SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


ARRIVABENE VALENTI GONZAGA Giberto

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/24/1872
Luogo di nascita:MANTOVA
Data del decesso:30/08/1933
Luogo di decesso:CERNOBBIO (Como)
Padre:Silvio, senatore (vedi scheda)
Madre:FORINI LIPPI Virginia
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Coniuge:PAPADOPOLI ALDOBRANDINI Clotilde Vera, contessa
Figli: Carbonello
Leonardo
Nicoletta
Maria Maddalena
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Paisiello, 27
Professione:Militare di carriera (Marina)
Carriera:Capitano di vascello nella riserva navale (19 agosto 1927)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/21/1929
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Lodovico Mortara
Convalida:11/05/1929
Giuramento:23/05/1929

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 3 aprile 1913
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 23 maggio 1924
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 3 giugno 1926
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 19 aprile 1930
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 gennaio 1916

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1895-1896 guerra italo-abissina
1911-1912 guerra italo-turca
1915-1918 I guerra mondiale
Arma:Marina
Decorazioni:Medaglia d'argento al valore militare; Croce di guerra

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXIII
Cologna Veneta
14-03-1909
Ballottaggio
XXIV
Cologna Veneta
26-10-1913
XXVII
Collegio unico nazionale (Veneto)
06-04-1924


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
      "PRESIDENTE. Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente colpito il Senato durante l'interruzione delle nostre sedute. Uomini di alto prestigio intellettuale, fra i più eminenti nella vita culturale della Nazione, antichi e insigni parlamentari, nei quali l'autorità era eguale alla esperienza, benemeriti servitori dello Stato, patrioti di incorrotta esemplare fedeltà agli ideali, donde l'Italia nuova ha tratto le energie per la propria rigenerazione, hanno lasciato in quest'aula ricordi e rimpianti che oggi incombono su noi con tanto più accorata mestizia per l'impossibilità di una degna rievocazione.
      [...]
      Ma il vanto di vecchia, verace e fierissima camicia nera, per le tante prove generosamente date di devozione alla causa, spettava sopra tutto [sic] al nostro caro collega e prode camerata Giberto Arrivabene, in guerra e in pace continuatore delle splendide tradizioni patriottiche della sua famiglia. Ufficiale di marina, aveva partecipato alle campagne di Eritrea e di Libia. Allo scoppio della guerra mondiale, avendo già lasciato il servizio attivo, chiese di rientrare nei quadri dell'Armata e combattè con le batterie della Regia marina sul Basso Isonzo, guadagnandosi una medaglia d'argento al valore. Deputato per la XXIII e la XXIV legislatura, aveva preso parte strenuamente alla lotta, in Parlamento e fuori, per l'intervento, per la resistenza, per la difesa della guerra e della vittoria. Era stato squadrista animoso e animatore nelle campagne mantovane e veronesi devastate dalla propaganda sovversiva. Col trionfo della Rivoluzione fascista, fu messo, come console generale della Milizia, a capo delle legioni calabresi; e poi, nel 1924, eletto nuovamente deputato; e infine, dal 1929, nominato Senatore. Pur troppo la sua fibra giovanilmente gagliarda era già minata da un male che a lui fu inesorabile; ed egli si sapeva condannato, ma nascondeva la prescienza della prossima immatura fine sotto la maschera di una mordace signorile ironia. Così lo vedemmo andare incontro alla morte, con la stessa intrepidezza baldanzosa con cui l'aveva tante volte affrontata sul mare, in trincea e su le piazze.
      MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Il Governo si associa alle nobili parole del Presidente ed al cordoglio dell'Assemblea".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1933.


Attività 0089_Arrivabene_Valenti_Gonzaga_Gilberto_IndiciAP.pdf