SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


GRENET Francesco

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/23/1846
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:22/05/1915
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Carlo
Madre:IAUCH Maria Irene
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:IMPELLIZZERI Francesca
Titoli di studio:Scuola militare
Professione:Militare di carriera (Marina)
Carriera giovanile / cariche minori:Guardiamarina (18 settembre 1860) , Sottotenente di vascello (26 giugno 1864), Tenente di vascello (10 luglio 1866), Capitano di corvetta (8 giugno 1879), Capitano di fregata (21 gennaio 1883), Capitano di vascello (12 luglio 1888)
Carriera:Contrammiraglio (9 aprile 1896)
Viceammiraglio (4 maggio 1905-22 giugno 1911. Data del collocamento a riposo)
Cariche e titoli: Addetto navale all'Ambasciata italiana a Londra (20 luglio 1889-11 settembre 1891)
Comandante superiore del corpo reale equipaggi (19 aprile-27 dicembre 1896)
Direttore generale dell'Arsenale di Napoli (10 gennaio 1897-23 marzo 1899) (16 agosto 1900-3 aprile 1902)
Comandante dell'Accademia navale (30 settembre 1903-14 gennaio 1904)
Comandante in capo della Forza navale del Mediterraneo (1° aprile 1908-16 aprile 1910)
Presidente del Consiglio superiore di marina (7 aprile 1910)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/03/1911
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:10/06/1911
Giuramento:12/06/1911

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 5 giugno 1877
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 13 gennaio 1887
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 14 gennaio 1894
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 28 dicembre 1902
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 5 gennaio 1908
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 6 dicembre 1883
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 maggio 1890
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 giugno 1900
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 gennaio 1907
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 17 dicembre 1908

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1866 terza guerra di indipendenza
1904 campagna dell'Estremo Oriente
Arma:Marina
Decorazioni:Medaglia d'argento al valore militare, medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia, medaglia col motto "Unità d'Italia", medaglia di bronzo al valor militare, croce d'oro per anzianità di servizio sormontata da Corona reale, medaglia col motto "Cina 1900-1901", medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri,; medaglia d'onore per lunga navigazione


