SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


ADAMOLI Giulio

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/29/1840
Luogo di nascita:VARESE
Data del decesso:25/12/1926
Luogo di decesso:IL CAIRO (Egitto)
Padre:Domenico
Madre:PRINETTI Lucia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:GIBBS Costanza
Figli: Emilia
Luogo di residenza:BESOZZO (Como) - oggi (Varese)
Altra residenza:ALESSANDRIA D'EGITTO (Egitto)
Titoli di studio:Laurea in ingegneria
Professione:Ingegnere
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Cardana (1904-1920)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Varese
Consigliere comunale di Cardana (1875-1904)
Consigliere provinciale di Como
Cariche e titoli: Socio della Società geografica italiana (1871)
Consigliere della Società geografica italiana (1877-1887) (1895-1897) (1901-1904)
Vicepresidente della Società geografica italiana (1887-1895)
Presidente della Commissione per lo studio del problema ferroviario del porto di Genova

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/17/1898
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Giacinto Scelsi
Convalida:09/12/1898
Giuramento:13/12/1898
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 1879
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 dicembre 1891
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 agosto 1907

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra di indipendenza
1862 spedizione in Aspromonte
1866 terza guerra di indipendenza
1867 campagna dell'agro romano per la liberazione di Roma
Arma:Cacciatori delle Alpi
Mansioni:sottotenente; capitano

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XII
Gavirate
28-05-1876*
Sinistra costituzionale
Non prestò giuramento
XIII
Gavirate
5-11-1876
Sinistra costituzionale
XIV
Gavirate
16-5-1880
Sinistra costituzionale
XV
Como I
29-10-1882
Sinistra costituzionale
XVI
Como I
23-5-1886
Sinistra costituzionale
XVII
Como I
23-11-1890
Sinistra costituzionale
XVIII
Gavirate
6-11-1892
Sinistra costituzionale
XIX
Gavirate
26-5-1895
Sinistra costituzionale
Cariche:Questore (29 aprile 1879-2 maggio 1880)
Segretario (17 novembre 1887-3 agosto 1890) (11 dicembre 1890-27 settembre 1892) (24 novembre 1892-20 dicembre 1893)


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge sui trattati internazionali (26 marzo 1900-17 maggio 1900) (20 giugno 1900-18 ottobre 1904), segretario della Commissione per l'esame dei disegni di legge sui trattati internazionali (6 dicembre 1904-6 marzo 1907. Dimissionario)
Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge "Proroga del termine prescritto dall'art. 5 della legge 2 luglio 1905, n. 319, relativa ai provvedimenti per la Somalia italiana meridionale (Benadir)" e "Ordinamento del Benadir (Somalia italiana meridionale) (8 maggio 1906-6 marzo 1907)
Membro della Commissione per il regolamento interno (12 luglio 1906-6 marzo 1907. Dimissionario)
Commissario di vigilanza al Fondo per l'emigrazione (24 giugno 1901-6 marzo 1907. Dimissionario)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Sottosegretario di Stato al Ministero dell'agricoltura, industria e commercio (19 dicembre 1893-21 giugno 1894)
Sottosegretario di Stato al Ministero degli affari esteri (21 giugno 1894-9 marzo 1896)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente

