SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


CAMOZZI VERTOVA Giovanni Battista

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/22/1818
Luogo di nascita:Bergamo
Data del decesso:11/04/1906
Luogo di decesso:Costa di Mezzate, Bergamo
Padre:Andrea
Madre:Vertova Elisabetta
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioIncerto
Titoli nobiliariConte di Ludriano, titolo concesso con regio decreto 12 marzo 1887
Nobiltà indipendente
Nobilitato
Coniuge:Giulini della Porta Maria Giovanna
Figli: Cesare
Gabriele
Fratelli:Ambrogio
Gabriele
Giacomo
Parenti:Beatrice, nipote
Elisabetta, nipote
Giovanni Battista, nipote
Maria Teresa, nipote
Idelfonso, nipote
Luogo di residenza:Bergamo
Titoli di studio:Laurea in medicina legale
Presso:Università di Pavia
Professione:Possidente
Altre professioni:Amministratore pubblico
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Bergamo (1860-1870)
Vicepresidente del Consiglio provinciale di Bergamo
Sindaco di Costa di Mezzate
Sindaco di Ludriano
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Bergamo
Cariche e titoli: Membro della Commissione consultiva sulle istituzioni di previdenza e sul lavoro
Socio corrispondente dell'Ateneo di Brescia (17 aprile 1884)
Presidente dell'Ateneo di scienze, lettere ed arti di Bergamo
Presidente dell'Accademia Carrara di belle arti di Bergamo
Vicepresidente dell'Accademia Carrara di belle arti di Bergamo
Socio della Società geografica italiana (1868)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/29/1860
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Lorenzo De Cardenas
Convalida:09/06/1860
Giuramento:02/04/1860
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d'inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 giugno 1863
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1864

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1859 seconda guerra d'indipendenza


