NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERRATI Camillo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/02/1822
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:05/03/1888
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Salvatore
Madre:DEPAOLI Ludovica
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:ALESSIO Teresa
Figli: Cesare, avvocato, che sposò Ernesta ROSSI
Titoli di studio:Laurea in ingegneria
Presso:Università di Torino
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Ingegnere idraulico
Carriera:Professore di Geometria pratica all’Università di Torino (1852), poi Geodesia [1865]

Professore di Matematica all'Accademia militare di Torino (1845-1882)
Professore emerito presso la facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell'Università di Torino
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Torino (1855-1885)
Consigliere provinciale di Torino (1860-1885)
Cariche e titoli: Segretario generale del Ministero della pubblica istruzione (8 aprile 1876-1° aprile 1878)
Membro della Commissione per il catasto

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/07/1886
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Francesco Ghiglieri
Convalida:14/06/1886
Giuramento:14/06/1886

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Torino I
8-11-1874*
Sinistra
Ballottaggio il 15 novembre 1874. Cessazione per nomina a segretario generale del Ministero della pubblica istruzione. Rieletto in corso di legislatura il 14 maggio 1876 con ballottaggio il 21 maggio 1876
XIII
Torino I
5-11-1876**
Sinistra
Escluso per sorteggio nel numero dei deputati professori il 5 luglio 1878
XIV
Torino I
16-5-1880***
Sinistra
Ballottaggio il 23 maggio 1880
XV
Torino I
29-10-1882
Sinistra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Marco Tabarrini, Vicepresidente

      Nell'intervallo dalle ultime nostre adunanze, abbiamo perduto tre colleghi, il conte Corti, il professore Fedeli, il professore Ferrati. Seguo il pietoso costume e leggo le commemorazioni dei tre colleghi defunti. [...]
      Nello stesso giorno infausto 5 di marzo, ci mancava il senatore Camillo Ferrati, nato a Torino il 2 di febbraio 1822.
      Matematico illustre, patriotta intemerato, fu eletto rappresentante della nazione dal primo collegio di Torino nella XII legislatura; e nel 1876 il ministro della pubblica istruzione, Michele Coppino, lo nominò segretario generale del suo Ministero. Rieletto nella XIII legislatura, non poté sedere nella Camera per esuberanza nel numero dei professori.
      Tornò senza rammarico ai suoi studi, finché con decreto del 7 giugno 1886 fu nominato senatore.
      E noi lo vedemmo poche settimane or sono assistere alle nostre tornate, e nessuno si sarebbe aspettato di doverne deplorare oggi la perdita.
      Era professore di matematica nella scuola di applicazione degli ingegneri unita all'Università di Torino, e pubblicò memorie pregiate sulla scienza da lui coltivata ed insegnata.
      CANONICO. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      CANONICO. Da circa otto lustri datava la mia amicizia con Camillo Ferrati e sempre lo conobbi ingegno eletto, nobile cuore, carattere intemerato.
      Da non molto tempo egli sedeva in Senato; perciò coloro che nol conobbero prima difficilmente poterono apprezzare il reale suo valore. Ma sulla cattedra, nei consigli amministrativi, nella Camera dei deputati, tre doti rifulsero in lui: non mai cercare di parere, studiare coscienziosamente ogni questione, portare su ciascuna di esse un giudizio sereno, sagace, sicuro.
      Sarà forse un mese che in queste aule discorrendo amichevolmente con lui dei gravi eventi che minacciano l'Europa, nel mesto ed indefinibile sorriso con cui mi esprimeva gli intimi suoi sentimenti sopra di essi, già si poteva vedere balenare confuso il presentimento ch'egli più non li avrebbe veduti.
      Io non voglio, o signori, prolungare la nota della tristezza. Come sul campo di battaglia, ai forti che cadono il nostro affettuoso saluto; noi finché venga la nostra volta continueremo con animo fidente la lotta che abbiamo cominciata e che certamente non sarà per finire così presto. (Benissimo! Bravo!).
      MAGLIANI, ministro delle finanze. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      MAGLIANI, ministro delle finanze. A nome del Governo mi associo alle parole di elogio e di compianto che furono pronunciate dall'egregio nostro Presidente e dall'onorevole propinante pei nostri colleghi estinti, i quali furono benemeriti della patria, decoro della scienza ed ornamento di questo alto consesso.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 8 marzo 1888.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 7 febbraio 1822.
Il nome completo risulta essere: "Camillo Felice Biagio".

Ringraziamenti:Dott. Sergio Chiamparino Sindaco di Torino
Dott. Stefano Benedetto Vicedirezione generale Gabinetto del Sindaco e servizi culturali - Settore Archivi e protocollo del Comune di Torino
Dott.ssa Barbara Cartocci Suarez - Camera dei deputati


Attività 0979_Ferrati_IndiciAP.pdf0979_Ferrati_IndiciAP.pdf