SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


DURAND DE LA PENNE Luigi

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:02/23/1838
Luogo di nascita:NIZZA MARITTIMA - oggi NIZZA (Francia)
Data del decesso:25/08/1921
Luogo di decesso:LA PENNE (Francia)
Padre:Giovanni Battista Giuseppe
Madre:ROCCI Camilla Maria Leonora, nobile
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariMarchese e signore de la Penne e Chandol, Ubraye, Fugeiret, Saint Bênoit
Riconosciuto nel diritto di portare il titolo di marchese con attestazione della Consulta araldica l'8 gennaio 1876
Coniuge:PRINETTI Sofia
Figli: Enrico, Renzo
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Astalli, 15
Titoli di studio:Scuola militare
Scuole militari:Accademia militare (15 ottobre 1852)
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera giovanile / cariche minori:
Carriera:Colonnello (27 marzo 1879)
Maggiore generale (13 marzo 1887)
Tenente generale (11 dicembre 1892)
Cariche e titoli: Aiutante di campo onorario di SM il Re (3 aprile 1879)
Direttore del genio a Roma (21 ottobre 1878)
Ispettore generale del genio (2 giugno 1892) (2 ottobre 1897)
Socio della Società geografica italiana (1870)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/14/1900
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:23/06/1900
Giuramento:23/06/1900
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 1° giugno 1861
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 1° maggio 1868
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 7 giugno 1875
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 10 luglio 1879
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 17 gennaio 1889
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 24 settembre 1898
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 29 maggio 1873
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 marzo 1877
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 gennaio 1884
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 marzo 1898
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 4 giugno 1903

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra d'indipendenza
1860-1861 campagna d'Ancona e Bassa Italia
1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Esercito: Stato maggiore del Genio
Decorazioni:Medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri, medaglia commemorativa per la campagna d'Italia 1859 (Francia),; medaglia d'argento al valor militare, medaglia di bronzo al valor militare,; medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Tommaso Tittoni, Presidente

      Onorevoli senatori!
      Anche questa volta, pur troppo, nel riprendere i nostri lavori, mi incombe il doloroso dovere di annunciarvi la perdita di amati colleghi. [...]
      Il 25 agosto, in Bologna, spegnevasi in tarda età un valoroso superstite delle battaglie del risorgimento, il tenente generale marchese Luigi Durand de la Penne.
      Egli era nato a Nizza Marittima il 23 febbraio 1838 da nobile famiglia ed era venuto crescendo negli anni, mentre, vivificata dal ricordo dei recenti martiri, più ferveva la preparazione delle guerre d'indipendenza. Dotato di un ingegno ben vivace e di un carattere risoluto, di un'anima incline ad ogni sentimento alto e generoso, egli non poteva rimanere indifferente agli irrefrenabili entusiasmi di quel memorabile periodo ed educato al culto della patria sentì che non avrebbe potuto meglio servirla che dedicandosi con passione alla carriera delle armi.
      Entrato a quindici anni nella R. Accademia militare, nel 1856 veniva nominato sottotenente e rimaneva a prestar servizio per un altro anno nella stessa scuola dove si era fatto subito apprezzare per le sue doti militari non comuni. Nel 1857 passò allo Stato maggiore del Genio e, promosso luogotenente nel 1859 e destinato al reggimento zappatori, prese parte gloriosa alla campagna di quell'anno e alle successive. La promozione a capitano a distanza di un anno dalla precedente, le due medaglie al valor militare di cui una d'argento concessegli per la sua partecipazione all'assedio di Ancona e di Capua nel 1860, la croce di cavaliere dell'Ordine militare di Savoia della quale fu decorato durante l'assedio di Gaeta nel 1861, stanno a dimostrare l'importanza dell'opera in quel periodo da lui compiuta.
      Successivamente la sua carriera continuò luminosa fino ai più alti gradi e non gli mancarono incarichi di fiducia e particolarmente onorifici. Fu prima e per lungo tempo ufficiale d'ordinanza di S.M. il Re e poi suo aiutante di campo onorario; e più volte comandato al Ministero della marina ed a quello della guerra, facendosi apprezzare per le sue doti e portando in tutti i servizi il suo spirito di feconda organizzazione. Nel dicembre 1892 raggiunse il grado di tenente generale e nel 1897 fu nominato ispettore generale del Genio, carica che tenne fino a quando per i limiti di età dovè abbandonare il servizio attivo.
      Venne nominato senatore il 14 giugno 1900 e nei primi tempi fu assiduo parlamentare, partecipando spesso alla discussione dei bilanci e dimostrandosi oratore efficace e simpatico, particolarmente competente nelle questioni militari.
      Col senatore Durand de la Penne scompare un uomo di gran fede, uno spirito fervido che si animava per le cause più nobili e che tutta la sua intelligenza ed attività volse al bene della patria.
      Alla memoria di lui vada il nostro accorato rimpianto ed alla famiglia l'espressione delle nostre vive condoglianze. (Benissimo). [...]
      PRESIDENTE. Se il Senato consente, io presenterò le condoglianze del Senato alle città che hanno dato i natali a tutti i nostri compianti colleghi. (Approvazioni).
      GASPAROTTO, ministro della guerra. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      GASPAROTTO, ministro della guerra. A nome del Governo e dell'esercito ho l'onore di associarmi alle alte parole dette dall'illustre Presidente alla memoria del generale Durand De La Penne [...], due soldati che appartennero a due diverse, ma ugualmente gloriose epopee. Il generale Durand diede il suo nome a fatti che ricorsero nella nostra giovinezza e batterono all'animo nostro fra le più care rimembranze passataci dai padri. La presa di Ancona, la presa di Capua, l'assedio di Gaeta videro questa figura del risorgimento sugli spalti delle città assediate. Di poi, in tempi più recenti, come direttore del Genio in Roma, promosse la restaurazione di Castel S. Angelo che volle restituito alla primitiva bellezza. Ma dove l'opera sua culminò ed è degna di particolare senso di riconoscenza da parte del paese, è dove - come ispettore generale - impresse un'orma profonda e un nuovo preciso indirizzo all'arma del Genio, la quale, attraverso i successivi perfezionamenti, raggiunse durante la grande guerra lo splendore di uno strumento armonico e possente che ci venne invidiato dagli eserciti stranieri.

      Senato del Regno, Atti Parlamentari. Discussioni, 24 novembre 1921.

Note:Il nome completo risulta essere: "Luigi Felice Giuseppe Marrio".
Ringraziamenti:Ministero della difesa-Ufficio archivio storico della marina
Capo ufficio affari generali e relazioni esterne Amm. Div. Claudio Gaudiosi
Capo del primo ufficio AGRE Capitano di vascello Francesco Carlo Rizzo di Grado e di Premuda
Capitano di fregata Riccardo Cardea
Capitano Vincenzo Fiorillo
Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana


Attività 0898_Durand_de_La_Penne_IndiciAP.pdf0898_Durand_de_La_Penne_IndiciAP.pdf