SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


CERESA Pacifico

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/15/1833
Luogo di nascita:VENEZIA
Data del decesso:29/10/1905
Luogo di decesso:VENEZIA
Padre:Luigi
Madre:MORETTI Angela
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:BERRI Maria
Figli: Teresa
Elisa
Luogo di residenza:Venezia
Professione:Industriale
Altre professioni:Commerciante
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Venezia (1870-29 ottobre 1905)
Assessore comunale di Venezia
Cariche e titoli: Comproprietario del Canapificio veneto "Antonini e Ceresa"
Presidente della Camera di commercio di Venezia (1895-1897)
Membro della Congregazione di caritÓ di Venezia (1878-1880)
Presidente della Congregazione di caritÓ di Venezia
Membro del Consiglio direttivo della Scuola superiore di commercio di Venezia

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/14/1900
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:02/07/1900
Giuramento:02/07/1900

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 21 gennaio 1894


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tancredi Canonico, Presidente

      Signori senatori! Abbiamo chiuso, al principio di luglio, le nostre adunanze col rimpiangere la perdita di un nostro egregio collega; le riapriamo ora col rimpiangerne altri parecchi. [...]
      Un altro grande lavoratore e benemerito cittadino abbiamo perduto nel senatore Pacifico Ceresa, nato a Venezia il 15 maggio 1833 e spentosi colÓ il 29 ottobre 1905.
      Venezia fu la sua cittÓ nativa: Venezia fu la passione della sua vita.
      Elevatosi col proprio lavoro nell'industria e nel commercio, e con un carattere intemerato ad una cospicua posizione finanziaria, impieg˛ la sua ricchezza in molte e larghe beneficenze, che il gentile pudore della sua modestia non lasciava conoscere: impieg˛ la perfetta conoscenza dei bisogni e degl'interessi di Venezia ed il retto criterio, da lui acquistato nella lunga ed immacolata pratica degli affari, al risveglio ed all'incremento industriale e commerciale della sua diletta cittÓ.
      E Venezia, che ben ne comprendeva ed apprezzava il valore, lo chiam˛ a presiedere la Camera di commercio, a presiedere la Congregazione di caritÓ, a far parte del Consiglio direttivo della Scuola superiore di commercio.
      Dove aveva uffici pubblici e dove non ne aveva, egli s'interessava con pari ardore a promuovere l'incremento dell'operositÓ veneziana: convinto com'era che solo il lavoro probo e condensato di ciascuna delle cittÓ italiane pu˛ costituire il reale incremento del lavoro e della produzione nazionale - fonte della vera ricchezza e prosperitÓ del paese.
      Il Sovrano lo chiam˛ a sedere in Senato il 14 giugno 1900.
      Venezia lo piange: con lei lo piange il Senato, e manda alla contristata famiglia le vive sue condoglianze. (Approvazioni). [...]
      FORTIS, presidente del Consiglio, ministro dell'interno. A nome del Governo, mi associo con animo profondamente contristato alla mesta commemorazione testÚ fatta dall'illustre Presidente dei senatori perduti: e ne rimpiango amaramente la perdita, rendendo tributo di onore alla loro cara memoria. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 5 dicembre 1905.

Note:Il nome completo risulta essere: "Pacifico Bernardo Maria".
Ringraziamenti:Dott.ssa Elisabetta Bidischini e Dott.ssa Diana Ascenzi della Biblioteca Unioncamere
Dott. ssa Ivana Poli, ufficiale di Stato civile del Comune di Venezia


AttivitÓ 0532_Ceresa_IndiciAP.pdf