      Onorevoli colleghi. Molti e gravi lutti ci hanno colpito nel lungo intervallo dei nostri lavori.
      Il giorno di Natale del 1926 in Cairo d'Egitto, lungi dalla patria tanto amata e in così diversi campi servita, si spegneva l'ingegnere Giulio Adamoli, alto e fervido spirito di patriota. Il Senato perde in lui uno dei suoi membri più anziani e la patria vede sparire uno di quella schiera, ahinoi, sempre più esigua, dei prodi combattenti delle prime guerre per l'unità nazionale.
      Nato il 29 febbraio 1840 in Varese, Giulio Adamoli crebbe in una famiglia ed in un ambiente saturi di patriottismo ardente e battagliero: e dopo avere, ancora imberbe studente in Pavia, preso viva parte alle dimostrazioni antiaustriache, passò il confine per arruolarsi, diciannovenne, nei granatieri piemontesi e combatté valorosamente a San Martino e fu al blocco di Peschiera. Nominato sottotenente, dette le dimissioni per correre in Sicilia dove Garibaldi era sbarcato coi Mille e partecipò a tutta la campagna, combattendo al Volturno. Dopo una breve parentesi di esercizio professionale, corse nuovamente in Sicilia per seguire Garibaldi nel progettato tentativo su Roma, che doveva chiudersi colla triste giornata di Aspromonte, alla quale egli pure fu presente.
      Nel 1866 combatté nuovamente come capitano nei bersaglieri volontari garibaldini sul Chiese e a Vezza d'Oglio. L'anno seguente prese parte ai moti insurrezionali di Roma e fu nella tragica giornata di Mentana a fianco di Garibaldi. Nell'autunno dello stesso anno, ad appagare l'inesausta sua sete di imprese ardue, iniziò grandi viaggi di esplorazione in Asia centrale e prese anche parte ad una spedizione militare in quella regione. Tornato in patria, quale consigliere della Società geografica italiana, favorì quelle audaci ed utili esplorazioni nell'interno dell'Africa, cui tanti illustri italiani hanno legato i loro nomi.
      Per otto legislature, dal 1876 al 1897, rappresentò con rara e proficua attività l'antico collegio di Gavirate alla Camera: fu questore e segretario di quell'Ufficio di Presidenza. Resse anche la carica di sottosegretario di Stato agli esteri nell'ultimo Gabinetto Crispi dal 1894 al 1896.
      Il 17 novembre 1898 le sue molteplici benemerenze di patriota e di parlamentare furono riconosciute e premiate colla nomina a senatore. Anche fra noi godé grande prestigio e vivissime simpatie: fu, nei primi anni sopratutto, attivissimo ai nostri lavori e membro d'importanti commissioni. Nominato, nel 1907, rappresentante dell'Italia nella Commissione internazionale per il debito pubblico in Egitto, stabilì la sua residenza al Cairo e molto raramente apparve poscia tra noi.
      Giulio Adamoli fu invitta anima di patriota, uomo di carattere e d'intelletto egualmente nobili, virile tempra di cittadino e di parlamentare. Soldato, letterato, uomo politico, amministratore, egli si rese dovunque altamente benemerito della patria e la balda figura, bonaria e gagliarda insieme, merita di vivere a lungo nella memoria degli italiani.
      Pieghiamo la fronte reverenti sulla sua tomba lagrimata e porgiamo alla famiglia desolata la testimonianza del nostro grande cordoglio. (Bene).
      FEDERZONI, ministro delle colonie. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      FEDERZONI, ministro delle colonie. Il Governo aggiunge una sua parola di reverente compianto alla celebrazione dei senatori defunti, nobilmente fatta dall'illustre Presidente di questa Assemblea.
      Una particolare parola di omaggio io voglio rivolgere alla memoria di Giulio Adamoli, prode soldato del risorgimento, autore di un libro di ricordi autobiografici, che resta testimonianza preziosa dell'anima e dell'intelletto di coloro che crearono l'unità della patria, pioniere dell'azione italiana in Affrica. [...]
      Tutti questi uomini insigni lasciano un ricco retaggio di affetti e di esempi. La nazione lo raccoglie e lo saprà degnamente custodire. (Vive approvazioni - Applausi).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 28 marzo 1927.

Ringraziamenti:Dott. Piero Mordini Direttore della Segreteria generale - Archivio storico comunale di Varese
Dott. Giuseppe Armocida
Maura Pedroni, ufficio segreteria del Comune di Besozzo


Attività 0011_Adamoli_IndiciAP.pdf