SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


GESSI Tommaso

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:09/23/1844
Luogo di nascita:FAENZA (Ravenna)
Data del decesso:21/05/1913
Luogo di decesso:FAENZA (Ravenna)
Padre:Giuseppe
Madre:TRONI Maria, contessa
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariConte
Nobile di Faenza
Coniuge:ZAULI NALDI Laura
Coniuge:ALPUIM Maria
Figli: Antonietta, figlia della prima moglie Laura Zauli Naldi
Giuditta, che sposò Onorio BOURBON, figlia della prima moglie Laura Zauli Naldi
Barbara, figlia della prima moglie Laura Zauli Naldi
Elisabetta, figlia della prima moglie Laura Zauli Naldi
Parenti:GESSI Antonio, avo paterno
Professione:Possidente
Cariche politico - amministrative:Sindaco di Faenza (facente funzioni, 3 agosto 1886-21 dicembre 1888)
Vicepresidente del Consiglio provinciale di Ravenna
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Faenza (30 giugno 1895)
Assessore comunale alle finanze del Comune di Faenza (3 agosto 1899)
Assessore comunale di Faenza (1900-1901) (1908)
Consigliere provinciale di Ravenna
Cariche e titoli: Vicepresidente del Comizio agrario di Faenza
Presidente del Comizio agrario di Faenza (1873-21 maggio 1913)
Cofondatore della Società generale dei braccianti [di Faenza] (1888)
Vicepresidente della Società Dante Alighieri, sezione di Faenza
Presidente degli Ospizi marini di Faenza
Socio della Società geografica italiana (1872)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/03/1908
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Carlo Municchi
Convalida:28/06/1908
Giuramento:28/06/1908

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIII
Faenza
5-11-1876*
Destra
Ballottaggio il 12 novembre 1876
XIV
Faenza
16-5-1880**
Destra
Ballottaggio il 23 maggio 1880


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
    Giuseppe Manfredi, Presidente

    Onorevoli colleghi! Nuovo lutto ci affligge. Poche ore fa mi è giunta la notizia della morte del conte Tommaso Gessi, avvenuta oggi stesso in Faenza.
    Era nato in quella città il 23 settembre 1844. Fu nominato senatore il 3 giugno 1898; scelto dai censiti, ma segnalato dalle egregie doti dell'animo, dal bene operato, dalla devozione alle nazionali istituzioni. Era stato anche l'eletto di Faenza alla Camera dei deputati in due legislature la XIII e la XIV ed apprezzato. Cariche amministrative aveva tenuto con lode in provincia. Di sua ricchezza fece uso molto benefico; l'antica nobiltà del casato ornava di affabilità e cortesia. Come amò le glorie patrie nelle lettere e nelle scienze, dimostrò nel centenario di Evangelista Torricelli.
    In Senato era assiduo; e ne piangiamo la scomparsa amaramente, mandando al trapassato spirito il nostro ultimo addio. (Bene).
    CALDESI. Domando la parola.
    PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
    CALDESI. Concittadino e amico fino dai più giovani anni del nostro compianto collega Tommaso Gessi, compio un ben doloroso dovere associandomi, come faccio, di tutto cuore alla commemorazione che di lui ha fatto il nostro illustre Presidente.
    Tommaso Gessi che, come già ci ha accennato l'onorevolissimo Presidente, apparteneva ad una delle più antiche e benemerite famiglie di Faenza, se non fu un grande della politica, della scienza o dell'arte, fu certamente, ciò che più conta, un grande del cuore, perché egli non sentì mai invidia, odio, astiosità, nessun basso sentimento, ma tutti soccorse liberalmente quanti a lui si rivolsero. Onde io sono certo di rendermi interprete del sentimento comune ai miei colleghi, mandando un affettuoso, reverente saluto alla sua memoria, e pregando il nostro Presidente di voler far pervenire le condoglianze del Senato, tanto alla sua desolata famiglia, quanto alla città di Faenza, che considerava il Gessi fra i suoi migliori e più benemeriti cittadini. (Approvazioni).
    FINOCCHIARO-APRILE, ministro di grazia, giustizia e dei culti. Domando di parlare.
    PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
    FINOCCHIARO-APRILE, ministro di grazia, giustizia e dei culti. Io mi associo, in nome del Governo, alle parole, con le quali l'illustre Presidente di questa Assemblea e l'onorevole senatore Caldesi hanno ricordato Tommaso Gessi, deputato, senatore e cittadino. Il rimpianto di questo alto consesso è espressione del sentimento dei suoi concittadini, e di quanti lo conobbero e gli furono colleghi nella rappresentanza nazionale. Vada alla sua memoria un reverente saluto. (Approvazioni).
    PRESIDENTE. Il Senato ha udito la proposta del senatore Caldesi non facendosi osservazioni, vi darò esecuzione.

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 21 maggio 1913.

Note:Il nome completo risulta essere: "Tommaso Carlo Francesco Maria Raffaele".
Ringraziamenti:- Dott.ssa Manuela Mantani Direttore dell'Archivio di Stato di Ravenna
- Presidente della Società di studi storici faentini A. Drei
- Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana


Attività 1104_Gessi_IndiciAP.pdf