SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CASTAGNOLA Stefano

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/03/1825
Luogo di nascita:CHIAVARI (Genova)
Data del decesso:11/09/1891
Luogo di decesso:GENOVA
Padre:Giovanni
Madre:SOLARI Giovannetta
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Genova
Professione:Avvocato
Altre professioni:Scrittore
Carriera:Professore incaricato di Diritto canonico all'Università di Genova
Professore di diritto commerciale ed incaricato del diritto canonico all'Università di Genova
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Genova (27 maggio 1888-28 febbraio 1891)
Vicepresidente del Consiglio provinciale di Genova
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Genova (15 luglio 1851)
Assessore comunale di Genova
Consigliere comunale di Chiavari
Assessore comunale di Chiavari
Consigliere provinciale di Genova
Membro della Deputazione provinciale di Genova
Cariche e titoli: Presidente dell'Amministrazione degli ospedali genovesi
Socio promotore dell'Accademia di pittura, scultura, architettura, ornato ed incisione di Genova
Socio onorario dell'Accademia dei Georgofili di Firenze (13 gennaio 1873)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Prefetto di Genova21 aprile 1888
Nomina:01/26/1889
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Tommaso Celesia
Convalida:31/01/1889
Giuramento:01/03/1889

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 2 giugno 1873
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 16 gennaio 1887
Gran Cordone dell'Ordine di Francesco Giuseppe (Austria)
Gran Cordone dell'Ordine di Cristo (Portogallo)
Gran Cordone dell'Ordine di Carlo III (Spagna)

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VI
Genova III
15-11-1857*
Sinistra
Ballottaggio il 18 novembre 1857
VIII
Chiavari
27-1- 1861**
Sinistra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861
IX
Chiavari
22-10-1865***
Sinistra/Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Chiavari
10-3-1867****
Destra
Ballottaggio il 17 marzo 1867. Cessazione per nomina a ministro di agricoltura, industria e commercio
XI
Chiavari
20-11-1870
Destra
XII
Chiavari
8-11-1874*****
Destra
Ballottaggio il 15 novembre 1874
Cariche:Segretario (28 marzo 1867-16 agosto 1869)


    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro della marina (ad interim) (14 dicembre 1869-15 gennaio 1870)
Ministro dell'agricoltura, industria e commercio (14 dicembre 1869-5 luglio 1873)
Ministro dei lavori pubblici (ad interim) (28 gennaio-31 agosto 1871)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Mi è doloroso ricordarvi le morti che ci afflissero nei mesi passati. [...]
      Il senatore Stefano Castagnola, nato a Chiavari il 3 agosto 1825, studiò la legge e fermò sua dimora in Genova.
      Bella rinomanza di dottrina e di alta probità, lo accompagnò nell'esercizio dell'avvocatura; professò con onore nell'ateneo stesso in cui aveva nutrito l'ingegno a forti studi, a libertà volti gli affetti, gli intenti.
      In giovine età, l'animo baldo, il cuore ardente aveva messi nelle contese politiche, colla parola e colla penna; volontario aveva dato il braccio alle fazioni di guerra del 1848.
      I buoni studi lo avevan presto fatto noto, il caldo sentire, popolare; Genova aprivagli la vita pubblica nel Comune, lo teneva per suo, mandavalo, poco più che trentenne, alla Camera dei deputati, nella sesta legislatura. Per altre cinque, altri collegi ve lo mantennero; presto vi ebbe voce, autorità.
      Ministro per quasi quattro anni (14 dicembre 1869-10 luglio 1873) dell'agricoltura, industria e commercio alcuni servigi ampliò, altri istituì, molti migliorò.
      Fosse deputato o fosse ministro lo proseguì costante simpatia: nessuno ne disconobbe il buon volere: incontrò contraddizioni, non astii. L'indole mite ed affettuosa lo metteva nel cuore dei colleghi, ve lo manteneva l'animo alto; la modestia schiva d'ogni ostentazione gliene assicurava la conquista. Ed anche nell'azienda municipale di Genova cui lungamente appartenne e presiedette, ultimo sindaco nominato dal Re, primo eletto dal Consiglio, le opposizioni non gli si voltarono in inimicizie: alla sua integrità tutti si inchinarono.
      Senatore da meno di due anni (26 gennaio 1889) Stefano Castagnola aveva già avuto occasione di provare la sua molta esperienza e la grande competenza nei varî argomenti che qui trattò con parola piana, lucida, faconda.
      La buona età, la complessione vigorosa, l'affetto della famiglia, il desiderio degli amici, dei concittadini il facevano sperare, lo promettevano longevo; quando, nella prima ora del giorno undici di settembre, fu da morte subitanea rapito, lasciando dopo di sé affetti vivaci, vivaci ricordi che non morranno. Di questi a tutti sovrasta, Stefano Castagnola essere stato uno dei ministri che ebbero la fortuna d'insediare l'Italia in Roma; per questo il nome suo, legato al grande fatto, durerà lontano nella memoria e nella gratitudine degli italiani. (Benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 novembre 1891.

Ringraziamenti:Dott.ssa Raffaella Ponte - Direttrice dell'Archivio storico del Comune di Genova

Attività 0490_Castagnola_IndiciAP.pdf