SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MEZZANOTTE Camillo

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/14/1842
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:20/11/1909
Luogo di decesso:CHIETI
Padre:Raffaele, senatore (vedi scheda)
Madre:ARATORE Clementina
Coniuge:COPPA Maria Fausta
Fratelli:Biase
Luogo di residenza:Chieti
Indirizzo:Pallonetto San Nicola
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Napoli
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Consigliere comunale di Napoli
Vicesindaco di Napoli (sezione San Giuseppe)
Presidente del Consiglio provinciale di Chieti
Presidente della Deputazione provinciale di Chieti
Sindaco di Chieti (1878-1880) (1893-1895)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Chieti (1873-20 novembre 1909)
Assessore comunale di Chieti
Consigliere provinciale di Chieti (1882-1895)
Membro della Deputazione provinciale di Chieti
Presidente della Deputazione provinciale di Chieti
Cariche e titoli: Membro della Guardia nazionale di Napoli (1860)
Rappresentante della Provincia di Chieti nel Consiglio generale del Banco di Napoli
Fondatore della Scuola di arti e mestieri per i bambini usciti dall'asilo di Napoli

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:30/11/1892
Giuramento:30/11/1892

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 giugno 1895
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 gennaio 1901
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 28 giugno 1906
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1881

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'Unità d'Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
Mansioni:Capitano
Volontario:SI
Decorazioni:Medaglia commemorativa delle guerre per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Chieti
28-12-1879*
Sinistra
Elezione in corso di legislatura. Ballottaggio il 4 gennaio 1880
XIV
Chieti
16-5-1880
Sinistra
XV
Chieti I
29-10-1882
Sinistra
XVII
Chieti I
23-11-1890
Sinistra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (4 luglio 1898-20 novembre 1909)
Membro della Commissione per l'esame dei decreti registrati con riserva dalla Corte dei conti (27 marzo-25 giugno 1900. Dimissionario) (25 febbraio 1902-20 novembre 1909)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Proroga dei termini assegnati alla legge 14 luglio 1887, n. 4727, serie 3a, per la commutazione delle prestazioni fondiarie perpetue" (19 dicembre 1904)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Conversione dei consolidati 5 per cento lordo e 4 per cento netto" (29 giugno 1906)
Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge "Riscatto delle strade ferrate meridionali e liquidazione della gestione della rete Adriatica" e "Accordi per la liquidazione della gestione della rete Mediterranea" (9 luglio 1906)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Creazione di nuovi posti nelle tabelle del personale dell'Amministrazione delle poste e dei telegrafi, ed aumento del compenso per i lavori straordinari" (23 dicembre 1906)
Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Diminuzione del dazio sul petrolio" (18 marzo 1907)
Commissario alla Cassa dei depositi e prestiti (28 dicembre 1901-8 febbraio 1909)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Giuseppe Manfredi, Presidente

