SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


D'ADDA Emanuele

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/24/1847
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:19/10/1911
Luogo di decesso:ARCORE (Milano) - oggi (Monza e Brianza)
Padre:Giovanni
Madre:ISAMBARDI Maria
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese di Pandino, di Cassano d’Adda
Conte di Casatisma e di Vaprio
Patrizio milanese
Titoli ereditati nel 1879
Coniuge:TROTTI BENTIVOGLIO Beatrice
Parenti:D'ADDA Febo, avo paterno
Maria Leopoldina VON KHEVENUELLER-METSCH, contessa, ava paterna
D'ADDA Maria, che spos˛ Vitaliano BORROMEO ARESE, zia, sorella del padre
D'ADDA Benedetto, zio, fratello del padre
D'ADDA Vitaliano, zio, fratello del padre, che spos˛ Carolina LAMBA DORIA
D'ADDA Carolina, zia, sorella del padre
D'ADDA Emanuele, zio, fratello del padre
D'ADDA Maria Costanza, zia, sorella del padre, che spos˛ Carlo Borromeo ARESE
D'ADDA Ferdinando, zio, fratello del padre
D'ADDA Luigia, che spos˛ Ettore DOUGLAS SCOTTI
D'ADDA Leopolda, che spos˛ Alessandro LUCINI PASSALAQUA
D'ADDA Carlo Alessandro
D'ADDA Anna Maria
D'ADDA Carlo, che spos˛ Mariaquita FALCO' Y D'ADDA
D'ADDA Amalia
Professione:Industriale-agricoltore
Altre professioni:Militare di carriera (Esercito)
Carriera:Sottotenente [1866]
Capitano post [1867]
Cariche politico - amministrative:Consigliere provinciale di Milano in rappresentanza del mandamento di Monza II
Cariche e titoli: Cofondatore del giornale "La Perseveranza" (1859)
Membro della SocietÓ orticola di Lombardia
Membro della SocietÓ d'incoraggiamento d'arti e mestieri [di Milano]
Amministratore della Causa pia d'Adda

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Pavia28/09/1892
Nomina:10/10/1892
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Piero Puccioni
Convalida:29/11/1892
Giuramento:23/11/1892
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare


    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Esercito, Cavalleria
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XV
Pavia I
29-10-1882
Liberalcostituzionale
XVI
Pavia I
23-5- 1885
XVII
Pavia I
23-11 1890


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Non dimentichiamo quelli de' nostri, che abbiamo perduti durante l'intervallo, in cui siamo stati separati. [...]
      Del pi¨ cospicuo patriziato lombardo, Emanuele D'Adda, marchese di Pandino, nato in Milano il 24 marzo 1847, morý in Arcore il 19 ottobre. La nobile e ricca famiglia, onde egli discendeva, fu di quell'aristocrazia milanese, che, non piegata alla dominazione austriaca, dal 1821 tenne lo sguardo al di lÓ del Ticino per il soccorso a liberarsene, e parteggi˛ al cospirare ed all'insorgere fino ai giorni fortunati.
      Il giovane marchese Emanuele uscý di adolescenza, quando libero era il suolo suo natale; ma, non del tutto compiti i destini d'Italia, ambý di arrolarsi all'esercito; e nel 1867 fu ufficiale di cavalleria. Raggiunto il grado di capitano, entr˛ nella riserva; e tanto per tutta la vita tenne a vanto la divisa, che fu sua ultima volontÓ di non avere altri onori funebri, che quelli dovuti al suo grado militare. Il lustro del casato e le dovizie nulla tolsero all'indole mite e cortese, all'animo generoso e benefico del compianto collega; al quale non manc˛ coltura, anzi abbondarono le cognizioni, specialmente le agrarie. Se ne pregiarono i milanesi nelle civiche amministrazioni; a molti provvidi istituti diede vita e sussidio; alla caritÓ fu larga la sua mano. Per molti anni fu amatissimo presidente della SocietÓ dell'unione di Milano. I voti degli elettori del 1░ collegio di Pavia gli conferirono il mandato politico, che esercit˛ alla Camera nelle legislature XV, XVI e XVII in quel gruppo di giovani deputati lombardi, che si chiam˛ agrario e prese ad affrontare la questione sociale. Fu nominato senatore il 10 ottobre 1892; e, parimenti che nell'altra Camera, fra noi fu assiduo e considerato.
      Come in vita, ha beneficato in morte, legando liberalmente; e sarÓ suo bel monumento il nome di benefattore scritto sotto il blasone. (Benissimo). [...]
      Ha facoltÓ di parlare il senatore Levi Ulderico.
      LEVI ULDERICO. Amico da lunga data, compagno d’arme, collega per molti anni nei due rami del parlamento, del compianto senatore marchese Emanuele D’Adda, estimatore delle doti che lo adornavano e delle quali i molti atti da lui compiuti e provarono l’elevatezza, chieggo di potermi associare alle parole che, in omaggio alla sua memoria sono state or ora pronunziate dall’illustre nostro Presidente e propongo che la nostra presidenza invii alla nobile vedova, condoglianze speciali in nome del Senato. (Approvazioni). [...]
      VIGONI GIUSEPPE. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      VIGONI GIUSEPPE. [...] Il D’Adda, appena scoppiata la guerra del 1886, fu soldato, quindi deputato al Parlamento ed in seguito si dedic˛ alle cure dell’agricoltura, dedicandovi anche parte del suo patrimonio.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 23 febbraio 1912.

Note:Il nome completo risulta essere: "Emmanuele Leopoldo Febo Pietro Vitaliano Maria".
Il cognome della madre risulta anche nella variante: "Isimbardi".


AttivitÓ 0688_D'Adda_Emanuele_IndiciAP.pdf