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! Nel tempo, in cui sono state chiuse le nostre sedute, abbiamo perduto i senatori Fergola, D'Alì, Grenet, Masi, Calvi, Massabò, Villa Tommaso, Campo, Balestra, Tournon, San Donnino, Di Martino, Florena, Salvarezza Cesare. [...]
      Prima che per la morte l'Armata fu dolente, che per l'età dell'ammiraglio Grenet dovesse nel 23 giugno 1911 esser privata di uno dei suoi migliori. La Maestà del re, che l'aveva elevato al Senato per decreto del 3 giugno stesso, lo encomiò con suo autografo, manifestandogli la sovrana riconoscenza. Dopo l'ultima sua ora, che fu nel 22 maggio in Napoli, sonosi celebrate nel lutto le virtù del perfetto marinaro, ed apparsi sono maggiormente all'ammirazione i pregi di tal uomo, che fu onore della marina, ed i meriti di una vita tutta consacrata al dovere. Nato Francesco Grenet in Napoli il 23 giugno 1846, nel 1860 dalla scuola di marina con entusiasmo giovanile si offrì a Garibaldi. A soli 14 anni nominato guardia marina ed imbarcato sulla fregata Garibaldi, nell'assedio di Gaeta guadagnò la medaglia d'argento al valore militare. Finita quella campagna, lo costrinse a ritirarsi la nuova legge, per attendere il compimento della prefissa età degli anni 17: ma del tempo si giovò alla coltura dell'ingegno; e vivacemente continuò ad allenarsi al mare. Ripigliato il servizio, vi pose una ferrea volontà ed una energia appassionata, sia a terra, sia a bordo, e da subalterno e da comandante. Vi contò più di mezzo secolo, ed oltre 23 anni di navigazione. Nel 1866 tenente di vascello allo Stato maggiore sulla principe di Carignano, nella battaglia di Lissa, altra medaglia al valore meritò. Varie navi comandò; la Doria fra d'esse, a bordo della quale fu promosso contrammiraglio nel 1896, che era ricordata nave modello. Adempì importanti incarichi. Capitano di vascello dal 1888 al 1891, fu addetto navale a Londra. Comandò due volte la squadra italiana all'estremo Oriente. Fu comandante superiore del Corpo de' reali equipaggi: direttore instancabile dell'Arsenale di Napoli; l'ebbe comandante apprezzatissimo, sebbene brevemente, l'Accademia; fu alcun altro breve tempo ispettore delle torpediniere. Viceammiraglio nel 1905, tenne il comando delle piazze navali di Taranto, di Napoli, di Spezia, ed oltre due anni comandò le forze del Mediterraneo mirabilmente; finì presidente del Consiglio superiore di marina in alta autorità anche nella posizione ausiliaria. Di Francesco Grenet vivente, alla patria, dopo l'opera, valse il consiglio; di lui estinto, rimane prezioso l'esempio. (Benissimo). [...]
      CANEVARO. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      CANEVARO. Permetta il Senato che alle elevate parole con le quali il nostro venerando Presidente ha commemorato il collega nostro ammiraglio Grenet, io poche altre ne aggiunga per sentimento personale di amicizia, per sentimento verso il compagno d'armi, ed anche per desiderio dei colleghi nostri ammiragli, qui presenti in Senato, i quali furono tutti estimatori ed amici del perduto nostro collega.
      Io ho avuto la fortuna di conoscere il Grenet quando egli era ancora giovanissimo aspirante. L'ho poi seguito in tutti i gradi della sua carriera, avendo avuto occasione di navigare con lui nella stessa nave, in lunghi viaggi attraverso l'oceano, al tempo della vela.
      L'ebbi poi in varie occasioni sotto i miei ordini sulla corazzata Italia, nel primo armamento di questa importantissima nave. Più tardi ancora, quale comandante di nave nelle varie squadre che ho avuto l'onore di comandare.
      Gli è dunque con piena conoscenza dell'uomo e per la lunga estimazione che ho avuto di lui, che oggi sono lieto di potere affermare che egli, sempre ed in ogni tempo, è stato un distinto ufficiale di marina; particolarmente versato nella tecnica marinaresca, di cui ha lasciato anche pubblicazioni notevoli, che al presente sono spesso consultate dai giovani ufficiali.
      Egli ha servito sempre la marina e il paese con grande amore e con grande abilità.
      La sua dipartita è dunque una vera lacuna per la famiglia marinara, così come lo è per il Senato.
      Vadano queste mie parole alla vedova sconsolata, che è pure in gravissime condizioni di salute; vadano, se è possibile, a lenire il dolore dei figli, essi pure ufficiali di marina e che in queste momento, sulle nostre navi, combattono nella santa guerra d'Italia (bene, approvazioni vivissime); servano esse d'incoraggiamento e di sprone a questi ufficiali perché seguano l'esempio onorando lasciato dal loro padre! (Approvazioni vivissime, applausi). [...]
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando di parlare.
      PRESIDENTE, Ne ha facoltà,
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Assolvo il compito altrettanto onorevole quanto doloroso di esprimere a nome del Governo tutta la simpatia riverente, che esso prova innanzi ai gravi lutti, che quest'alto consesso ha subiti; e in questa simpatia si contiene il pieno consenso al tributo di riconoscenza e di lode, che le inspirate parole del Presidente illustre e degli altri senatori hanno apprestato alla memoria degl'insigni uomini, di cui piangiamo la perdita.
      Ascoltando quelle parole, la mia mente quasi astraeva dalle persone singole, e al di sopra degli uomini commemorati, io vedevo passare innanzi ai miei occhi tutta una serie di vite nobilmente spese nei campi più diversi: dall'esercito all'amministrazione civile, dal Parlamento alle amministrazioni locali, dalle aule della giustizia alla cattedra della scuola e così via via - forme di attività diverse, ma congiunte tra loro da quest' unica idea e da quest'unica fede: il servizio reso alla patria (Bene! Bravo!).
      E pensavo a quanti tesori di sapienza e di patriottismo in quest'Aula nobilissima si racchiudono. Né io nulla aggiungerei a quanto così egregiamente è stato detto; ma concederà il Senato che trovi qui un'eco la vibrazione di talune note particolari, che o per ragioni personali o per ragioni di ufficio più vivamente palpitano nell'animo mio, a proposito, della dipartita di alcuni valentuomini.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 15 dicembre 1915.

Note:Il nome completo risulta essere: "Francesco Enrico".

Attività 1178_Grenet_IndiciAP.pdf