dell'Istituto "Coletti" di Venezia
Presidente del Consiglio d'amministrazione dell'Istituto "Coletti" di Venezia (1881-7 febbraio 1893)
Membro del Consiglio d'amministrazione del Convitto "Marco Foscarini" di Venezia (1889-7 febbraio 1893)
Membro del Consiglio d'amministrazione del Convitto comunale annesso alla Scuola normale femminile di Venezia (1892-7 febbraio 1893)
Preside del Liceo "Benedetto Marcello"

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Venezia24/01/1889
Nomina:01/26/1889
Categoria:16 I membri dei Consigli di divisione
dopo tre elezioni alla loro Presidenza
Relatore:Tommaso Celesia
Convalida:13/02/1889
Giuramento:23/06/1889


    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
X
Oderzo
10-3-1867*
Ballottaggio il 17 marzo 1867. Dimissioni il 13 gennaio 1868


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Domenico Farini, Presidente

    Il conte Giuseppe Valmarana moriva a Venezia il giorno 7 di febbraio. Era nato in Vicenza circa settantasei anni fa e, studiata la legge a Padova ed a Vienna, percorse gli uffici dell'amministrazione superiore. Nella quale e prima e dopo la rivoluzione del 1848 essendo salito in molta autorità, raggiunse grado altissimo allorché il Governo straniero sperò che le qualità d'un principe e lusinghiere parvenze di libertà e di autonomia, solleticando gli umori, appagando le vanità provinciali, rompessero il corso al trionfo della indipendenza. Vano tentativo in cui pochi maggiorenti illusi indarno si travagliarono; perché i vezzi non poterono più che i rigori; né potenza di ingegno, bagliore di casato, influsso di ricchezza ebbero virtù di smagare od ottundere il sentimento nazionale!
    Comecché ciò fosse, fatto sta che le esimie doti del conte Giuseppe Valmarana, gli squisiti suoi modi, e la dottrina egregia e l'alto sentire gli serbarono reputazione e grazia tanto grandi che i suoi concittadini, liberato il Veneto, lo elessero a rappresentare Oderzo per la decima legislatura: ufficio per necessità di famiglia e di salute lasciato dopo pochi mesi.
    Così gli elettori, senza ripugnanze o preconcette ripulse, aprendo il nuovo regime ad ogni ingegno colto, ad ogni animo retto, convitavano alla grande opera chiunque, in loro sentenza, potesse conferire alla prosperità della patria restituita e mostravano in qual gran conto tenessero il gentiluomo, l'amministratore sagace.
    Venezia lo onorò con uffici d'ogni maniera. Consigliere comunale, sarebbe pur stato capo del comune se non l'avesse rifiutato: presiedette nel 1878 e per molte altre volte dipoi il Consiglio provinciale, a cui sempre fu ascritto: né negò il saggio suo impulso ad istituti educativi, di beneficenza e d'arti belle.
    Nominato senatore il 26 gennaio 1889, quando già era malescio, non poté che ben di rado sedere in questa Camera che oggi mestamente ne rimpiange la morte. (Bene).

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 febbraio 1893.

Ringraziamenti:Dott. Enrico Hullweck, sindaco di Vicenza
Daniele Andreose, capo di Gabinetto del sindaco di Vicenza


Attività 2282_Valmarana_IndiciAP.pdf