SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DE MARTINO Antonio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/25/1815
Luogo di nascita:PALMA CAMPANIA (Napoli)
Data del decesso:01/03/1904
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Giuseppe
Madre:MANFREDONIA Girolama
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Fratelli:Placido, padre di Antonio, Girolama, Giuseppe
Parenti:DE MARTINO Mariangelo, notaio, avo paterno
Titoli di studio:Laurea in medicina
Presso:Collegio medico chirurgico di Napoli, poi Università di Napoli
Professione:Docente universitario
Altre professioni:Medico
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Professore ordinario di Anatomia e fisiologia allo Stabilimento di veterinaria di Napoli (1847-1860)
Professore ordinario di Patologia generale all'Università di Napoli (1861-29 febbraio 1904)
Cariche e titoli: Fondatore di una Facoltà privata medico chirurgica, detta "Ateneo", presso cui insegna anatomia, fisiologia comparata e macroscopia (1841)
Medico della Casa reale (1869)
Fondatore della Società operaia di mutuo soccorso di Napoli (13 febbraio 1886)
Membro straordinario della sezione di Napoli del Consiglio superiore della pubblica istruzione (18 ottobre 1861-15 ottobre 1865)
Membro ordinario della Società reale di Napoli
Socio residente dell'Accademia pontaniana di Napoli (6 dicembre 1857)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/12/1881
Categoria:18 I membri della Regia accademia delle scienze
dopo sette anni di nomina
Relatore:Marco Boncompagni Ludovisi Ottoboni
Convalida:30/06/1881
Giuramento:30/06/1881

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 23 novembre 1869


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari – Commemorazione
      Giuseppe Saracco, Presidente

      Ancora io stavo scrivendo questi pochi versi in memoria di un collega perduto, quando i fili del telegrafo mi annunziano la morte del senatore De Martino, avvenuta in Napoli in questo medesimo giorno.
      Egli era nato a Palma Campania, presso Caserta, nel dì 25 febbraio 1815, epperò da pochi giorni aveva superata l'età di ottantanove.
      Antonio De Martino fu sovratutto uomo di scienza, anzi una vera illustrazione della scienza medica, onde meritò da lunghi anni di coprire con plauso la carica di insegnante di patologia generale nell'Ateneo di Napoli.
      Di principii schiettamente liberali, Egli doveva essere e fu realmente inviso alla polizia borbonica, dalla quale ebbe a soffrire molte molestie, tanto che, appena instaurato il nuovo Regno, gli elettori del collegio politico di Palata si affrettarono ad eleggerlo, poi a rieleggerlo, a loro rappresentante nel Parlamento nazionale [sic].
      Ma l'egregio uomo sentì che, malgrado ogni buon volere, non poteva attendere ai lavori parlamentari con sufficiente alacrità, senza mancare ai doveri della cattedra e della professione nobilmente esercitata e, con esempio che potrebbe essere più sovente imitato, rassegnò il mandato nelle mani dei suoi elettori.
      E bene si può dire che melioerm partem elegit per sé, per la scienza e per la umanità sofferente, poiché fino dal 1881 ottenne di essere elevato alla dignità senatoria e così egli fu concesso, fino a che gli durarono le forze, di continuare per una lunga serie di anni, ad impartire con zelo ammirevole l'insegnamento avidamente raccolto dalla numerosa scolaresca, che si accalcava reverente ad ascoltarlo sui banchi della Università napoletana.
      Giorno di lutto fu questo adunque per la scienza, e specialmente per l'Ateneo di Napoli, che tanto egli aveva illustrato nella sua lunga ed onorata carriera.
      E noi pure, o signori, abbiamo perduto con Antonio De Martino un caro e venerato collega, un simpatico vegliardo, che portava scolpito nella fronte i segni di una bontà patriarcale che egli aveva da lunghi anni acquistato tutti i nostri cuori. (Vive approvazioni).
      TEDESCO, ministro dei lavori pubblici. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      TEDESCO, ministro dei lavori pubblici. Ho avuto recentemente occasione di rendere omaggio, in una mia visita a Napoli, all'illustre professore Antonio De Martino, onore della scienza medica.
      Il Governo prende parte vivissima alla perdita dell'illustre senatore e del valente scienziato. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 29 febbraio 1904.

Note:Secondo altre fonti risulta morto il 28 o il 29 febbraio 1904.
[Curiosità:] Assistette nel parto la principessa Margherita, futura regina, moglie di Umberto, madre di Vittorio Emanuele.

Ringraziamenti:Alfredo D'Antuono - Michelangelo 1915 Communications
Giovanni De Pietro

Prof. Antonio Garzya presidente dell'Accademia pontaniana
Dott. Antonio Ferrara, responsabile del Servizio affari generali del Comune di Palma Campania


Attività 0789_De_Martino_Antonio_IndiciAP.pdf