SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


ARCONATI VISCONTI Giuseppe

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/09/1797
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:11/03/1873
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Carlo
Madre:TROTTI BENTIVOGLIO Teresa, nobildonna
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese
Coniuge:TROTTI BENTIVOGLIO Costanza, cugina
Figli: Carletto
Giammartino
Parenti:SCHAFFGOTSCHE, Antonia, suocera, nobildonna
ARCONATI VISCONTI Paolo, zio
TROTTI BENTIVOGLIO Margherita, cognata
PROVANA DI COLLEGNO, Giacinto, marito di TROTTI Margherita, cognata
TROTTI Ludovico, cognato, senatore (vedi scheda)
Professione:Possidente
Cariche e titoli: Colonnello della Guardia civica di Gaesbeek (Belgio) (1831)
Socio annuale della Società geografica italiana (1867)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/08/1865
Categoria:03
21
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Giovanni Arrivabene
Convalida:21/11/1865
Giuramento:04/12/1865

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
IV
Vigevano
9-12-1849
Destra
V
Vigevano
8-12-1853
Destra
VI
Vigevano
15-11-1857
Destra
VII
Cuggiono
25-3-1860
Destra
VIII
Cuggiono
27-1-1861
Destra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Terenzio Mamiani, Vicepresidente

      Signori senatori! [...]
      Mi duole, egregi colleghi, di non poter qui mettere fine a questi cenni necrologici, e a me tocchi l'amaro debito di annunziarvi che ieri appunto spegnevasi la vita preziosa del marchese Arconati, senatore del Regno. Ricordare le virtù di quest'uomo, davvero non è faccenda di poche parole, ed altri il farà con la estensione richiesta e in maniera molto più acconcia e proporzionata al merito singolarissimo.
      Insino dal 1821 il marchese Arconati cominciò la vita travagliosa di esule e di proscritto; né per iperbole accenno alla proscrizione; perocché a quei tempi, quando anche non avesse egli pagato con la pena del capo l'amor suo grande alla patria ed ai principii di libertà, certo non isfuggiva nelle carceri dello Spielberg a una tetra e prolungata agonia, forse peggior della morte. Ad ogni modo vennergli allora sequestrate le pingui possidenze e l'effigie sua stette appesa alle forche. Ma la fortuna, questa volta non cieca, lo provvide opportunamente d'un largo patrimonio ereditato nel Belgio, dove si trasferì durante l'esilio e dove con ispecchiati costumi e l'esercizio d'ogni virtù, fece rispettabile agli stranieri il nome d'Italia, rispettabili e quasi sacre le sventure dei nostri sbanditi.
      Nella lunga sua carriera, nelle differenti sue condizioni, in patria come nell'esilio, in casa, come in Senato, non solo non cambiò mai principii, ma non ebbe mai tanto o quanto a modificarli, perché s'informavano tutti alle massime più severe di moralità e di saggezza, e ad un amore d'Italia il più puro e disinteressato.
      Ma la virtù principale e costante dell'animo suo fu la beneficenza, quasi direi sconfinata; e nessun nome andrà ricolmo di tante benedizioni, nessuna morte rimpianta e onorata di pubbliche lacrime e di secrete, quanto il nome, quanto la morte di questo illustre patrizio. Credesi dal volgo che la ricchezza rende beati gli uomini. Il saggio ne fa diverso giudicio. Ma per fermo la ricchezza diventa un dono celeste quando ella è usata come praticava ogni giorno, ogni istante, il venerando nostro collega.
      Io non dubito di affermare, o Signori, che nonostante le esorbitanze di questi ultimi tempi, quando i facoltosi imitassero anche in parte la liberalità quotidiana e instancabile del senatore Arconati, le questioni sociali o sparirebbero interamente, ovvero entrerebbero in quella unica via la quale può temperare a grado per grado gli effetti più invidiosi e funesti delle umane disuguaglianze (Segni generali d'approvazione).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 12 marzo 1873.


Attività 0078_Arconati_Visconti_IndiciAP.pdf