Senato della Repubblica - Biblioteca  
Nome Ente: ACCADEMIA DEI NOBILI, FIRENZE
Descrizione:

L’Accademia nacque nel 1688 per opera di “alcuni cavalieri, zelanti del pubblico bene della patria ...”. Essa occupò una “casa grande” su Piazza degli Strozzi, in pieno centro cittadino, ma nel giro di pochi anni arrivò ad occupare l’intero Palazzo Strozzi. E' pervenuto fino a noi un inventario dei mobili dell'Accademia del 1693: attraverso questo documento si è potuti risalire all'organizzazione degli spazi e in conseguenza all'organizzazione dei lavori. Dunque gli Accademici ricevevano lezioni sulla vita mondana, sulle armi e la guerra, sull'amministrazione dei beni, su esercizi per il proprio fisico e il proprio spirito. Lo scopo era quello di rendere i giovani nobili “abili mediante le scienze sì a publici che a privati ministeri”. Il Titolo I delle leggi dell’Accademia recita: “... L’oggetto, o Instituto dell’Accademia è quello di facilitare la riunione di una scelta Società, con offrire alle Persone del Ceto Nobile, tanto Nazionali, che Estere, il trattenimento, la Conversazione, e le Feste nelle Sale del suo Casino.”. In questo modo l'Accademia diventò una sorta di utopia della classe aristocratica che tendeva a dare ai propri giovani un'educazione speciale e separata. Già verso la fine del XVII secolo l'affluenza degli iscritti cominciò a calare. Nel 1739 l'Accademia venne soppressa e successivamente trasferita a Pisa.