SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MINESSO Leopoldo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/03/1842
Luogo di nascita:TREVISO
Data del decesso:18/06/1913
Luogo di decesso:TREVISO
Padre:Angelo
Madre:COLFERAI Caterina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:Celibe
Fratelli:Giuseppina
Luigia
Amalia
G. B. [Gianbattista]
Giuseppe
Luigi
Parenti:MINESSO Pasquale, avo paterno
COLFERAI Giovanni Battista, avo materno
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Padova
Professione:Avvocato
Cariche politico - amministrative:Presidente della Deputazione provinciale di Treviso (1889-1906)
Presidente del Consiglio provinciale di Treviso (1906-1913)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Treviso (1870-1875) (1881-1888)
Assessore comunale di Treviso (1870-1871) (1873)
Consigliere provinciale di Treviso (1881-1913)
Membro della Deputazione provinciale di Treviso (1882-1889)
Cariche e titoli: Cofondatore del periodico "Archivio domestico" (1867)
Cofondatore del quotidiano "La Provincia di Treviso" (1877)
Consigliere della Camera di commercio di Treviso (1873-1874) (1879-1880)
Vicepresidente della Camera di commercio di Treviso
Direttore della Banca trevigiana del Credito unito
Presidente del Consorzio per la tramvia elettrica Mestre-Treviso-S. Artemio
Presidente della Commissione pellagrologica di Treviso

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:16 I membri dei Consigli di divisione
dopo tre elezioni alla loro Presidenza
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:26/05/1909
Giuramento:31/05/1909

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 7 febbraio 1895
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 7 aprile 1898
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 giugno 1900
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente e poi Piero Blaserna, Vicepresidente

      Onorevoli colleghi! Nel giorno di ieri doppio colpo menò la morte fra i nostri; recidendo in Treviso la vita di Leopoldo Minesso; in Acireale quella di Grassi-Pasini Michele.
      Era il Minesso nato nella stessa Treviso il 3 ottobre 1842; e dall'ordinario lo elevò l'ingegno, lo studio, l'attività. Appresa giurisprudenza nell'Università di Padova, scioltosi da altro impiego, portò tutta l'opera alle faccende cittadine ed ai pubblici negozi, acquistandovi valentia ed autorità. Stima e fiducia generale godé in provincia; della cui Deputazione dapprima, del Consiglio di poi fu lunghi anni per ripetute elezioni rinominato presidente. Senatore ci venne il 4 aprile 1909. [...]
      TAMI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      TAMI. Mi associo con dolore alle parole che ha pronunciato il nostro Presidente, in memoria del defunto senatore Minesso.
      Appartenendo egli a provincia finitima alla mia, ebbi da molti anni occasione di stringermi in amicizia con lui, di apprezzarne la bontà d'animo, le doti della mente, ed ebbi campo a conoscere la competenza che aveva nelle discipline giuridiche e amministrative.
      Per questo fu spesso chiamato nella amministrazioni locali, nelle quali prestò sempre opera utilissima.
      Ebbe molti amici che ora ne rimpiangono la perdita.
      Io prego che siano inviate condoglianze alla famiglia e alla città di Treviso. (Bene).
      BETTONI. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      BETTONI. Sincero e profondo estimatore della mente e del carattere dI Leopoldo Minesso, aggiungo il mio compianto a quello così nobilmente espresso dall'onorevole Presidente e dal senatore Tami. Il collega Minesso doveva tutto alla sua attività, alla sua energia, alle opere sue elettissime. Coprì in Treviso cariche importanti e fu presidente della Deputazione e del Consiglio provinciale, e sempre ed ovunque rifulsero le sue doti d'intelletto e di cuore. Il mio compianto ed il mio dolore è tributo di amicizia devota. (Approvazioni).
      TIEPOLO. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      TIEPOLO. Io mi associo, con profondo rimpianto, alle nobilissime e commoventi parole pronunciate dall'eccellentissimo Presidente e dagli oratori che mi hanno preceduto, in commemorazione di Leopoldo Minesso. Quantunque entrato in Senato con le ultime nomine, pur tuttavia abbiamo potuto, anche come senatore, ammirare la sua attività e la sua assiduità. Ma dove specialmente rifulse la sua operosità fu nel paese suo natale di Treviso, nel quale consacrò tutta intera la sua vita, si può dire, alle istituzioni locali come presidente del Consiglio provinciale, come presidente della Deputazione provinciale e come direttore di un'importantissima banca di Treviso.
      Io credo di dover farmi interprete anche del sentimento di Treviso stessa, ringraziando il Presidente ed il Senato del cordoglio che hanno manifestato, e che manifestano per l'illustre mio amico. (Bene).
      DI SAN GIULIANO, ministro degli affari esteri. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      DI SAN GIULIANO, ministro degli affari esteri. Il Governo si associa ai nobili sentimenti che sono stati espressi in commemorazione dei due egregi colleghi, che abbiamo avuto il vivo rammarico di perdere. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 19 giugno 1913.

Note:Il nome completo risulta essere: "Leopoldo Domenico Pasquale".
Ringraziamenti:- On. Gian Paolo Gobbo Sindaco di Treviso

Attività 1489_Minesso_IndiciAP.pdf