SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DEL GIUDICE Pasquale

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/14/1842
Luogo di nascita:VENOSA (Potenza)
Data del decesso:20/04/1924
Luogo di decesso:PAVIA
Padre:Francesco
Madre:LIOY Andreana
Coniuge:COLOMBI Emma
Figli: Carlotta
Parenti:DEL GIUDICE Paquale, avo paterno
Luogo di residenza:PAVIA
Indirizzo:Via Scarpa, 26
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Napoli
Professione:Docente universitario
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Introduzione allo studio delle scienze giuridiche e storia del diritto all'Università di Pavia (12 dicembre 1872)
Professore ordinario di Storia del diritto all'Università di Pavia (9 dicembre 1875)
Preside della Facoltà di giurisprudenza all'Università di Pavia (2 dicembre 1883-1889), (1915-1918)
Rettore dell'Università di Pavia (25 settembre 1887-8 novembre 1888) (7 dicembre 1899-15 febbraio 1917)
Professore emerito dell'Università di Pavia (15 febbraio 1917)
Cariche e titoli: Membro del Consiglio superiore della pubblica istruzione (1° luglio 1895-30 giugno 1898) (1° luglio 1917-30 giugno 1921)
Membro corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (6 febbraio 1879)
Membro effettivo dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (13 marzo 1890)
Membro effettivo pensionato dell'Istituto lombardo di scienze, lettere di Milano (10 aprile 1890)
Vicepresidente (1911-1912) (1915-1916), poi presidente dell'Istituto lombardo di scienze, lettere di Milano (1913-1914) (1917-1918)
Membro corrispondente della Società reale di Napoli (22 novembre 1882)
Membro ordinario della Società reale di Napoli (7 giugno 1891)
Socio corrispondente dell'Accademia pontaniana di Napoli (3 marzo 1907)
Socio corrispondente dell'Accademia dei Lincei di Roma (17 febbraio 1916)
Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei di Roma (25 novembre 1920)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/25/1902
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:06/12/1902
Giuramento:18/12/1902

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 16 gennaio 1887
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 giugno 1895
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 gennaio 1916
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
Arma:Cacciatori delle Alpi
Volontario:SI


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame della relazione sul movimento dell'esportazione durante la guerra europea (29 aprile 1918)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Capacità giuridica della donna" (10 marzo 1919)
Membro supplente della Commissione d'istruzione dell'Alta Corte di Giustizia (6 dicembre 1919-7 aprile 1921) (28 giugno 1921-10 dicembre 1923)
Membro della Commissione per l'esame dei decreti registrati con riserva dalla Corte dei conti (17 giugno 1921-10 dicembre 1923)
Membro della Commissione speciale per l'esame della proposta "Per modificazioni al Regolamento Giudiziario del Senato per stabilire incompatibilità per il patrocinio dinnanzi all'Alta Corte di giustizia" (9 giugno 1923)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Niccolò Melodia, Vicepresidente

