NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


MASI Giorgio

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/08/1836
Luogo di nascita:PIANA DEI GRECI (Palermo) - oggi PIANA DEGLI ALBANESI (Palermo)
Data del decesso:30/05/1915
Luogo di decesso:PALERMO
Padre:Dionisio
Madre:PETTA Vincenza
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:ADRAGNA Marianna
Fratelli:Vito
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Palermo
Professione:Magistrato
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Catanzaro (31 ottobre 1873)
Sostituto avvocato erariale di Palermo (13 febbraio 1876)
Viceavvocato erariale di Palermo (2 settembre 1880)
Avvocato erariale di Palermo (21 luglio 1884)
Consigliere di Corte d'appello di Genova (28 febbraio 1886)
Consigliere della Corte di cassazione di Palermo (24 novembre 1887)
Consigliere della Corte di cassazione di Roma (17 marzo 1889)
Primo presidente della Corte di appello di Lucca (24 febbraio 1898)
Primo presidente della Corte di appello di Palermo (19 febbraio 1899)
Presidente di sezione della Corte di cassazione di Roma (8 dicembre 1902)
Primo presidente della Corte di cassazione di Palermo (23 febbraio 1905)
Primo presidente della Corte di cassazione di Napoli (20 ottobre 1905-11 marzo 1911. Data del collocamento a riposo)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:08 I primi Presidenti e Presidenti del Magistrato di Cassazione e della Camera dei conti
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:04/04/1905
Giuramento:07/04/1905

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 8 giugno 1874
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 1° giugno 1879
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 11 gennaio 1885
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 8 luglio 1904
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 31 dicembre 1905
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 novembre 1877
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 15 gennaio 1893
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 24 gennaio 1901
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 20 gennaio 1907
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 19 marzo 1911


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Nel tempo, in cui sono state chiuse le nostre sedute, abbiamo perduto i senatori Fergola, D'Alì, Grenet, Masi, Calvi, Massabò, Villa Tommaso, Campo, Balestra, Tournon, San Donnino, Di Martino, Florena, Salvarezza Cesare. [...]
      Magistrato egregio, giureconsulto valente fu il senatore Giorgio Masi, che sedeva al sommo dell'ordine giudiziario, primo presidente della Corte di cassazione in Palermo, ove morì il 30 maggio. Nato in Piana vicino a quella città l'8 novembre 1836, spiegò il talento nelle scuole; e, compiti gli studi con onore, fu nel 1860 scelto a relatore nella Consulta di stato della Sicilia, ed a servire nel dicastero di grazia e giustizia; onde poco di poi entrò giudice civile nei tribunali. Passato al pubblico ministero, giunse nel 1863 [sic] al grado di sostituto procuratore generale in Catanzaro. Chiamato all'Avvocatura erariale in Palermo nel 1876, vi esercitò lungo un decennio; e, rientrato nella magistratura giudicante, l'ebbe consigliere la Corte di cassazione di Palermo, poi quella di Roma. Le meritate promozioni successive lo portarono alle presidenze delle Corti d'appello di Lucca e di Palermo; ed in Palermo nel 1905 salì a quell'alto seggio della Suprema corte, sul quale fu venerato sino alla morte. Nello stesso anno 1905 il Regio decreto del 4 marzo lo elevò al Senato. L'uno e l'altro consesso ha sentito dolorosamente la sua perdita. (Bene). [...]
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando di parlare.
      PRESIDENTE, Ne ha facoltà,
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Assolvo il compito altrettanto onorevole quanto doloroso di esprimere a nome del Governo tutta la simpatia riverente, che esso prova innanzi ai gravi lutti, che quest'alto consesso ha subiti; e in questa simpatia si contiene il pieno consenso al tributo di riconoscenza e di lode, che le inspirate parole del Presidente illustre e degli altri senatori hanno apprestato alla memoria degl'insigni uomini, di cui piangiamo la perdita.
      Ascoltando quelle parole, la mia mente quasi astraeva dalle persone singole, e al di sopra degli uomini commemorati, io vedevo passare innanzi ai miei occhi tutta una serie di vite nobilmente spese nei campi più diversi: dall'esercito all'amministrazione civile, dal Parlamento alle amministrazioni locali, dalle aule della giustizia alla cattedra della scuola e così via via - forme di attività diverse, ma congiunte tra loro da quest' unica idea e da quest'unica fede: il servizio reso alla patria (Bene! Bravo!).
      E pensavo a quanti tesori di sapienza e di patriottismo in quest'Aula nobilissima si racchiudono. Né io nulla aggiungerei a quanto così egregiamente è stato detto; ma concederà il Senato che trovi qui un'eco la vibrazione di talune note particolari, che o per ragioni personali o per ragioni di ufficio più vivamente palpitano nell'animo mio, a proposito, della dipartita di alcuni valentuomini. [...]
      E ricordo, qual ministro Guardasigilli, il nome di Giorgio Masi, che tutta la sua nobile esistenza dedicò alla giustizia, assurgendo meritatamente al grado più eccelso.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1915.

Ringraziamenti:Giuseppe Castronovo ufficiale di stato civile del Comune di Palermo

Attività 1409_Masi_IndiciAP.pdf