SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


SANTINI Felice

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:05/15/1850
Luogo di nascita:ROMA
Data del decesso:21/11/1922
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Pietro
Madre:CECCHINI Angela
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Figli: Pier Mario
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via Ofanto, 8
Titoli di studio:Laurea in medicina e chirurgia
Presso:Università di Roma
Professione:Medico
Altre professioni:Militare di carriera (Marina)
Carriera:Colonnello medico
Maggiore generale nella riserva navale
Cariche e titoli: Direttore dell'Ospedale di marina di Napoli
Direttore dell'Ospedale di marina di Venezia

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:03/17/1912
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Fabrizio Colonna
Convalida:25/03/1912
Giuramento:26/03/1912
Annotazioni:Gruppo Senato: Non ascritto a gruppi
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 1881
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 25 aprile 1889
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 28 giugno 1908

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIX
Roma II
26-5-1895
Centro-destra
XX
Roma II
21-3-1897
Centro-destra
XXI
Roma II
3-6-1900
Centro-destra
XXII
Roma II
6-11-1904*
Centro-destra
Ballottaggio il 13 novembre 1904


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:
Commissario di vigilanza all'Amministrazione del fondo per il culto (28 dicembre 1912-28 febbraio 1918)
Commissario di vigilanza al Fondo per l'emigrazione (8 apile 1914-10 marzo 1915 Dimissionario) (27 marzo 1915-29 settembre 1919)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
        Tommaso Tittoni, Presidente

        Onorevoli colleghi. Dopo lunga e penosa malattia il senatore Felice Santini cessò di vivere il 21 corrente, in Roma che gli aveva dato i natali il 15 maggio 1850.
        Laureatosi con successo in medicina, entrò nel 1873 a far parte del corpo sanitario della marina militare ed ivi raggiunse, attraverso una brillante carriera, il grado di colonnello medico e poi quello di maggior generale nella riserva, portando alla organizzazione del servizio sanitario il sagace contributo della sua esperienza.
        E la sua opera efficace prestò pur sui più lontani mari viaggiando a lungo, sopratutto sulla Regia nave Garibaldi, accorrendo a fare in occasione della guerra fra il Chili e il Perù valido e generoso soccorso ai feriti, onde da entrambe le Nazioni fu meritatamente decorato di medaglia.
        Diresse anche l'ospedale di marina di Napoli e poi quello di Venezia e, collocato a riposo nel 1896, animato da fervido amor patrio, allo scoppio della guerra libica volle riprendere servizio e, nominato maggior generale, cooperò con giovanile ardore alla organizzazione delle infermerie sulle navi ospedale.
        Il Santini entrò giovanissimo nella vita politica e fu di una operosità veramente eccezionale. Rappresentante del 2° collegio di Roma dalla 19ª alla 22ª legislatura, sedette al centro destro e fu uno degli amici più devoti del Crispi.
        Di una assiduità religiosa ai lavori parlamentari, gli interessi più rilevanti e le cause più nobili trovarono in lui un fervido sostenitore. Oratore efficace, spirito vivacissimo e arguto, metteva nella sua parola il fervore di una convinzione sincera che destava simpatia anche negli avversari. Non v'è discussione importante alla quale egli non abbia con la maggiore scrupolosità partecipato; e sia nell'esame di disegni di legge, sia con interrogazioni ed interpellanze si può dir quasi che non vi fosse seduta senza che si ascoltasse la sua incisiva parola; fece anche parte di numerose commissioni e di non pochi disegni di legge fu relatore.
        Il 17 marzo 1912 fu nominato senatore e anche ai lavori del Senato, sopratutto nei primi tempi, fu assiduo e partecipò attivamente intervenendo nelle più importanti discussioni; ma negli ultimi anni il male che lentamente lo minava lo costrinse con nostro rammarico ad allontanarsi da noi.
        Felice Santini fu sinceramente affezionato alla Monarchia e non trascurò occasione per riaffermare altamente il suo attaccamento devoto alla Casa Savoia.
        Di animo nobile e generoso, modesto quanto arguto, sdegnoso di qualsiasi ipocrisia, egli scompare lasciando di sé un vivo rimpianto.
        Alla memoria di lui inviamo un mesto e reverente saluto e alla famiglia le nostre commosse condoglianze. (Bene).

        Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 24 novembre 1922.

Note:Il nome completo risulta essere: "Felice Giuseppe Isidoro Maria".

Attività 2016_Santini_IndiciAP.pdf