        Signori senatori! [...]
        Di un lutto recente, inaspettato è ancora viva fra voi la dolorosa impressione. Morte repentina cinque giorni or fa ci ha rapito uno dei nostri più assidui ed operosi; non rivedremo più l'amato collega Camillo Mezzanotte, che stava per ritornare ai nostri lavori, quando una paralisi cardiaca lo rese cadavere. Sera fatale per lui fu quella del 20; e nefasta per la città di Chieti che diedeci l'annuncio del suo pianto. Né della città sola è il duolo ma di tutto l'Abruzzo, che lo teneva in grande conto; e la perdita di quella regione è pur grave per questo consesso e per la cosa pubblica.
        Camillo Mezzanotte, nato in Napoli il 14 dicembre 1842, traeva i sensi liberali e l'amor di patria dal padre Raffaele, che fu ministro dei lavori pubblici dal 19 dicembre 1878 al 14 luglio 1879, ed a questo Senato appartenne. Onorò gl'illustri natali con le doti personali, che gli procacciarono pregio fra i concittadini. Laureato in giurisprudenza nell'Università di Napoli; arruolato nel 1860 alla guardia nazionale; fregiato della medaglia commemorativa delle patrie battaglie; promosso capitano nella III legione nel 1866; di Napoli fu vicesindaco nella sezione S. Giuseppe.
        I voti del collegio di Chieti a scrutinio uninominale gli diedero la rappresentanza alla Camera il 4 gennaio 1880 per la tredicesima legislatura, e la rielezione per la quattordicesima; a scrutinio di lista fu de' rappresentanti del primo collegio della provincia per la quindicesima e per la diciassettesima. Il mandato coscienziosamente e zelantemente adempì; prese parte efficace alle discussioni, entrò in commissioni. Senatore fu nominato il 10 ottobre 1894; ed anche a noi grandemente valse per sapere ed assiduità.
        Dal 1897, in sei sessioni legislative, fu membro apprezzato della nostra Commissione permanente di finanze; e dall'esercizio 1903-904 in poi relatore intelligente del bilancio dei lavori pubblici; anzi, nella sessione 1904-909, di tutte le proposte di detto Ministero. Fu ripetutamente pure della Commissione de' decreti registrati con riserva, e commissario alla cassa de' depositi e prestiti.
        Innumerevoli altre sue relazioni, frequente suo intervento alle discussioni, profittarono ai lavori del Senato nelle materie di sua speciale cognizione; le opere pubbliche, ogni cosa dei comuni e delle provincie, i consorzi, le strade, la contabilità, le casse di credito, le bonificazioni dei terreni, le alluvioni, le ferrovie, gl'istituti d'emissione, i biglietti di Banca, le tasse sugli affari, il Tesoro. Notevole fu la sua relazione sul nuovo titolo consolidato 3 e mezzo. In occasione di quella sulle bonificazioni delle paludi, pubblicò un apprezzato Manuale amministrativo delle bonificazioni; ed in occasione di quella sull'assunzione dei pubblici servizi da parte dei comuni, il trattato della Municipalizzazione dei pubblici servizi. Scrisse anche Per le finanze comunali e del letterato abruzzese Vincenzo De Ritis.
        A studi di tanta utilità pubblica andava congiunta la saggia esperienza del nostro compianto collega, che nelle principali amministrazioni di Chieti e provincia esercitò i maggiori uffici. Eletto consigliere comunale a Chieti nel 1873, mantenne l'ufficio sino alla morte; due volte assessore e due volte sindaco. Eletto consigliere e deputato provinciale, fu varie volte presidente della deputazione e del Consiglio provinciale.
        La cara figura ci si parrà lungamente innanzi, cortese, ilare, amorevole, muovere i passi, sedere nelle nostre sale, entrare ed uscire da quella della Commissione di finanze, starvi al tavolo del lavoro. Al banco delle commissioni vaca oggi il posto suo nell'ufficio centrale per il disegno di legge Norme per il transito e il soggiorno delle navi mercantili lungo le coste dello Stato. Ma il compianto collega il posto occuperà sempre, anche estinto, nel nostro grato ricordo. (Approvazioni). [...]
        FINALI. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
        FINALI. Purtroppo l'età inesorabile ed i morbi inclementi rendono troppo frequenti i nostri lutti. Ora il nostro Presidente, con eloquente e commossa parola, ha ricordato i meriti di sette nostri colleghi che tutti illustrarono la scienza e servirono nobilmente la patria.
        L'ultima e più affettuosa sua parola ha commemorato Camillo Mezzanotte.
        Se Camillo Mezzanotte era stimato ed amato da tutti in quest'alto consesso, da nessuno poteva essere stimato ed amato al pari di coloro; che per 15 anni gli sono stati colleghi nella Commissione di finanze.
        Io, che da lunghi anni appartengo a questa Commissione, e che vi ebbi assiduo collega il Mezzanotte, non meno di qualsiasi dei colleghi ho ammirato l'alacrità, la prontezza, l'operosità e lo zelo di cui egli ha dato continue prove, e la sua dottrina, che era veramente eccezionale; tanto che non solo nello studio dei bilanci, ma in quello di ogni altro progetto di legge riguardante lavori pubblici egli sapeva essere meraviglioso: ed esatto espositore in termini di tempo brevissimi.
        Io credo con queste poche parole, inspirate però a profonda commozione, di avere espresso il pensiero dei miei colleghi della Commissione di finanze la quale certamente dovrà per lunghi anni ricordare l'opera di un uomo così dotto, operoso e benemerito. (Approvazioni).
        MICHETTI Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
        MICHETTI Inviare ad un amico estinto un affettuoso pensiero è pietà e gentilezza. E, poiché per volontà del benamato nostro Presidente, io ho assistito ai funerali di Camillo Mezzanotte in Chieti, mi è caro e dolce riferire al Senato lo spettacolo magnifico, e commovente di affetto profondo e sincero tributato da quella nobile città al caro estinto.
        La singolarità del caso vuole che, la prima volta che ho l'onore di parlare in questo alto consesso, io debba, onorevoli colleghi, parlarvi di morte; ma spero mi sarà dato in avvenire parlarvi anche di vita, di cose belle e vantaggiose alla nostra patria.
        Propongo che alla famiglia del compianto senatore Mezzanotte e alla città di Chieti siano manifestate le condoglianze del Senato.
        (Bene).

        Senato del Regno. Atti parlamentari. Discussioni, 25 novembre 1909.

Note:Il nome completo risulta essere: "Camillo Giustino Agnello Francesco Pasquale".
[Meriti civili:] Prestò assistenza alla popolazione durante l'epidemia di colera scoppiata a Napoli nel 1884.

Ringraziamenti:ufficio di stato civile di Chieti

Attività 1467_Mezzanotte_Camillo_IndiciAP.pdf