SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


ARRIGOSSI Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/23/1824
Luogo di nascita:VERONA
Data del decesso:09/08/1906
Luogo di decesso:VERONA
Padre:Carlo
Madre:TURRI Antonia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:PERONI Aurelia
Figli: Beatrice
Emilio
Carlo
Luigia
Fratelli:Alessandro
Germano
Giovanna
Parenti:Giacomo, nonno paterno
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Avvocato
Cariche amministrative:Assessore comunale di Verona (Governo provvisorio) (ottobre 1866)
Consigliere comunale di Verona (luglio 1877-5 gennaio 1880. Dimissionario) (23 giugno 1896) (luglio 1902)
Cariche e titoli: Membro della Commissione di vigilanza della Cassa dei depositi e prestiti

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/12/1881
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Michele Amari
Convalida:30/06/1881
Giuramento:07/12/1881
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 novembre 1866
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
IX
Isola della Scala
25-11- 1866*
Centro-sinistra
Eletto anche nel collegio di Verona II, optò per quello di Isola della Scala il 22 dicembre 1866
X
Isola della Scala
10-3-1867
Centro-sinistra
XI
Isola della Scala
20-11- 1870**
Centro-sinistra
Ballottaggio il 27 novembre 1867
XII
Isola della Scala
8-11- 1874***
Centro-sinistra
Ballottaggio il 15 novembre 1874
XIII
Isola della Scala
5-11-1876****
Centro-sinistra
Ballottaggio il 12 novembre 1876


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Tancredi Canonico, Presidente

    Signori senatori! [...]
    Un altro distinto collega abbiamo perduto nel senatore Luigi Arrigossi.
    Nato a Verona il 23 marzo 1824 e laureato in leggi a Padova, egli acquistò ben presto meritata fama nel foro, e prese posto fra i migliori giuristi d'Italia.
    Ardente patriota, ma di mente serena ed equilibrata, si adoperò efficacemente per favorire la liberazione della Venezia dal giogo straniero e la sua unione alla patria risorta.
    Non appena ciò avvenne, due collegi lo vollero mandare al Parlamento: il 2° di Verona e quello d'Isola della Scala. Egli optò per quest'ultimo; e dal medesimo fu rieletto per altre quattro legislature.
    La sapiente ed assennata sua parola, sopratutto nelle questioni giuridiche, gli attirò ben presto la stima e la simpatia dei colleghi: fu nominato in varie commissioni e fece pregiate relazioni di parecchi disegni di legge.
    Entrammo in Senato insieme, il 12 giugno 1881: ed egli frequentava nei primi anni le nostre sedute.
    Ma a poco a poco, più ancora dell'età, le condizioni della sua salute gl'impedirono di venire a Roma: sebbene con zelo e intemerata coscienza attendesse nella sua Verona agli uffici amministrativi, a cui la fiducia de' suoi concittadini lo avea chiamato.
    In questi ultimi anni per giunta era divenuto cieco: e siffatta penosa contrarietà egli sopportava con la pace serena delle anime elevate che, fisse unicamente nel culto del bene e nell'aspirazione al meglio, sanno tenersi al disopra delle miserie e dei dolori di questa povera vita.
    Egli forse ha potuto in alcune parti consolarsi, dicendo a se stesso: Non veder, non sentir, m'è gran ventura!.
    In soli tre giorni una polmonite lo spense nella sua città nativa il 9 agosto 1906.
    Modesto quanto valente, la sua esistenza fu un'azione incessante e coscienziosa a pro del suo paese.
    Onore alla memoria di Luigi Arrigossi! (Bene). [...]
    TITTONI, ministro degli affari esteri. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
    TITTONI, ministro degli affari esteri. Rinnovando all'illustre Presidente l'espressione di dolorosa simpatia per l'immensa sventura che l'ha colpito, io mi associo a nome del Governo alle nobili parole che egli ha pronunciato per commemorare i senatori Chinaglia, Serafini, Longo, Arrigossi, Fusco, Cantoni, Frisari e Di San Giuseppe. [...]
    PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Vischi.
    VISCHI. Anche oggi possiamo dire che il lutto del Senato è lutto della patria. Gli uomini eminenti, che commemoriamo, ebbero tanta parte nel risorgimento italiano o tante altre benemerenze da poter dire che la loro dipartita fu sentita e sarà sempre deplorata, come da noi, da tutta l’Italia nostra. [...]
    Come non rimpiangere l’Arrigossi?
    [...]
    Ed è per lui [Frisari], come per tutti gli altri, che proporrei fosse inviata alle famiglie derelitte ed ai paesi che ebbero l’alto onore di dar loro i natali, l’espressione di condoglianza da parte del Senato. (Bene).
    PRESIDENTE. La Presidenza ha già così provveduto prevenendo il desiderio dell’onorevole Vischi.

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 27 novembre 1906.

Note:Il nome completo risulta essere: "Luigi Tommaso".
Ringraziamenti:-Comune di Verona
-Sindaco del Comune di Verona
-Responsabile del Servizio protocollo informatico dott.ssa Gloria Maroso


Attività 0087_Arrigosi_IndiciAP.pdf