SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


COLLEONI Guardino

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/28/1843
Luogo di nascita:VICENZA
Data del decesso:19/12/1918
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Gentile Vicenzo
Madre:BISSARI Teresa
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte di Solza e nobile, titolo riconosciuto con decreto ministeriale del 6 febbraio 1900
Coniuge:GIUSTINIANI BANDINI Carolina
Figli: No
Fratelli:Orazio
Olimpia Teresa
Caterina
Parenti:COLLEONI Orazio, avo paterno
Antonio, cugino
PORTO Orazio, forse zio, ma non è chiaro il grado di parentela
GIUSTINIANI BANDINI Sigismondo V marchese di Lanciano e Rustano, suocero, principe
MASSANI Maria Sofia, suocera
COLLEONI Olimpia, zia, moglie di Fedele LAMPERTICO, senatore (vedi scheda)
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Vicenza (facente funzioni, dicembre 1879-15 giugno 1881) (16 giugno 1881-settembre 1882)
Presidente del Consiglio [provinciale] di Vicenza (1906-1913)
Cariche amministrative:Membro della Deputazione provinciale di Vicenza (1883-1889)
Consigliere comunale di Thiene
Consigliere provinciale di Vicenza
Cariche e titoli: Socio fondatore del Club alpino italiano (CAI), sezione di Vicenza (1874)
Presidente della Casa degli esposti, poi Ospizio degli infanti abbandonati di Vicenza dal 1887
Socio della Società geografica italiana (1871)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:
Nomina:06/03/1908
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:22/06/1908
Giuramento:22/06/1908

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere del Sovrano Ordine militare di Malta

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIV
Thiene
16-5-1880*
Liberale moderato
Ballottaggio il 23 maggio 1880
XIX
Thiene
26-5-1895
Liberale moderato


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Adeodato Bonasi, Presidente

        Onorevoli colleghi. È fatale che ogni ripresa delle nostre adunanze abbia ad essere funestata dall'annunzio della perdita di qualcuno dei nostri cari colleghi. Questa volta la sorte inesorabile è stata ancor più crudele, avendoci rapito nel giro di poche settimane sei benemeriti senatori, che tutti, a titoli diversi, altamente onoravano la nostra Assemblea.
        Primo, il conte Guardino Colleoni, morto in Roma il 19 dicembre ultimo. Discendeva da antichissima stirpe lombarda, investita già di molti feudi nelle terre di origine, e più tardi di cospicue dignità nei domini della Serenissima, alla quale diede una lunga serie di Consoli di giustizia. Consoli di città, Rettori maggiori, Podestà e Capitani, tra i quali il celebre Bartolomeo generalissimo delle armi venete, effigiato dal Verrocchio in quella meravigliosa statua equestre che il mondo per secoli ammirò ed ammirerà sempre in Venezia, monumento che per sé solo basterebbe ad eternarne il nome.
        Il nostro compianto collega, nel quale l'illustre famiglia si è estinta, inspirandosi alle nobili tradizioni della sua casa, per prepararsi a portare onorevolmente il gran nome di cui era erede, senza lasciarsi distrarre dalle seduzioni che la condizione privilegiata tanti travolge e traligna in ozi dorati, gli anni giovanili dedicò agli studi, come preparazione alle opere che dovevano poi renderlo tanto benemerito della sua Vicenza, della quale a diverse riprese per anni fu sindaco, della provincia, di cui fu operoso deputato, della nazione, della quale divenne degno rappresentante prima nella Camera e più tardi nel Senato.
        Dell'attività del Colleoni anche nelle Assemblee legislative rimane prova negli atti parlamentari, che attestano la parte onorevole da lui presa nelle discussioni più importanti di generale interesse.
        Di una è doveroso fare speciale menzione, voglio dire quella relativa al possesso della Cima Dodici, cioè della più alta vetta dei monti vicentini, che, superbamente dominando tutte le cime circostanti e tutte le vallate del versante trentino e del veneto aveva una indiscutibile importanza militare, e che egli con preveggente patriottismo tentò di rivendicare all'Italia contro la subdola rapace usurpazione austriaca, sollevando in Senato nel 1° luglio 1909 la questione, e promuovendo anche nel paese una viva agitazione, la quale, se non ebbe allora la fortuna che avrebbe meritata, attesta però quanto in lui fosse alto il sentimento della italianità e fervido e geloso l'amore per ogni lembo del patrio suolo e sollecita la cura per la sua difesa contro le non mai sazie ingorde brame degli Asburgo.
        Il Colleoni, dotato di buoni studi, fu anche scrittore facile di versi e di prose semplici e limpide, che in qualsiasi tempo si potranno leggere con diletto e con profitto, e specialmente i suoi Ricordi ed impressioni di viaggio al Capo Nord, da Napoli ad Assuan, agli Stati Uniti di America ed al Canadà. Sono pure notevoli alcuni suoi studi su diversi istituti di beneficenza della sua città, alla cui amministrazione aveva dedicata tanta parte dell'alacre sua vita.
        Modesto, e per sé parco nelle abitudini, ovunque passò il Colleoni lasciò traccie della signorile sua liberalità, facendosi largo dispensiero della sua fortuna a pro dei sofferenti, sicché il suo ricco censo, anziché acuire le invidie e gli antagonismi di classe, diveniva mezzo efficace di pacificazione tra i contrastanti interessi.
        La sua memoria resterà benedetta, e la sua vita, nobilmente spesa, esempio incitatore di virtù nuove. (Bene). [...]
        BERENINI, ministro della pubblica istruzione. Domando di parlare.
        PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
        BERENINI, ministro della pubblica istruzione. Mi associo in nome del Governo alla commemorazione, che fu con commossa eloquenza fatta testé dall’illustre Presidente, del senatore Guardino Colleoni. Non debbo, né voglio, né potrei aggiungere alcuna parola alle sue nobilissime, interpreti del sentimento unanime del Senato.
        Permettetemi soltanto un ricordo. Non per dire di lui come fosse un chiarissimo scrittore, della qual sua virtù è testimonianza un gioiello, Ricordi e impressioni di viaggio, né quel che egli abbia dato di sé alle pubbliche amministrazioni, quale sindaco di Vicenza, non sua per nascita, ma sua per elezione, quale deputato provinciale, quale deputato politico.
        Non questo ricorderò che fu già e bene ricordato dal nostro illustre Presidente, ma permettetemi un solo ricordo. Fu lui, il senatore Colleoni, che in quest’Aula sollevò la questione del possesso di Cima Dodici, in seguito ad uno sconfinamento, ivi avvenuto, di guardie austriache.
        Ebbene, basta questo ricordo, perché si possa, commemorandolo, rendere omaggio alla sua anima di italiano e di patriota presago. E certamente, onorevoli senatori, dovette sorridere al suo spirito, confortatrice, la nostra grande vittoria, che spinse con le armi il diritto a cime ben più alte e più lontane, ma ben nostre. (Approvazioni vivissime; applausi).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 1° marzo 1919.

Note:Il nome completo risulta essere: "Guardino Vincenzo Francesco Giovanni Giorgio Galeazzo Maria".
Il cognome completo risulta essere: "Colleoni Porto".
Secondo altra fonte risulta nato il 13 giugno 1846.

Ringraziamenti:Dott. Enrico Hullweck Sindaco di Vicenza
Daniele Andreose capo di gabinetto del Sindaco di Vicenza
Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana


Attività 0602_Colleoni_IndiciAP.pdf