SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


SANGUINETTI Cesare

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:04/12/1854
Luogo di nascita:BOLOGNA
Data del decesso:04/12/1906
Luogo di decesso:BOLOGNA
Padre:Angelo
Madre:CASTELFRANCO Enrichetta
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:WOLLEMBORG Sofia
Figli: Lodovico
Luisa
Fratelli:Adele
Alberto
Laudadio
Lazzaro, avvocato
Emma
Vittorio
Parenti:WOLLEMBORG Leone, fratello della moglie, senatore (vedi scheda)
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Professione:Avvocato
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Bologna (1881-1894)
Consigliere provinciale di Bologna (8 agosto 1887-15 dicembre 1904)
Consigliere comunale di Bentivoglio
Consigliere comunale di Malalbergo
Membro della Deputazione provinciale di Bologna
Cariche e titoli: Consigliere della Banca d'Italia
Consigliere di sconto della Banca d''Italia (1898-1899)
Vicepresidente della Camera di commercio di Bologna (1901-1902)
Presidente della Camera di commercio di Bologna (1902-1906)
Presidente della Società anonima di assicurazione "La Reale" contro i danni della grandine di Bologna (1906)
Membro della Commissione per la direttissima Firenze-Bologna
Socio della Società geografica italiana (1896)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/04/1905
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:24/03/1905
Giuramento:25/03/1905

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 11 agosto 1872
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 luglio 1896

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XVI
Parma
3-3-1889
Estrema sinistra
Elezione in corso di legislatura
XVII
Parma
23-11-1890
Estrema sinistra


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tancredi Canonico, Presidente

      Signori senatori! Pochi giorni sono trascorsi dall'ultima nostra seduta, e devo cominciar questa con nuovi dolorosi ricordi.
      Il 4 corrente dicembre scomparve dalle nostre fila, la simpatica figura del senatore Sanguinetti, nato a Bologna il 12 aprile 1854.
      Egli era uno di quegli uomini che non cercano fama, ma cercano il bene, e lavorano indefessamente. Poco avvertiti da coloro che non li conoscono da vicino, se ne pregia il valore quando si sente il vuoto che lasciano morendo.
      Con la sua operosità infaticabile egli accrebbe il censo avito; cosa non infrequente, né per se degna di nota. Ma ciò che non è tanto frequente, e merita lode, si è che, dei larghi suoi mezzi di fortuna egli si valeva in gran parte per venire in aiuto a chi ne abbisognava: non col freddo beneficio che umilia, ma con quel fine e delicato sentimento di vera pietà, che conforta e risolleva il beneficato, porgendogli i mezzi di darsi ad onesto e proficuo lavoro. Egli partecipava con l'opera e con larghe sovvenzioni a tutte le società di previdenza, di soccorso agli operai, e con squisito pensiero a quelle altresì che ingentiliscono i costumi, come le società di musica e di floricoltura.
      Egli diede potente impulso ad utili istituzioni: per combattere la pellagra, per promuovere l’educazione del corpo sì grandemente giovevole, non pure alla salute fisica, ma altresì all'energia ed all'attività del carattere.
      Egli infuse nuova vita alla Camera di commercio di Bologna, di cui era presidente ed anima; ed a lui si deve la creazione in quella città di una scuola commerciale.
      Fu economo generale dell'Esposizione emiliana di agricoltura ed industria, consigliere della Banca d'Italia, membro della Commissione per la direttissima Firenze-Bologna, di varie società industriali. Dovunque si trattasse di imprese dirette al pubblico bene, si cercava il Sanguinetti: ed il Sanguinetti prestava, apprezzata ed efficace, l'opera sua. Dalla fiducia dei suoi concittadini fu eletto consigliere comunale e provinciale: dalla fiducia del Sovrano fu chiamato a sedere in Senato il 4 marzo 1905.
      Uomo di retto criterio e di mente equilibrata, egli sapeva fare la dovuta parte a ciò che vi è di giusto nelle più larghe aspirazioni dei tempi: ma era fermo egualmente nell'opporsi alle tenacità irritanti di uno spirito conservatore intransigente, ed alle pretese ingiustificabili dei partiti sovversivi, che condurrebbero allo sfacelo della vita sociale.
      È quindi ben naturale che la sua morte abbia prodotto una impressione profondamente dolorosa nella sua città, la quale vedeva ogni giorno l'attività sua sapiente e ne sperimentava i benefici frutti.
      Egli forse non ci avrebbe lasciato sì presto, se gravissimi dolori domestici non ne avessero accelerata la fine. Non è ancora un mese che, per condolersi di una profonda sciagura mia, mi scrisse una lettera commovente in cui si sentiva sanguinare, per recente profonda ferita, il cuore di padre.
      Il Senato divide il lutto della sua famiglia e della sua città: e manda loro, commosso, un voto di vivo interesse e di sincero compianto. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1906.

Ringraziamenti:Sindaco di Bologna Sergio Gaetano Cofferati
Ufficiale d'anagrafe Mauro Galassi
Dott.ssa Elisabetta Bidischini e Dott.ssa Diana Ascenzi della Biblioteca Unioncamere
Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana
Dott.ssa Laura Ruggieri - Urp Provincia di Bologna


Attività 2003_Sanguinetti_IndiciAP.pdf