SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


NAVA Cesare

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:10/07/1861
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:27/11/1933
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Leonardo
Madre:BETTALI Marietta
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:PRINA Giuseppa
Coniuge:CESA BIANCHI Maria
Figli: Luigia
Luigi Paolo
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Via S. Eufemia, 19
Altra residenza:ROMA
Titoli di studio:Laurea in ingegneria
Presso:Istituto tecnico superiore di Milano, Politecnico di Milano
Professione:Ingegnere
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Milano
Consigliere provinciale di Milano
Cariche e titoli: Presidente del Banco ambrosiano (22 dicembre 1897-27 novembre 1933)
Presidente della Fiera di Milano
Presidente della Fabbrica del duomo di Milano
Presidente della Congregazione di carità di Milano
Membro della Commissione di vigilanza sui lavori di costruzione dell'edificio destinato a nuova sede del Parlamento e di sistemazione delle adiacenze di Montecitorio

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:06/08/1921
Categoria:03
05
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
I Ministri segretari di Stato
Relatore:Carlo Santucci
Convalida:19/06/1921
Giuramento:28/06/1921

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 14 giugno 1906
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 17 dicembre 1908
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 10 maggio 1914
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 29 febbraio 1920
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 11 aprile 1919
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 11 giugno 1925

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXIII
Monza
7-3-1909*
Ballottaggio il 14 marzo 1909
XXIV
Monza
26-10-1913
XXV
Milano
16-11-1919
Gruppo popolare


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (24 novembre 1922-10 dicembre 1923)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Sottosegretario di Stato al Ministero delle armi e munizioni (19 maggio-15 settembre 1918)
Ministro per le terre liberate dal nemico (23 giugno 1919-13 marzo 1920)
Ministro dell'economia nazionale (1° luglio 1924-10 luglio 1925)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti parlamentari - Commemorazione
                            Luigi Federzoni, Presidente

                            PRESIDENTE. Numerose e gravi perdite hanno dolorosamente colpito il Senato durante l'interruzione delle nostre sedute. Uomini di alto prestigio intellettuale, fra i più eminenti nella vita culturale della Nazione, antichi e insigni parlamentari, nei quali l'autorità era eguale alla esperienza, benemeriti servitori dello Stato, patrioti di incorrotta esemplare fedeltà agli ideali, donde l'Italia nuova ha tratto le energie per la propria rigenerazione, hanno lasciato in quest'aula ricordi e rimpianti che oggi incombono su noi con tanto più accorata mestizia per l'impossibilità di una degna rievocazione.[...]
                            Alla Camera dei deputati avevano pure appartenuto per lunghi anni, e ivi come poi qui in Senato, e più ancora negli uffici di governo chiaramente esercitati, dedicarono al bene della Patria tutte le energie dei loro nobili spiriti [...] Cesare Nava.
                            (...) Cesare Nava, valente ingegnere, dotato delle cordiali e solide virtù ambrosiane, si era segnalato per slancio filantropico e abilità organizzatrice nell'opera di soccorso dopo il terremoto calabro-siculo del 1908. Aveva militato, fin dai suoi esordi politici nelle file cattoliche, ma ispirandosi costantemente a sensi italiani. Deputato per tre legislature, fu nominato nel 1918 sottosegretario e poi commissario per le armi e munizioni: terminata la guerra, tenne il ministero delle terre liberate. Era senatore dal 1921. All'avvento del Fascismo al potere, fu tra i primi parlamentari cattolici che aderirono lealmente e senza riserve al nuovo Regime. Così meritò di tornare al Governo con Benito Mussolini, come ministro dell'industria e del commercio.
                            MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Domando di parlare.
                            PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
                            MUSSOLINI, Capo del Governo, Primo Ministro. Il Governo si associa alle nobili parole del Presidente ed al cordoglio dell'Assemblea.

                            Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 11 dicembre 1933.

Ringraziamenti:Dott.ssa Letizia Moratti Sindaco di Milano
Ing. Nicola Marra - Servizi al cittadino del Comune di Milano
-Dott. Vito Salamone, Archivio storico del Politecnico di Milano (Fac. Ingegneria)


Attività 1564_Nava_IndiciAP.pdf1564_Nava_IndiciAP.pdf