SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERRERO Emilio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/13/1819
Luogo di nascita:CUNEO
Data del decesso:01/12/1887
Luogo di decesso:FIRENZE
Padre:Filippo
Madre:D'ARLOZ Rosalia
Coniuge:PACHOT D'ARJAC Augusta
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare di Torino (4 aprile 1829)
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera:Sottotenente (Regno di Sardegna) (1837)
Colonnello (17 novembre 1860)
Maggiore generale (1863)
Tenente generale (1870)
Cariche e titoli: Direttore della Scuola militare di fanteria e di cavalleria di Modena (1863-[1866])
Membro del Comitato delle armi di linea [1870]

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/08/1881
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Gennaro De Filippo
Convalida:11/05/1881
Giuramento:11/05/1881

    .:: Onorificenze ::.

Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 13 marzo 1879
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 7 giugno 1883
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 12 luglio 1859
Commendatore dell'Ordine militare di Savoia 6 dicembre 1866

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra di indipendenza
1855-1856 spedizione in Crimea
1859 seconda guerra di indipendenza
1866 terza guerra di indipendenza
1870 annessione di Roma al Regno d'Italia
Arma:Esercito: genio militare, granatieri
Decorazioni:Due medaglie d'argento al valore militare


    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro della guerra (4 aprile-29 maggio 1881), (29 maggio 1881-25 maggio 1883), (25 maggio 1883-30 marzo 1884), (30 marzo-23 ottobre 1884)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Ed ora con dolore vi partecipo la morte del senatore tenente generale Emilio Ferrero, mancato ai vivi in Firenze il primo giorno di dicembre.
      Emilio Ferrero, nato a Cuneo il 19 gennaio 1819 [sic], fu allievo dell'Accademia militare di Torino, nella quale, dopo otto anni di tirocinio, ottenne il grado di sottotenente e, ultimati gli studi, quello di luogotenente nel Genio militare.
      Nell'arma del Genio diventato capitano, prese parte alle due prime campagne per l'indipendenza nazionale.
      Trapassato poi, insieme ad altri eletti ufficiali delle armi speciali, nella fanteria per rinvigorire quest'arma importante fra tutte, con maggior numero di capi colti e prestanti, il Ferrero vi percorse con molto onore i varţ gradi, conseguendo, in meno di dieci anni, quello di ufficiale generale, ed il supremo di tenente generale nell'anno 1870.
      Tutte le campagne per l'indipendenza e l'unitÓ d'Italia lo noverano fra i combattenti.
      In tutte si segnal˛ per intrepidezza ed eminenti qualitÓ militari.
      Queste attestarono a Peschiera, a Novara, alla Cernaia, a Perugia, a San Martino, a Villafranca due menzioni onorevoli, due medaglie al valore, due ricompense nell'Ordine militare di Savoia. Uomo di dottrina quanto d'azione, in lui si contemperavano qualitÓ assai spesso opposte: l'attitudine al comando ed a sovrintendere agli studi militari. Appartenne al Comitato delle armi di linea, comand˛ e diresse con sagacia, dal 1862 al 1866, la scuola militare di fanteria; incarico geloso sempre, gelosissimo in quei primi anni dell'organamento militare italiano.
      Ministro della guerra dal 4 aprile del 1881 al 23 ottobre 1884, al generale Ferrero si devono molti dei provvedimenti onde l'esercito fu accresciuto di numero e si rafforz˛ la potenza difensiva del paese. Da lui, fra le altre, fu proposta e vinta la legge che ampli˛ di due corpi d'Armata i quadri dell'esercito; legge, fondamento e cardine del presente ordinamento militare.
      In quest'alto consesso, del quale faceva parte fin dall'8 aprile 1881, il senatore Ferrero lascia memoria di esimie doti e vivo rimpianto.
      MEZZACAPO. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare.
      MEZZACAPO. Le belle parole pronunciate dall'onorevole Presidente del Senato limitano il mio compito nell'aggiungere qualche parola sul conto delle qualitÓ del compianto senatore Ferrero, che abbiamo avuto la disgrazia di perdere.
      Noi lo abbiamo veduto intento ai lavori ai quali si era dedicato, per l'ordinamento dell'esercito, in un momento in cui l'opera era arrestata per ragioni varie.
      Egli ha ripresi quei lavori e li ha condotti al punto in cui li ha trovati l'onorevole ministro della guerra, il quale ha potuto proseguirli per avviarli al loro compimento.
      Il carattere del senatore Ferrero era di quelli che si ricordano come esempio nell'esercito: sia per la sua integritÓ, sia per il suo amore al paese ed all'esercito, sia per la devozione ai suoi doveri.
      Io quindi, nell'associarmi alle parole del Presidente del Senato, nutro fiducia che vi faranno eco tutti i nostri colleghi.
      MAGLIANI, ministro delle finanze. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha la parola.
      MAGLIANI, ministro delle finanze. In nome del Governo io mi associo al compianto del Senato per la morte dell'illustre generale Ferrero, il quale fu ornamento dell'esercito e decoro di questo alto consesso.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1887.

Note:Il nome completo risulta essere: "Emilio Maurizio".
Ringraziamenti:Sindaco di Cuneo
Dott. Renato Ariaudo dirigente presso il Gabinetto del Sindaco del Comune di Cuneo


AttivitÓ 0981_Ferrero_Emilio_IndiciAP.pdf0981_Ferrero_Emilio_IndiciAP.pdf