SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


VISCONTI DI MODRONE Uberto

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/23/1871
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:13/01/1923
Luogo di decesso:SANREMO (Porto Maurizio) - oggi (Imperia)
Padre:Guido, senatore (vedi scheda)
Madre:RENZI Ida (variante dialettale Rensi)
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariDuca
Marchese di Vimodrone
Conte di Lonate Pozzolo
Signore di Corgeno
Consignore di Somma, Crenna e Agnadello
Patrizio milanese
Don
titoli riconosciuti con sovrana risoluzione austroungarica del 27 novembre 1816
Coniuge:GROPPALLO Marianna
Figli: Ida
Maria
Marcello
Valentina
Fratelli:Guido Carlo, conte, senatore (vedi scheda)
Giovanni, padre di Ida, Raimonda, Carla, Ruggero
Giuseppe, padre di Guido, Anna, Luigi, Luchino
Parenti:VISCONTI DI MODRONE Uberto, avo paterno
Luogo di residenza:MILANO
Altra residenza:ROMA
Professione:Industriale
Altre professioni:Direttore teatrale
Carriera:Fondatore e proprietario degli Stabilimenti Visconti di Modrone (febbraio 1903)
Presidente della Società anonima esercente il teatro "La Scala" di Milano (1903-1907)
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Macherio
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Milano

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/24/1913
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Antonino di Prampero
Convalida:08/12/1913
Giuramento:20/12/1913

    .:: Onorificenze ::.

Decorato dell'Ordine del Sol Levante (Giappone) giugno 1918

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1915-1918 I guerra mondiale


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Tommaso Tittoni, Presidente

    Onorevoli senatori!
    Con sentimento di vero rimpianto ricordo al vostro affettuoso cordoglio i cari colleghi perduti durante l'intervallo dei nostri lavori.
    . [...]
    Il 13 gennaio si spense, immaturamente, a San Remo il duca Uberto Visconti di Modrone, nato a Milano il 23 febbraio 1871, dal duca Guido, nostro compianto collega, dal quale aveva ereditato altissime doti di mente e di cuore.
    Di censo ricchissimo, avrebbe potuto trascorrere una esistenza di tranquilli ozi: ma preferì invece seguire la nobile tradizione di quell'aristocrazia che vuole con tutte le sue energie partecipare alla moderna vita sociale e che sente altamente i propri doveri. Compiuti gli studi universitari e dopo essere stato per qualche tempo ufficiale di cavalleria, dedicò la sua attività ed il suo ingegno in molteplici campi. Vero spirito di mecenate, appassionato cultore dell'arte musicale, assunse, dopo la morte del padre nel 1902, la gestione del teatro della Scala, in un momento assai critico per la nostra massima istituzione teatrale; e con opera illuminata e sapiente, mettendo in giuoco anche la sua fortuna personale, seppe riportarlo al suo antico splendore. E innumerevoli furono le iniziative orchestrali e teatrali del colto patrizio lombardo; egli fu, fra l'altro, ispiratore e organizzatore della commemorazione centenaria di Giuseppe Verdi.
    Munificentissimo, fu l'anima di nobili istituzioni di beneficenza, e di opere pie, mantenute o sussidiate dalla sua casa. Fu anche un accorto e moderno industriale, partecipando alla gestione di numerosi e importanti stabilimenti e sovratutto cercando la sempre migliore organizzazione degli opifici cotonieri che la casa Visconti possiede in vari paesi della Lombardia, e dando anche notevole incremento al suo patrimonio terriero, sollecito sempre e anzitutto del migliore benessere dei suoi numerosi operai e contadini. Innumerevoli cariche pubbliche egli aveva coperto e copriva: fu anche, tra l'altro, consigliere comunale di Milano.
    Appena scoppiata la guerra, egli volle servire attivamente il suo paese: tornò sotto le armi col grado di primo capitano e prestò servizio per tutta la guerra, congedandosi col grado di tenente colonnello.
    L'attività multiforme e incessante del duca Visconti di Modrone, che doveva minargli la salute e trarlo ancor giovane alla tomba, fu sempre benefica, illuminata, efficace, non diretta a procacciare popolarità, ma solo a soddisfare gli impulsi di uno spirito eletto, di un cuore generoso, di contribuire alla migliore elevazione del popolo, di dare maggior gloria al nome italiano, sia nel campo dell'industria che in quello dell'arte.
    I suoi alti meriti furono riconosciuti colla nomina a senatore il 24 novembre 1913, e ai nostri lavori partecipò sempre attivamente.
    Alla sua memoria di eletto gentiluomo e di benemerito cittadino vada il nostro compianto, alla famiglia così crudelmente orbata ed alla città natale l'espressione del nostro vivo cordoglio. (Bene). [...]
    MUSSOLINI, presidente del Consiglio, ministro dell'interno e interim per gli affari esteri. A nome del Governo, mi associo alle nobili parole pronunciate dal Presidente del Senato in commemorazione dei defunti senatori.

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 8 febbraio 1923.

Note:Il nome completo risulta essere: "Uberto Gaetano Giovanni".
Ringraziamenti:Dott. Matteo Sartorio - Teatro alla Scala di Milano

Attività 2334_Visconti_di_Modrone_Uberto_IndiciAP.pdf