SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


FERRARIS Dante

  







   Indice dell'Attivitą Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/07/1868
Luogo di nascita:VIARIGI (Alessandria) - oggi (Asti)
Data del decesso:19/01/1931
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Francesco
Madre:BUSSA Anna
Coniuge:DIATTO Giuseppina
Figli: Silvio
Parenti:FERRARIS Francesco, avo paterno
BUSSA Carlo, avo materno
DIATTO G.B., suocero
Luogo di residenza:TORINO
Titoli di studio:Laurea in ingegneria
Presso:Scuola d'applicazione per gli ingegneri di Torino [Politecnico di Torino]
Professione:Industriale
Cariche e titoli: Membro del Consiglio d'amministrazione della Societą Diatto (1899)
Direttore tecnico della Societą Diatto (1902)
Amministratore delegato della Societą Diatto (1914), poi Presidente
Sindaco della Societą termotecnica e meccanica di Torino (1900)
Consigliere della Borsa del Lavoro (1901)
Presidente delle industrie metallurgiche di Torino (1905)
Vicepresidente della Societą ossidrica italiana (1907)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Societą anonima "Giovanni Gilardini"
Vicepresidente della Societą anonima "Giovanni Gilardini" (1911)
Presidente della Societą anonima "Giovanni Gilardini" (1912)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Fiat (agosto 1908)
Presidente della FIAT San Giorgio (1913-1916)
Vicepresidente della FIAT (settembre 1908-luglio 1918)
Amministratore della Cassa di risparmio di Torino (1912-1919)
Consigliere di sconto della Banca d'Italia (1910)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Banca commerciale italiana (9 luglio 1918-18 luglio 1919)
Presidente del Consiglio d'amministrazione del settimanale "L'Idea nazionale" (1914-ottobre 1915)
Membro del Consiglio d'amministrazione della Societą cantieri navali e acciaierie per la creazione di Porto Marghera (settembre 1917)
Presidente della Societą idroelettrica Piemonte (1918)
Membro della Commissione centrale per lo studio e le proposte di provvedimenti per il passaggio dallo stato di guerra allo stato di pace (30 giugno 1918) [Commissionissima]
Comproprietario del giornale "Il Paese" [aprile-novembre 1922]
Presidente del Comitato di mobilitazione del Piemonte (1915-1918)
Membro del Comitato di mobilitazione nazionale [1915-1918]
Membro del Consiglio interalleato della Conferenza della pace di Parigi (1919)
Consigliere della Confederazione generale piemontese fra industriali e commerciali, poi Lega industriale di Torino (1906)
Presidente della Lega industriale di Torino (1912)
Presidente della Federazione industriale piemontese (1914)
Presidente della Confindustria (8 aprile-28 luglio 1919)
Vicepresidente dell'Associazione fra le societą italiane per azioni (1914-1917)
Presidente dell'Associazione fra le societą italiane per azioni (1917-giugno 1919)
Consigliere dell'Associazione fra le societą italiane per azioni (giugno 1919-1927)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:07/31/1919
Categoria:05 I Ministri segretari di Stato
Relatore:Nerio Malvezzi de' Medici
Convalida:07/08/1919
Giuramento:08/08/1919

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:
Commissario di vigilanza al debito pubblico (17 giugno 1921-2 maggio 1929)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dell'industria, commercio e lavoro (23 giugno 1919-21 maggio 1920)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Luigi Federzoni, Presidente

        Prima di riprendere le nostre discussioni, rivolgiamo il pensiero ai compianti colleghi, che [...] ci hanno lasciato durante l'interruzione dei lavori dell'Assemblea. [...]
        Breve ma assai importante fu la partecipazione di Dante Ferraris alla vita pubblica. Ingegnere valente, grande industriale piemontese, dotato di poderoso spirito d'iniziativa, non ebbe sempre fortuna corrispondente ai suoi ardimenti. Ministro dell'industria dal 23 giugno 1919 al 22 maggio 1920, prese una notevole parte alle vicende economiche e politiche della nazione in quell'agitato periodo. La fine immatura e triste di Dante Ferraris ha prodotto in tutti un sincero senso di mestizia.
        MUSSOLINI, capo del Governo. Chiedo di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltą.
        MUSSOLINI, capo del Governo. Il Governo si associa alle nobili parole di rimpianto pronunziate dal Presidente della vostra Assemblea.

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 17 marzo 1931.

Note:Il nome completo risulta essere: "Dante Marcello Giacinto".
Ringraziamenti:-Sindaco di Viarigi (Asti) Virginio Fracchia

Attivitą 0975_Ferraris_Dante_IndiciAP.pdf0975_Ferraris_Dante_IndiciAP.pdf