SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MORELLI Giovanni

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/25/1816
Luogo di nascita:VERONA
Data del decesso:01/03/1891
Luogo di decesso:MILANO
Padre:MORELL Giovanni Lorenzo
Madre:ZAVARITH Orsola
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Fratelli:Giovanni
Edoardo
Parenti:ZAVARITT Ambrogio, avo materno
MELLI Giovanni, cugino
ZAVARITT Giovanni, cugino materno
Altra residenza:Milano
Indirizzo:Via Pontacio 12
Titoli di studio:Laurea in medicina
Presso:Università di Monaco di Baviera
Professione:Critico d'arte
Altre professioni:Medico
Cariche e titoli: Comandante della Guardia nazionale di Bergamo (1859)
Consigliere dell'antiquario Guggenheim di Venezia (1872-1873)
Incaricato di redigere l'inventario degli oggetti d'arte di Marche e Umbria (1861)
Membro della Sottocommissione della Giunta delle belle arti per l'elenco dei monumenti italiani di interesse nazionale e regionale (1870)
Commissario regio con l'incarico di redigere il catalogo dei dipinti delle scuole classiche di proprietà pubblica e privata e il catalogo delle opere da acquistare per completare la storia dell'arte rappresentata nelle sue scuole (1874)
Presidente del Comitato centrale per la conservazione delle opere di belle arti (1874)
Socio corrispondente della Società italiana di educazione liberale e della Scuola di scienze sociali di Firenze (1875)
Socio onorario dell'Accademia etrusca di Cortona (settembre 1881)
Consigliere accademico di Brera (1887)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/06/1873
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Tommaso Spinola
Convalida:19/11/1873
Giuramento:19/11/1873

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza
1866 terza guerra d'indipendenza
Volontario:SI

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Bergamo I
6-5-1860*
Destra
Ballottaggio il 10 maggio 1860
VIII
Bergamo
27-1-1861**
Destra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861
IX
Bergamo
22-10-1865***
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865
X
Bergamo
29-3-1868****
Destra
Ballottaggio il 5 aprile 1868. Elezione in corso di legislatura


