SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


BERNOCCHI Antonio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/17/1859
Luogo di nascita:CASTELLANZA (Varese)
Data del decesso:08/12/1930
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Rodolfo
Madre:COLOMBO Angela
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Via Paleocapa, 4
Titoli di studio:Non conseguito
Professione:Industriale
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Legnano
Cariche e titoli: Presidente della Società anonima cotoniera "Bernocchi"
Membro del Consiglio generale dell'associazione cotoniera italiana
Cavaliere del lavoro (1905)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Deputatoante 1925
Direttore de "Il Popolo di Lombardia"
    Ravasio Carlo
30/04/1925
Deputato
    De Capitani d'Arzago Giuseppe
09/05/1925
Comitato fra i dipendenti per le onoranze ad Antonio Bernocchi
01/06/1925
Nomina:02/26/1929
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Raffaele Garofalo
Convalida:15/05/1929
Giuramento:18/05/1929

    .:: Onorificenze ::.

Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
                  "PRESIDENTE. (Si alza in piedi; contemporaneamente si alzano gli onorevoli Senatori e i Ministri).

                  Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente tolto all'Assemblea, durante la lunga interruzione dei suoi lavori, molti uomini che l'onoravano con la sapienza politica, col prestigio della cultura e con la devozione alla Patria. Ricordare i loro nomi e le loro benemerenze, non è, per noi, ossequio a una consuetudine formale, bensì debito di affettuosa riconoscenza.
                  Taluni colleghi scomparsi trovarono in quest'Aula degno compimento di lunghe e fortunose carriere parlamentari.
                  [...]
                  La triste enumerazione si conchiude, onorevoli colleghi, con un nome che non si illustrò nell'attività scientifica e neppure nell'arringo politico, bensì assurse a grande onore nel campo della produzione industriale e della filantropia: il nome di Antonio Bernocchi, che ebbe umili natali in Castellanza, presso Varese, e avendo cominciato a sedici anni la sua carriera come semplice operaio, seppe creare un'azienda di straordinaria importanza, la quale impiega oggi parecchie migliaia di lavoratori. Antonio Bernocchi sorresse la crescente prosperità della sua industria mediante lo sviluppo di un organico sistema di assistenza sociale, praticando fra i primi, spinto unicamente dalla propria istintiva saggezza e con una chiaroveggenza eguagliata soltanto dalla generosità, il principio della collaborazione di classe, base incrollabile di un più vero progresso economico e umano.
                  Alla memoria di coloro che la morte ci ha rapiti rivolgiamo, onorevoli colleghi, il nostro pensiero di mesto e reverente rimpianto.
                  MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Chiedo di parlare.
                  PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
                  MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Il Governo si associa alle nobili parole commemorative pronunciate dal Presidente dell'Assemblea".

                  Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 9 dicembre 1930.