SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


MILIANI Giambattista

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/28/1856
Luogo di nascita:FABRIANO (Ancona)
Data del decesso:14/04/1937
Luogo di decesso:FABRIANO (Ancona)
Padre:Giuseppe
Madre:MAZZARIGGI Filomena
Fratelli:Anna
Prudenza
Parenti:MILIANI Giuseppe, nipote, cavaliere
Luogo di residenza:FABRIANO (Ancona)
Indirizzo:Corso V. Emanuele II
Professione:Industriale
Cariche e titoli: Presidente della Camera di commercio di Ancona (1916-1924)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:01/24/1929
Categoria:03
05
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
Relatore:Niccolò Melodia
Convalida:06/05/1929
Giuramento:16/05/1929

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 25 marzo 1888
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 11 novembre 1900
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 3 gennaio 1904
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 5 febbraio 1911
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 2 gennaio 1919
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 giugno 1904
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1905
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 marzo 1918

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXII
Fabriano
14-05-1905
Elezione in corso di legislatura
XXIII
Fabriano
07-03-1909
XXIV
Fabriano
26-10-1913
XXV
Ancona
16-11-1919
Gruppo della Democrazia liberale
XXVI
Ancona
15-05-1921
Gruppo della Democrazia liberale
XXVII
Collegio unico nazionale (Marche)
06-04-1924


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione per il giudizio dell'Alta Corte di Giustizia (27 dicembre 1929-19 gennaio 1934) (1° maggio 1934-14 aprile 1937)
Membro della Commissione per l'esame dei disegni di legge per la conversione dei decreti-legge (8 marzo 1930-19 gennaio 1934) (1° maggio 1934-14 aprile 1937)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dell'agricoltura (30 ottobre 1917-17 gennaio 1919)


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Luigi Federzoni, Presidente
            "PRESIDENTE. La più singolare, brillante e insieme solida versatilità caratterizzava l'alacre infaticabile tempra di Giovanni Battista Miliani. Il nome di lui resta legato alla fama internazionale di una delle più floride e interessanti industrie dell'Italia centrale: le cartiere di Fabriano, da lui ricondotte alle antiche fortune con un illuminato fervore di iniziative e di ardimenti, che era alimentato, oltre che da una eccezionale competenza tecnica, dall'amore per la città natale e per le sue tradizioni. Quell'importantissima opera dell'industriale si accompagnava e armonizzava felicemente alla vocazione ardente dell'uomo dei campi, che sapeva come il valore umano e nazionale dell'agricoltura non possa essere considerato secondo ad alcun altro nell'ordine produttivo.
            Dall'esempio offerto personalmente col promuovere nelle sue terre ogni sorta di innovazioni e migliorie, dalla collaborazione preziosa data alle maggiori istituzioni agrarie della sua provincia e del Regno, alla illustrazione sempre precisa e avveduta dei nostri vitali problemi terrieri, compiuta durante la sua lunga appartenenza alla Camera dei deputati, alla onesta, appassionata e intelligente opera da lui svolta per due anni come Ministro dell'agricoltura nella difficoltosissima situazione creata dalla grande guerra, alla difesa costante degli interessi generali della nostra produzione agricola e soprattutto del nostro patrimonio forestale per la quale egli autorevolmente e utilmente intervenne tante volte anche nelle discussioni del Senato con quel giovanile entusiasmo che fu sino all'ultimo come la luce e il calore delle sue convinzioni, Giovanni Battista Miliani, fascista schiettissimo, meriterà di essere ricordato e onorato come uno di coloro che più fecero, fin da tempi di negligenza e di oblio, per il progresso e per il prestigio dell'agricoltura italiana, e che perciò si associarono poi con più pronto e sincero consenso alla organica restaurazione delle sorti di essa, attuata poderosamente dalla mente e dalla volontà di Mussolini.

            Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 maggio 1937.

Ringraziamenti:Dott.ssa Elisabetta Bidischini e Dott.ssa Diana Ascenzi della Biblioteca Unioncamere