SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


VOLI Melchiorre

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/09/1842
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:17/12/1894
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Vincenzo
Madre:MANGIARDI Francesca
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:CAVALLI Giuseppina
Figli: Teresa, che sposò Vittorio TORNIELLI DI VERGANO
Giovanna Francesca, che sposò Carlo GROMIS di TRANA
Gaspare Vincenzo
Vincenzo Piero, che sposò Giulia MAFFEI
Maria che sposò Guido BISCARETTI DI RUFFIA, senatore (vedi scheda)
Giovanni Pietro che sposò Luisa BOUVIER
Giulia Maria, che sposò Edoardo SELLA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Torino (29 marzo 1887-19 ottobre 1894)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Torino (1883-1894)
Consigliere provinciale di Cuneo
Assessore comunale di Torino (1883)
Cariche e titoli: Socio ordinario dell'Accademia d'agricoltura di Torino (29 novembre 1873)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/04/1890
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:24/01/1891
Giuramento:10/12/1890
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 23 settembre 1888


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Doloroso è a me l'annuncio, a voi l'udire dei colleghi venuti a morte dacché non ci adunammo.
      Il senatore Melchiorre Voli mancò ai vivi in Torino addì 17 dello scorso dicembre. Quasi cinquantadue anni addietro vi aveva avuto nascimento e via, via, addottorato nella legge e nel foro con lode sperimentato, nella pubblica stima si addentrò tanto da esserne levato ai maggiori uffici della civica azienda. Nella quale, non appena eletto consigliere, l'autunno del 1883 divenuto assessore, risaltarono la rara perizia, l'animo eccellente e tutte le peculiari doti di lui; onde mancato il capo del comune, il Governo nella primavera del 1887 gliene dava il grado a cui la pubblica opinione lo designava. E che questa veramente fosse la volontà universale apertamente si chiarì quando, per tre successive scadenze, gli elettori lo richiamarono in consiglio, primo per maggior numero di voti; ed il Consiglio, investito della podestà di nominare il sindaco, lo scelse due volte con unanime suffragio, ponendo il suggello al popolare verdetto.
      Come egli altamente intendesse la prima magistratura d'una grande città e come vi attendesse, fu dimostrato per gli otto anni consecutivi nei quali la tenne senza perdere autorevolezza o simpatie. Né basta. Stremato dalla infermità che da lungo tempo ne minava la vita, due mesi avanti di uscirne avendo rassegnato l'ufficio cui vincendo i dolori del corpo e l'ambascia aveva consacrato gli ultimi avanzi d'operosità, il Consiglio sulle prime non accettò la rinunzia; né, poiché vi insistette, gli elesse un successore. Deliberazione ad augurio e speranza di guarigione; atto che sorpassa ogni encomio, come se, vivo Melchiorre Voli, nessuno fosse più di lui degno dell'ufficio.
      Tratto dignitoso e spigliato; parola pronta, opportuna, faconda, vita illibata lo avevano messo nell'affetto dei concittadini. La natura condiscendente, la equanimità ed imparzialità, la prudenza nell'effettuare a grado a grado le molte novità edilizie prima del suo sindacato deliberate lo mantennero nell'animo degli amministrati. Interprete dei medesimi il Consiglio gli decretò in morte tali onori quasi dalla carica avesse cessato e in un dal vivere.
      Gran folla né seguì il mortorio: principe e popolo, ogni ordine andò a gara nel lamentare la esistenza troncata nel buono dell'età, nel rigoglio delle promesse: Torino fu avvolta in lutto pari al bene che le aveva voluto, ai servigi che le aveva resi l'estinto. Alla memoria del quale noi, che dal 4 dicembre 1890 lo avevamo a collega, oggi rendiamo mesto tributo non meno d'ogni altro affettuoso. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 12 giugno 1895.

Note:Il nome completo risulta essere: "Giuseppe Pietro Vincenzo".
Ringraziamenti:Dott. Sergio Chiamparino Sindaco di Torino
Dott. Stefano Benedetto Vicedirezione generale Gabinetto del Sindaco e servizi culturali - Settore Archivi e protocollo del Comune di Torino


Attività 2342_Voli_IndiciAP.pdf