      Onorevoli senatori,
      Il lungo periodo di chiusura dei nostri lavori ha visto purtroppo scomparire le nobili figure di non pochi dei nostri amati colleghi che di questa Assemblea erano decoro e vanto. Ad essi rivolgiamo anzitutto il nostro memore ed accorato pensiero. [...]
      Il 20 aprile dopo breve malattia, chiudeva serenamente gli occhi mortali il professore Pasquale Del Giudice e la scomparsa del venerando collega è grave lutto per l'Italia, per la scienza giuridica italiana, per noi tutti.
      Era nato in Venosa, il 14 febbraio 1842: educato all'aspirazione per la patria unità, a 18 anni, sfidando pericoli e ostacoli, fu volontario garibaldino, combattendo valorosamente. E di quel fulgido episodio della sua giovinezza, egli, nella sua ammirevole modestia, non parlava mai neppure cogli intimi. Ripresi gli interrotti studi, si laureava in giurisprudenza a Napoli e dedicatosi dapprima alla filosofia del diritto, che dette alla sua mente la vasta comprensione del fenomeno giuridico e il rigore del metodo, conseguì nel 1871 la libera docenza in quella materia nell'Università di Napoli. Attratto però soprattutto dagli studi della nostra storia giuridica, allora molto incompleti, vinse l'anno successivo la Cattedra di storia del diritto e introduzione alle scienze giuridiche nell'Università di Pavia, iniziando colà quel mirabile insegnamento che doveva durare ben quarantacinque anni, tenendo la Cattedra di storia del diritto fino al 1917 e insegnando al tempo stesso l'introduzione alle scienze giuridiche e istituzioni di diritto civile. Dell'Ateneo pavese fu due volte rettore, e tre volte preside della Facoltà di giurisprudenza: a lui si deve la creazione dell'Istituto giuridico annesso alla Facoltà di giurisprudenza, divenuto sotto la sua guida uno fra i migliori d'Italia. Dire degnamente della sua opera di giurista e di storico non è qui possibile: basti accennare ch'egli, colla lunga, infaticabile, versatile opera ha altamente onorato la scuola storica italiana: nei suoi numerosissimi lavori, iniziatisi nel 1866 a 24 anni, colla traduzione dell'opera dell'Ahrens sulla ”Dottrina generale dello Stato” e chiusisi, mirabile esempio di attività, colla pubblicazione, avvenuta l'anno scorso, del secondo volume della monumentale ”Storia del diritto italiano”, a tacere di minori articoli apparsi anche di recente, egli ha sapientemente e fruttuosamente illustrato e indagato le più diverse epoche della nostra storia giuridica, sia nel diritto pubblico che nel privato, lasciando nel campo degli studi una traccia imperitura. E non solo storico del diritto, ma eziandio compiuto e acuto giurista ei si dimostrò nei suoi lavori, anche teorici, e di filosofia del diritto, e di economia, e di diritto civile, e nell'“Enciclopedia giuridica”, ch'ei scrisse nel 1880 per uso scolastico e ripubblicò nel 1896. E fu maestro sommo anche dalla cattedra e formò lo spirito e la cultura di moltissimi e moltissimi giovani che da lui non solo appresero l'amore per la nostra secolare civiltà, e per le severe e serene indagini scientifiche, ma anche ebbero l'esempio costante di vita pura e nobilissima, tutta dedita alla scienza, alla famiglia, al dovere!
      Fu membro dell'Accademia dei Lincei, e di altre accademie italiane e straniere e presidente per diversi anni dell'Istituto lombardo di scienze e lettere. Apparteneva alla nostra Assemblea dal 25 novembre 1902. Ricordare la sua collaborazione all'opera legislativa di questi vent'anni è perfin superfluo: non vi fu disegno di legge di una certa importanza, soprattutto in materia di diritto pubblico o privato, su cui egli non facesse sentire la sua parola autorevolissima, o di cui non fosse relatore: membro delle più importanti commissioni, egli fu in ogni campo, e fino all'ultimo, mirabile esempio di giovanile alacrità di lavoro, di freschezza di pensiero, di completa dedizione ai doveri della carica. Autorevole membro della Commissione per la riforma dei codici, si preparava a dare nuovamente la sua preziosa collaborazione nell'importantissimo compito e ben si può dire di lui, che ancora negli ultimi giorni attendeva a nuovi lavori, esser egli caduto sulla breccia.
      Pasquale Del Giudice non è morto! Egli vive e vivrà nel nostro ricordo affettuoso, nella memoria dei suoi innumeri scolari, nella sua lunga, fruttuosa opera. Io ch'era a lui legato da affinità di famiglia, e da vicinanza dei nostri paesi d'origine, con l'animo pienamente commosso vi invito ad inviare alla sua memoria il reverente pensiero del Senato. Vada alla sua famiglia desolata il nostro rammarico, come alla natia Venosa ed alla città di Pavia, che egli amava come una seconda patria, e che, grata del bene da lui ricevuto, lo volle suo cittadino onorario. (Approvazioni). [...]
      CORBINO, ministro dell'economia nazionale. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CORBINO, ministro dell'economia nazionale. A nome del Governo mi associo alle nobili parole pronunciate dal nostro illustre Presidente per la commemorazione dei colleghi [...], Del Giudice.
      La semplice enumerazione di questi nomi fa passare davanti ai nostri occhi tutta una nobile successione di attività politiche, amministrative, sociali e scientifiche.
      Nell'associarsi al compianto del Senato per la perdita di questi suoi componenti, il Governo si associa anche alla proposta del Presidente perché siano inviate condoglianze alle famiglie degli scomparsi. (Benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 29 maggio 1924.

Note:Il nome completo risulta essere: "Pasquale Tomaso Alberto".
Ringraziamenti:Dott.ssa A. Bianchi - Istituto lombardo di scienze, lettere e arti
- Sig. Carmine Miranda del Comune di Venosa


Attività 0760_Del_Giudice_Pasquale_IndiciAP.pdf