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Tancredi Canonico, Presidente
      Signori senatori!
      Un altro lutto! Un altro collega, uomo di carattere intemerato e di patriottismo autentico, abbiamo perduto nel nostro decano, il senatore Giovanni Battista Camozzi-Vertova, nato a Bergamo il 22 agosto 1818, morto a Costa di Mezzate il dì 11 aprile 1906.
      Fratello del valoroso ed eroico Gabriele, la sua vita fu consacrata al risorgimento ed alla prosperità del nostro diletto paese.
      Laureato a Pavia nella Facoltà medico-legale, fin dagli anni giovanili concorse cogli amici di Lombardia a preparare i moti del 1848; durante i quali prese parte attivissima nelle lotte delle cinque giornate di Milano e nell’azione del Governo provvisorio. Tornati gli Austriaci, passò in Piemonte, per ritornare poi in Lombardia nella spedizione capitanata dal fratello Gabriele onde eccitarvi la rivolta contro lo straniero. Già liberate Como e Lecco, assediata la rocca di Bergamo, sopraggiunse la catastrofe di Novara. Ai due fratelli Camozzi furono sequestrati i beni; profughi entrambi e proscritti, pur non cessavano di aiutare, secondo il potere, gli emigrati politici che a loro ricorrevano.
      D’accordo col fratello, Giovanni Camozzi-Vertova, contribuì nel 1850 a costituire una società per azioni, diretta ad acquistare una nave mercantile, poi battezzata Carmen, e porla sotto il comando di Garibaldi, del quale il Camozzi era amicissimo, affine di procurare all’eroe una esistenza indipendente.
      Tornato in seno alla famiglia, dopo la guerra del 1859 Giovanni Camozzi-Vertova lavorò attivamente nelle amministrazioni provinciali e comunali. Per dieci anni tenne a Bergamo l’ufficio di sindaco col plauso di tutti; dimettendosi poi, malgrado i voti e le insistenze universali perché rimanesse.
      Nominato senatore il 20 [sic] febbraio 1860, prese parte attiva ai lavori della Camera vitalizia finché le forze glielo consentirono; ma negli ultimi anni viveva lontano da ogni pubblico ufficio, alternando la dimora fra Bergamo e la sua villa dove si ammira, fra le altre, una collezione ornitologica assai preziosa da lui raccolta ed ordinata, intelligente ed appassionato cultore, quale era, delle scienze naturali.
      Molto pregiato da Silvio Spaventa, non meno che da tutti gli uomini di alto ed intemerato carattere suoi pari, credente convinto, buono e caritatevole, egli lascia venerata e carissima memoria di sé nella sua terra nativa, nel Senato, nella patria italiana tutta quanta, che durante la intera sua vita egli servì con amore operoso, come privato, come uomo pubblico.
      Quanti benemeriti cittadini appartenenti a questo alto Consesso non abbiamo noi perduto in questi ultimi mesi!
      Un dopo l’altro, vengono omai scomparendo quasi tutti coloro che col senno e con la mano hanno iniziato e promosso il nostro risorgimento nazionale.
      L’opera loro fu efficace perché in essi amare la patria voleva dire sacrificarsi per essa. Chi non si sacrifica non ama.
      Con l’amore e il sacrificio risorse l’Italia ad unità di nazione libera ed indipendente. Con l’amore ed il sacrificio soltanto essa potrà mantenersi tale, purificarsi dalle scorie che ne inceppano il cammino, ed elevarsi verso gli alti suoi destini.
      Alla schiera dei veri patrioti animati da questi principii, ardenti di questo sacro fuoco, apparteneva il senatore Camozzi-Vertova.
      Possano i nostri giovani raccogliere questa santa tradizione ed, incarnandola nella loro vita privata e pubblica, preparare alla diletta nostra patria giorni migliori! (Benissimo).
      CUCCHI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CUCCHI. Mi associo di gran cuore e con profondo cordoglio alla commemorazione che pronunciò testé il nostro Presidente per l’illustre nostro collega, e mio grande amico, il senatore Giovambattista Camozzi-Vertova.
      Io lo conobbi nei momenti più tristi della dominazione straniera, e sin d’allora il sentimento della riscossa mi unì con lui in più fraterno contatto, e, posso dirlo con orgoglio, che anche noi fummo tra quelli che congiurarono, finché non. venne l’epoca liberatnce del 1859.
      Mando un saluto alla famiglia del compianto amico, benché l’Ufficio di Presidenza abbia già inviato le condoglianze del Senato.
      CADOLINI. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      CADOLINI. Legato per antica amicizia al senatore Camozzi, così da poterne apprezzare le rare virtù e l’eletto patriottismo, obbedisco a un vivo impulso del cuore, aggiungendo una parola di rimpianto, e facendo eco a quelle nobilissime dell’onorevole nostro Presidente, per onorare la memoria dei prodi figli di quella famiglia, i quali, esponendo la vita e sacrificando le ricchezze, contribuirono generosamente al risorgimento nazionale, dando sublime esempio di virtù patriottiche alle future generazioni.
      Animato da questi sentimenti, propongo che il nostro Presidente si compiaccia rivolgere, in nome del Senato, una calorosa parola di condoglianza a quella illustre famiglia, la quale occupa, davvero, un posto eminente fra quelle che maggiormente onorarono la nostra rivoluzione. (Bene).
      PRESIDENTE. Come di consueto, mi son già fatto premura di trasmettere alla famiglia del compianto collega le nostre condoglianze; ma non mancherò di darle particolare comunicazione dei sentimenti espressi oggi in Senato.
      MAJNONI D’INTIGNANO, ministro della guerra. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      MAJNONI D'INTIGNANO, ministro della guerra. Come compaesano del senatore Camozzi, il quale essenzialmente si distinse e per le sue virtù patriottiche e combattendo per la patria nelle nostre prime guerre di indipendenza, a nome del Governo mi associo, e col massimo rammarico, ai sentimenti di condoglianza tanto bene espressi dall’illustre Presidente del Senato. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 24 aprile 1906.

Note:Partecipò alle cinque giornate di Milano.
Il cognome completo risulta essere: "Camozzi De Gherardi Vertova".
Il cognome risulta anche nella variante "Vertua".

Ringraziamenti:Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana
Cassa rurale - BCC di Treviglio


Attività 0403_Camozzi_Vertova_IndiciAP.pdf