SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


ROLANDI Girolamo

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:03/11/1827
Luogo di nascita:ALBENGA (Genova) - oggi (Savona)
Data del decesso:12/12/1899
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Antonio
Madre:DANIA Amalia Carolina
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariBarone
Parenti:ROLANDI RICCI Luigi, avo paterno
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Campo Marzio, 63
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare di Torino (21 ottobre 1842)
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Colonnello (18 luglio 1870)
Maggiore generale (27 maggio 1877)
Tenente generale (6 marzo 1884-9 agosto 1896. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Membro del Comitato per l'Arma di artiglieria e genio (1° dicembre 1881)
Ispettore d'artiglieria (24 giugno 1888) (14 aprile 1889)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:10/10/1892
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Piero Puccioni
Convalida:29/11/1892
Giuramento:23/11/1892
Annotazioni:Giuramento prestato prima della convalida, in seduta reale d’inaugurazione di sessione parlamentare

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1864
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 16 gennaio 1874
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 2 giugno 1881
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 maggio 1888
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 agosto 1896
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 1° maggio 1868
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 30 maggio 1872
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 30 dicembre 1877
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 3 giugno 1884
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 5 giugno 1892

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1849 prima guerra d'indipendenza
1855 spedizione in Crimea
Arma:Esercito: Artiglieria
Decorazioni:Medaglia inglese di Crimea (Gran Bretagna), medaglia commemorativa per la campagna d'Italia 1859 (Francia), medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia, medaglia col motto "Unità d'Italia 1848-1870"

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVI
Savona (Genova II)
23-5-1886*
Sinistra
Escluso per sorteggio per eccedenza nel numero dei deputati impiegati il 12 marzo 1887. Proclamato eletto dalla Camera il 3 aprile 1887, fu nuovamente escluso per sorteggio per eccedenza nel numero dei deputati impiegati il 6 giugno 1887
XVII
Savona (Genova II)
23-11-1890
Sinistra


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per l'esame del Codice penale militare (12 dicembre 1892)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazioni
        Giuseppe Saracco, Presidente

        Onorevoli colleghi!
        Due nuovi lutti per il Senato, tra i molti che si succedono da alcun tempo in qua con tale frequenza, che addolora ed impensierisce oltre l'usato, fin coloro che per la grave età pensano serenamente e non temono l'ultimo giorno.
        Ieri Enrico Fano in Milano, oggi stesso il commendatore Girolamo Rolandi, qui in Roma, ci furono improvvisamente rapiti da morte.
        Ond'io non sono in grado di parlare degnamente dell'uno e dell'altro, siccome avrei desiderato di fare, se il tempo lo avesse consentito.
        [...]
        Il barone Rolandi Gerolamo era nato in Albenga il 13 marzo 1827 e pareva destinato a rimanere più lungamente in vita, tanto sopportava la sua vecchiaia in buone condizioni di salute, quando venne a mancare in questa Roma, senzaché molti di noi avessero sentore del morbo che lo trasse alla tomba.
        Poco saprei dire di Gerolamo Rolandi, ma quando avrò ricordato che fu un prode soldato, combattente in Crimea, poi sui campi di Lombardia nel 1849 e nel 1859, e fregiato perciò di tutte le medaglie commemorative di quelle gloriose campagne, né avrò detto, io credo, abbastanza, perché si sappia che colla morte del barone Rolandi la patria ha perduto uno dei migliori suoi figli, noi, compagni suoi, un degno e valoroso collega. A chi desiderasse saperne di più, posso anche soggiungere, che allievo, fino dal 1842, nell'Accademia militare di Torino, passò per tutti i gradi della milizia fino a quello di tenente generale che gli fu conferito nel 1884, indi di ispettore generale nell'arma di artiglieria nel 1889, che tenne con lode fino al settembre 1892, allorché fu collocato in posizione ausiliaria.
        Il barone Rolandi fu anche chiamato a rappresentare il collegio di Albenga nella legislatura 16a e 17a, e nell'ottobre 1892 fu elevato alla dignità di senatore.
        Egli era, e fu sempre uno dei nostri più amati compagni, per la modestia e la dolcezza dei modi, che lo facevano caro a quanti il conobbero e perciò lo amarono. Onore adunque alla memoria del valoroso soldato, onore alla memoria del collega eccellente! (Vive approvazioni).
        BONASI, ministro di grazie e giustizia. Domando la parola.
        PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
        BONASI, ministro di grazie e giustizia. Il Governo non può non associarsi al dolore vivissimo di cui è pieno il Senato per la perdita di questi suoi insigni ed amati colleghi quali erano l’avvocato Fano e il generale Rolandi.
        Essi appartennero a quella nobile schiera di uomini, le cui fila dolorosamente vanno ogni dì più diradando, ma al cui completo sacrificio gli italiani debbono se oggi hanno una patria. (Bene, approvazioni vivissime).
        I loro nomi vanno perciò segnalati alla riconoscenza del paese, e debbono essere ricordati perché dalle opere loro le nuove generazioni prendano esempio ed ispirazione per rendersi degne di quei benefizi dovuti al loro sacrificio e per raggiungere quell’alto ideale di una patria grande e rispettata che fu meta della intera loro vita. (Benissimo, approvazioni generali).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 12 dicembre 1899.

Note:Il nome completo risulta essere: "Gerolamo Carlo Vittorio".
Ringraziamenti:-Ministero della difesa, generale Rocco Panunzi, colonnello Antonio Congedo, tenente colonnello Bruno Jannaccone
- Avv. Antonello Tabbò Sindaco del Comune di Albenga


Attività 1919_Rolandi_IndiciAP.pdf