SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MUSOLINO Benedetto

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/08/1809
Luogo di nascita:PIZZO (Catanzaro) - oggi (Vibo Valentia)
Data del decesso:15/11/1885
Luogo di decesso:PIZZO (Catanzaro) - oggi (Vibo Valentia)
Padre:Domenico
Madre:STARACE Francesca
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariNobile
Coniuge:Celibe
Fratelli:Saverio
Pasquale
Giuseppina, madre di NICOTERA Giovanni, nipote
Carmelo
Parenti:MUSOLINO Benedetto, zio, fratello del padre
Titoli di studio:Diploma di Liceo ginnasio
Presso:Collegio di Monteleone
Professione:Possidente
Carriera:Maggiore (Repubblica romana) (1849)
Colonnello brigadiere (Governo dittatoriale di Garibaldi in Sicilia) (5 luglio 1860)
Cariche politico - amministrative:Membro della Camera dei deputati (Napoli) (1848)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/12/1881
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Michele Amari
Convalida:30/06/1881
Giuramento:30/06/1881

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1861

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1848-1849 prima guerra d'indipendenza,
1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
Arma:Corpo dei volontari italiani
Volontario:SI
Decorazioni:Medaglia per i benemeriti della difesa di Roma

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VIII
Monteleone Calabro [oggi Vibo Valentia]
27-1-1861*
Sinistra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861
IX
Monteleone Calabro [oggi Vibo Valentia]
22-10-1865
Sinistra
X
Monteleone Calabro [oggi Vibo Valentia]
10-3-1867
Sinistra
XI
Monteleone Calabro [oggi Vibo Valentia]
20-11-1870**
Sinistra
Ballottaggio il 27 novembre 1870
XII
Cittanova
3-1-1875***
Sinistra
Ballottaggio il 10 gennaio 1875. Elezione in corso di legislatura
XIII
Cittanova
5-11-1876
Sinistra


    .:: Governo ::.

    Altri Stati:
Esperto per la guerra nel Governo provvisorio di Cosenza (1848)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giacomo Durando, Presidente

      Onorevoli Colleghi!
      Nel periodo d’interruzione dei nostri lavori il Senato ha subito gravi e pur troppo numerose perdite, di cui adempio oggi l’ingrato ufficio di darvi partecipazione.
      […]
      Il giorno 14 di questo novembre stesso era l'ultimo della preziosa esistenza del Senatore Benedetto Musolino.
      Da patrizia e patriottica famiglia calabrese il Musolino ebbe i suoi natali nella città di Pizzo il 9 di febbraio 1809. Prese parte attivissima ai moti insurrezionali nel 1848 ed eletto Deputato sotto la costituzione, data a quell'epoca da Ferdinando II a Napoli, fu uno dei primi a sottoscrivere la protesta contro il Re spergiuro e mosse a comandare una colonna d'insorti in Calabria dove con altri patriotti proclamò il Governo provvisorio. Vinta la rivoluzione nella quale gli vennero spenti il genitore ed un fratello e messa a sacco la casa, il Musolino riuscì a salvarsi ed emigrò a Roma per combattere contro i Francesi col grado di colonnello nello Stato maggiore. Caduta la Repubblica Romana, prese di nuovo la via dell'esilio e si ridusse in Piemonte e poscia all'estero traendo spesso vita stentata a cagione del sequestro di tutti i beni della sua famiglia. Nel 1860 seguì il Generale Garibaldi in Sicilia. Sbarcò primo in Calabria e comandò le bande insorte nella provincia di Reggio. Dopo l'annessione delle provincie meridionali al Regno Italiano passò nell'esercito regolare col grado di colonnello. Rappresentò il collegio di Monteleone durante sei Legislature, cioè dall'VIII alla XIII, alla Camera, dove prese parte attiva alle discussioni, specialmente a quelle di politica estera, nelle quali si rivelò particolarmente competente. Era Senatore del Regno dal 12 giugno 1881, e portò in quest'alta Assemblea il contributo della sua operosità. Voi rammenterete, al certo, come egli seppe mantener viva l'attenzione del Senato in due consecutive sedute del 9 e 10 aprile 1883 con un notevole discorso in argomento di politica estera. E questo fu l'ultimo sforzo della sua mente elevata. Da quell'epoca le sue forze si affievolirono pur troppo in modo da condurlo alla fine che oggi deploriamo amaramente.
      Il caldo patriottismo ed il carattere intemerato di Benedetto Musolino saranno registrati dalla storia a caratteri indelebili come esempio nobilissimo che egli lascia dietro di sè. [...]
      E qui termina la lunga serie delle nostre sciagure. Mandando un mesto saluto alla memoria dei compianti Colleghi, faccio caldi voti perché mi sia allontanato il calice amaro di esservi apportatore di nuovi dolori.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 25 novembre 1885.

Note:Secondo altra fonte risulta nato il 7 febbraio 1809.
Secondo altra fonte risulta deceduto il 14 novembre 1885.
Partecipò ai moti del 1848.

Ringraziamenti:-Famiglia Musolino
-Sindaco del Comune di Pizzo (Vibo Valentia) Giorgio Francesco Falcone
-Responsabile del procedimento Sig.ra Maria Teresa Vesci

Archivi:- Archivio di Benedetto Musolino (conservato dalla famiglia)
- Dott.ssa Barbara Cartocci - Camera dei deputati


Attività 1556_Musolino_IndiciAP.pdf