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Nel giro di tredici giorni abbiamo avuto da deplorare cinque morti!
      [...]
      In età di pressoché settantacinque anni cessava di vivere il senatore Giovanni Morelli.
      A Verona ebbe il Morelli i natali, in Bergamo abituale, in Milano, dove si spense nella prima ora del marzo, frequente dimora.
      Traeva la famiglia sua origine dalla Svizzera, ed in Isvizzera attese ai primi studi e fu educato.
      A Monaco si laureò medico: viaggiò la Germania e la Francia e visse a Parigi per perfezionarsi in quell'arte e nelle scienze affini; ma, tornato in Italia, si volse per naturale inclinazione, alla letteratura ed alle arti belle.
      Cittadino di alti ideali, con l'armi in pugno combatté per l'indipendenza nella insurrezione lombarda del 1848: nel 1866 rivestì l'assisa del volontario, fra i valorosi difensori della Valtellina.
      Dal Governo provvisorio di Lombardia ebbe incumbenze delicate per Parigi e per Francoforte, dove, dalle aderenze personali di lui, si confidava trarre valido aiuto.
      La sfortuna delle armi piemontesi troncò il divisamento di indurre il Parlamento germanico a frapporsi mediatore di pace in Italia; ma dei pensieri suoi, della sagacia, con che propugnava la medesimezza degli interessi fra la Germania e l'Italia sono pubblici singolarissimi documenti. Nelle sventure della patria mostrò costanza da forte, pronto ad ogni cimento che l'avvenire apparecchiasse. Aiutò di autorità, di consiglio, l'opera liberatrice del 1859.
      Deputato di Bergamo per quattro legislature (7ª, 8ª, 9ª, 10ª), senatore dappoi il 1873, quantunque natura nol traesse alle giornaliere zuffe della politica, non mancò mai ai solenni dibattimenti intorno ai maggiori interessi. Sicuro senso della realtà, nobile fermezza, moderazione senza debolezza, fede salda nei propri principî, nei propri amici, informarono la condotta sua nei due rami del Parlamento.
      Dello studio dell'arte e sopratutto della pittura appassionatissimo, i tesori dell'arte italiana aveva interrogati in ogni nostra città ed in Germania; della messe sapiente lasciò un volume che andò famoso e diedegli riputazione di caposcuola di un'alta critica, la quale infirmò molti giudizi e molte opinioni anteriori. Eppure tant'era modesto, che nel dare alla luce quegli studi, quasi non bastasse il duplice pseudomino, che il dettato in lingua tedesca, meglio ancor nascondeva, si scusava di non avere voluto con essi, egli nano,atteggiarsi a gigante. Modestia, fortezza, dirittura d'animo indirizzarono tutta la vita di Giovanni Morelli ad una mirabile unità morale. Alla quale morendo diede il sigillo dell'ultima sua volontà, prescrivendo funerali privati; donando, con signorile munificenza, a Bergamo ed a Milano i tesori d'arte a gran prezzo e fatica accumulati; con pensiero altamente civile e filantropico alla cultura dei poveri ed alle loro miserie soccorrendo. Epilogo degno dell'alta mente, del cuore generoso, del patriottismo dell'uomo di cui non rimpiangiamo la dipartita. (Molto bene). [...]
      AGLIARDI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      AGLIARDI. Onorevoli colleghi! Dopo la splendida commemorazione di Giovanni Morelli fatta dal nostro illustre Presidente, io, nuovo fra voi, e povero d’ogni autorità personale, nulla potrei soggiungere che meglio valesse a qualificare le virtù ed i pregi del compianto nostro collega.
      Giovanni Morelli nato a Verona, ebbe Bergamo per sua patria d’adozione.
      Vi passo i migliori anni della sua gioventù, dando a noi, che per età ci tenevamo vicini, luminoso esempio del come si ami, del come si serva la patria.
      Grande era la stima che egli godeva dai suoi concittadini, e Pergamo si onorò do averlo per quattro legislature a suo rappresentante in Parlamento.
      Ora concedete a me suo antico amico e concittadino di portare qui l’espressione non tanto del mio doloro personale, quanto di quello dei miei concittadini che ebbero in lui una della più grandi illustrazioni.
      Ma più che la voce del compiano io vorrei far risuonare qui quella di una imperitura gratitudine, poiché Giovanni Morelli spingendo lo sguardo oltre il confine della sua vita mortale, beneficò Bergamo e la sua provincia con splendidi lasciti ad incremento dell’istruzione scientifica e di quella delle belle arti, chiamando ad erede della sua pregiata collezione di quadri l’Accademia Carrata di belle arti in Bergamo.
      Io potrei estendermi sopra di lui, ma leverei a voi un tempo prezioso, e crede che nell’espressione del dolore il dir breve sia il più vero.
      Concedetemi, prima di chiudere queste poche parole, che io vi ringrazi dell’avermi concesso di portare qui, a nome dei miei concittadini e della mia città, il compianto per nostro concittadino illustre perduto, ed in quest’Aula, dove aleggia ancora il suo spirito, io esprima anche i sensi di gratitudine in nome della città e della Provincia di Bergamo (Bene… benissimo).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 10 marzo 1891.

Note:Il nome completo risulta essere: "Giovanni Giacopo Lorenzo".
Il cognome originariamente Morel (la famiglia era infatti di origine svizzera) divenne Morell e poi Morelli, quando si stabilì in Italia.
Conosciuto anche con lo pseudonimo di Ivan Lermolieff.
Secondo altre fonti risulta nato il 25 maggio 1816.
Naturalizzato suddito del Regno di Sardegna (1860).

Ringraziamenti:-Sindaco del Comune di Verona
-Responsabile del Servizio protocollo informatico dott.ssa Gloria Maroso


Attività 1522_Morelli_Giovanni_IndiciAP.pdf