SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


VEGEZZI Saverio Francesco

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/21/1805
Luogo di nascita:TORINO
Data del decesso:23/07/1888
Luogo di decesso:TORINO
Padre:Pietro
Madre:COTTOLENGO Delfina
Coniuge:Celibe
Fratelli:Giovenale, che spos˛ Felicita D'ALESSANDRI e aggiunse il casato di RUSCALLA, ed era padre di Delfina Emerenziana, detta Emma, moglie di Costantino NIGRA, senatore (vedi scheda), di Ida coniugata MELISURZO
Parenti:FERRANTE Eugenio, nipote
Teresa, nipote
Luogo di residenza:TORINO
Indirizzo:Via Barbaroux, 2
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:UniversitÓ di Torino
Professione:Avvocato
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Torino (1848-1888)
Consigliere provinciale di Torino (1880-1889)
Cariche e titoli: Consigliere della Corte di cassazione (16 novembre 1856- 20 novembre 1859)
Direttore generale delle contribuzioni e demanio (20 novembre 1859)
Presidente dell'Ordine degli avvocati di Torino

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/30/1867
Categoria:03
05
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
Relatore:Luigi Chiesi
Convalida:18/07/1867
Giuramento:29/07/1867

    .:: Onorificenze ::.

Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 25 dicembre 1861

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
I
Borgomanero
27-4-1848
Destra
VII
Garessio
25-3-1860*
Destra
Eletto anche nel collegio di Torino V, opt˛ per il collegio di Garessio il 13 aprile 1860
VIII
Borgomanero
27-1-1861
Destra
IX
Borgomanero
22-10-1865**
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865. Eletto anche nel collegio di Torino IV, opt˛ per il collegio di Borgomanero il 2 dicembre 1865


    .:: Governo ::.

    Regno di Sardegna post 04 Marzo 1848 - Regno d'Italia:
Ministro "ad interim" di grazia, giustizia e dei culti (17 novembre 1860-[28 novembre 1860])
    Governo:
Ministro delle finanze (21 gennaio 1860-3 aprile 1861)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! ╚ mio dovere, e pietoso ufficio ad un tempo, ricordare quei colleghi nostri che passarono di vita dalla scorsa estate ad oggi: i senatori Vegezzi, Morandini, Luciani, Correnti, Di Robilant, Di Castagnetto.
      Saverio Vegezzi nacque a Torino il 21 dicembre 1805.
      Addottoratosi in legge nel patrio ateneo, fu presto in voce di avvocato valente, e la riputazione sua crebbe cogli anni, tanto da annoverarlo fra i pi¨ dotti giurisperiti del f˘ro torinese. E fu de' valentuomini che, teneri delle liberali franchigie, caldeggiarono ed ottennero la concessione dello Statuto.
      Deputato al Parlamento per quattro legislature; consigliere di Cassazione; direttore del Demanio, apparvero manifeste le esimie doti dell'ingegno e dell'animo di lui.
      Ministro delle finanze dal 20 [sic] gennaio 1860 all'aprile 1861, nel Ministero che, presieduto dal conte Cavour, os˛ la annessione dell'Emilia e della Toscana, germe dell'unitÓ della patria, tenne con lode l'ufficio di grande momento sempre, in quel primo costituirsi di un nuovo Regno di dodici milioni d'italiani, arduo sovra tutti.
      Incaricato nel marzo 1865 di una delicata missione intorno ai vescovi ed alle diocesi, nelle trattative colla Santa sede, durate per oltre tre mesi, diede prova di accorgimento singolare. E se, malgrado i modi cortesi, la grande sperienza dei pubblici affari e l'animo mite, egli era costretto, rassegnando il mandato, di confessare fallito il negoziato, quantunque fosse profondamente convinto "dei molti e grandi vantaggi che una felice riuscita di esso avrebbe potuto produrre", a buon diritto si confortava dello insuccesso affermando "di avere mantenuto salvi e non pregiudicati i diritti e la dignitÓ dello Stato".
      Nominato senatore il 30 giugno 1867, egli recava in quest’Aula una profonda e varia dottrina; una mente serenamente arguta, un cuore gentile e quel senno pratico che pu˛ dirsi la sintesi della scienza e della sperienza.
      Decano del f˘ro, presidente dell'ordine degli avvocati, consigliere del comune e della provincia in Torino, proseguivalo la stima, anzi la universale benevolenza, quando morte il colse nel 23 luglio scorso.
      NÚ l'oblio aduggierÓ la lacrimata tomba di Saverio Vegezzi che fu la modestia, la bontÓ, la integritÓ fatte persona. [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare l'onorevole senatore Ferraris.
      FERRARIS. Vecchio amico di Saverio Vegezzi, suo collega nella prima legislatura del Parlamento subalpino, sento il dovere di rendere grazie all'onorevolissimo nostro Presidente per le parole di meritato elogio colle quali volle accompagnare la comunicazione al Senato della morte dell'egregio nostro collega.
      PRESIDENTE. Ha facoltÓ di parlare il signor ministro guardasigilli.
      ZANARDELLI, ministro di grazia e giustizia. A nome del Ministero sento il dovere di associarmi ai sentimenti espressi con tanta veritÓ, con tanta nobiltÓ, con tanta esattezza dal nostro illustre Presidente e dagli onorevoli senatori che degnamente fecero eco alle sue parole.
      Non io saprei aggiungere novella fronda a quella splendida corona, di meritati elogi che il Senato ha dedicati alla memoria di questi uomini insigni.
      Ma quando penso a Saverio Vegezzi, io che, per la mia professione sono naturalmente geloso dell'onore e delle glorie del f˘ro, non posso non dire con profondo convincimento che l'Ordine nostro ebbe in lui la pi¨ alta, la pi¨ pura, immagine dell'avvocato. [...]
      Signori, noi tutti in questo recinto sentiamo profondamente con unanime rimpianto come questi uomini, gli egregi spiriti i quali in questi ultimi mesi furono rapiti al Senato, contribuirono a quei solenni ed immortali avvenimenti che dopo tanti secoli di divisioni e di servaggio diedero agli italiani una patria. (Bene, benissimo).


      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 8 novembre 1888.

Note:Il nome completo risulta essere: "Francesco Saverio Tommaso Maria".
Ringraziamenti:Dott. Sergio Chiamparino Sindaco di Torino
Dott. Stefano Benedetto Vicedirezione generale Gabinetto del Sindaco e servizi culturali - Settore Archivi e protocollo del Comune di Torino
Carlo Buscaglino Strambio, discendente


AttivitÓ 2294_Vegezzi_IndiciAP.pdf