SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


GUALA Luigi

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:12/18/1834
Luogo di nascita:VERCELLI (Novara) - oggi VERCELLI
Data del decesso:23/10/1893
Luogo di decesso:VERCELLI (Novara) - oggi VERCELLI
Padre:Carlo
Madre:BOZINO Giustina
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:MARCHETTI Irene
Figli: Mario
Fratelli:Carlo, senatore (vedi scheda)
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Torino
Professione:Docente
Altre professioni:Avvocato
Carriera giovanile / cariche minori:
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Novara
Consigliere comunale di Vercelli (1868-23 ottobre 1893)
Cariche e titoli: Collaboratore del giornale "Goffredo Mameli" (giugno-dicembre 1854)
Membro del Consiglio d'amministrazione del Ricovero di mendicità di Vercelli
Membro del Consiglio direttivo della Scuola normale femminile di Vercelli, poi dal 1884 del Convitto annesso alla Scuola normale femminile di Vercelli
Membro della Commissione per la statistica giudiziaria e notarile
Membro della Commissione per le istituzioni di previdenza e lavoro

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/04/1890
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Salvatore Majorana Calatabiano
Convalida:13/12/1890
Giuramento:16/12/1890

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine di Cristo (Portogallo)

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XI
Vercelli
1-1-1871*
Centro
Elezione in corso di legislatura. Ballottaggio l'8 gennaio 1871
XII
Vercelli
8-11-1874
Centro
XIII
Vercelli
5-11-1876
Centro
XIV
Vercelli
16-5-1880
Centro
XV
Vercelli (Novara III)
29-10-1882
Centro


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori!
      Pietosa consuetudine vuole che noi mestamente volgiamo il primo pensiero ai nostri trapassati.
      Dico adunque che dappoi il nove di agosto morirono i senatori Di Baucina, Visone, Cusa, Plezza, Muratori, Brunet, Scacchi, Martinelli, Di Calabiana, Guala, Minich.
      [...]
      Il senatore Luigi Guala nacque e morì a Vercelli.
      Natura diedegli ingegno facile, animo pronto per i quali nella Università di Torino andò distinto; per essi ebbe amorevoli condiscepoli ed insegnanti.
      Vaghezza, ardore di novità, impazienza d'azione lo trassero ad affrontare da studente i cimenti letterari, la politica: fu scrittore, fu giornalista. Laureato in giurisprudenza nel 1856, insegnò nella città natale economia e storia industriale; dalla scuola e dalla città a poco a poco il suo nome diffondendosi. Lo aiutarono il cuore aperto ai generosi sensi; vi contribuì la vivezza che lo animava o insegnasse o scrivesse: in ogni atto.
      La virilità, maturando i germi sino dai primi passi nella vita con affrettato rigoglio rampollati, fu insegnante solerte, erudito ed abbondante scrittore di economia politica e di giurisprudenza, volgarizzando la legge sui giurati, il codice civile.
      Gli elementi di economia politica, i consigli di economia domestica, le conferenze sulla famiglia, gli elementi di statistica italiana furono lodati e premiati in Italia, encomiati fuori. Uno studio sulle casse postali inglesi di risparmio, nuove lodi gli procacciò; nome di antiveggente e coraggioso una monografia sui canali Cavour. Lo scritto della istruzione pubblica in relazione allo stato attuale della civiltà, le lettere intitolate Scuola e democrazia, uno studio sulla perequazione fondiaria, scielgo non enumero, lo confermarono versatile, culto, operoso.
      Per venticinque anni consigliere comunale nulla trascurò perché la sua città fiorisse: al ricovero di mendicità, alla biblioteca, ai collegio-convitto del comune attese colla solerzia che gi era connaturale.
      Sperò potesse la idoleggiata Vercelli essere quandochessia risarcita della supremazia onde i fasti della patria l'avevano privata; certo reputava che, quanto più si levasse in nome di civile e savia, tanto più lo meriterebbe. Anzi all'operare in pro della terra natale era sospinto dall'amore della patria grande, che il lustro e la contentezza di ogni suo membro in sé riassume e rispecchia.
      Del Consiglio provinciale consigliere e segretario autorevole; nella Giunta provinciale l'opera sua sarà lungamente ricordata come quella che diede al novello istituto indirizzo sicuro a ragione di equità, di diritto, di legge.
      Deputato al Parlamento per cinque legislature successive (11ª, 12ª, 13ª, 14ª, 15ª) lo fu prima della città, poi dell'intiero circondario. E nella Camera parlò con copia di parola e di argomenti, con osservazioni argute sui bilanci, sui trattati di commercio e le tariffe, sui giurati, sul macinato, della riforma elettorale, dell'istruzione, dei consorzi d'irrigazione, sull'assicurazione degli operai contro gl’infortuni, a dire soltanto le cose maggiori. Ed anche nel Senato, al quale era stato ascritto non decorsero ancora tre anni, ragionò degli infortuni sul lavoro, sulla competenza dei conciliatori, intorno alla condizione finanziaria dei comuni e delle provincie ed ai bilanci dello Stato.
      senatore o deputato; negli uffici del comune o della provincia; nel fôro o nel Parlamento mise tutta l'anima sua alla ricerca del vero e del bene. Morì a cinquantanove anni non finiti la mattina del 23 di ottobre: la sua morte fu cittadino lutto.
      Ebbe amici molti e sviscerati; anche gli avversari, per quanto rudi, non dubitarono mai della rettitudine, della santità dei suoi intenti.
      In nome vostro che ai medesimi sentimenti, al dolore istesso partecipaste, io do tributo di compianto alla memoria di Luigi Guala. (Bene).
      [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Sprovieri Francesco.
      SPROVIERI F. [...]
      Completando la mia proposta, propongo che a tutte le famiglie dei colleghi defunti ed a quella del ministro Genala si inviino le condoglianze del Senato.
      GIOLITTI, presidente del Consiglio. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      GIOLITTI, presidente del Consiglio. Il ricordo, fatto dall’illustre Presidente del Senato, dei meriti patriottici, della sapienza e dei servigi resi allo Stato nella scienze e nell’amministrazione dai senatori recentemente defunti, dimostra quanta somma e quanto valore di patriottismo e di scienza sia andata perduta per lo Stato.
      [...]
      PRESIDENTE. Se nessun altro chiede i parlare, pongo ai voti la proposta fatta dal senatore Sprovieri Francesco nella quale è compresa anche quella del senatore Bartoli, che cioè il Senato voglia esprimere le sue condoglianze alle famiglie dei senatori defunti, dei quali ho tessuto l’elogio.
      Chi approva questa proposta voglia alzarsi.
      (Approvato).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 23 novembre 1893.

Ringraziamenti:- Sindaco di Vercelli Sig. Andrea Corsaro
- Direttore del settore Turismo, sport, cultura e tempo libero Gianni Vercellone


Attività 1196_Guala_Luigi_Docente_IndiciAP.pdf