SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno di Sardegna » Scheda Senatore  


DURANDO Giovanni

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/23/1804
Luogo di nascita:Mondový, Cuneo
Data del decesso:27/05/1869
Luogo di decesso:Firenze
Padre:Giuseppe, avvocato
Madre:Vinaj Angela
Nobile al momento della nomina:No
Coniuge:De Geffrier Cornelia Vittoria
Figli: Alessandro, viceconsole
Fratelli:Giacomo, senatore
Marco Antonio Maria
Giuseppe Antonio
Marco Antonio Giovanni Massimiliano, sacerdote
Giovanni Antonio, generale d'armta
Giacinto Antonio Maria
Bianca
Anna Maria
Paolina
Professione:Militare di carriera (Esercito)
Carriera:Guardia nella compagnia della Guardie del corpo di SM il Re (11 aprile 1822)
Sottotenente nella compagnia della Guardie del corpo di SM il Re (14 aprile 1826)
Luogotenente nella Legione straniera dell'Armata nazionale belga (16 gennaio 1832)
Capitano nell'Esercito portoghese di Pedro IV e Maria II di Braganza, detta da Gloria (24 settembre 1832)
Maggiore nell'Esercito portoghese di Pedro IV e Maria II di braganza, detta da Gloria (18 maggio 1835)
Maggiore del Reggimento Cacciatori di Oporto al servizio della Spagna (22 ottobre 1835)
Tenente colonnello del reggimento Cacciatori di Oporto al servizio della Spagna (10 maggio 1837)
Colonnello del Reggimento Cacciatori di Oporto al servizio della Spagna (30 aprile 1838)
Maggiore generale delle truppe pontificie ed estere al servizio di Pio IX (24 marzo 1848)
Luogotenente generale (Regno di Sardegna) (5 ottobre 1848)
Generale d'armata (8 ottobre 1860)
Cariche e titoli: Aiutante di campo di SM il Re (5 ottobre 1848)
Regio commissario e comandante generale della Divisione militare dell'isola di Sardegna (18 agosto 1851-31 dicembre 1852)
Presidente del Tribunale supremo di guerra (22 settembre 1867-27 maggio 1869)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:02/29/1860
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attivitÓ
Relatore:Federigo Sclopis di Salerano
Convalida:09/06/1860
Giuramento:09/06/1860

    .:: Onorificenze ::.

Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 giugno 1851
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 aprile 1859
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 22 aprile 1868
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia 12 giugno 1856
Cavaliere dell'Ordine supremo della SS. Annunziata 8 dicembre 1868
Cavaliere dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
Cavaliere dell'Ordine di S. Ferdinando (Spagna)
Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) 1837
Cavaliere dell'Ordine di Carlo III (Spagna) 30 aprile 1838
Grande ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) 5 giugno 1856
Commendatore dell'Ordine del Bagno (Inghilterra) 29 dicembre 1856
Cavaliere dell'Ordine di S. Stanislao (Polonia) 18 aprile 1857

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1832 campagne in Belgio, 1832-1834 campagne in Portogallo, 1835-1840 campagne prima guerra carlista,
1848-1849 prima guerra d'indipendenza, 1855-1856 spedizione in Crimea, 1859 seconda guerra d'indipendenza, 1866 terza guerra d'indipendenza
Arma:Esercito
Decorazioni:Medaglia d'argento al valor militare ; medaglia della battaglia di Chiva; medaglia della presa di Morella ; medaglia di Crimea (Gran Bretagna) ; medaglia commemorativa della seconda guerra d'indipendenza (Francia) ; medaglia per l'Indipendenza e l'UnitÓ d'Italia
Conseguenze:ferito

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
I
Cigliano
30 settembre 1848
Ballottaggio il 1░ ottobre 1848. Cessazione per nomina ad aiutante in campo di S.M il Re
II
Borgomanero
20 marzo 1849
Elezione non convalidata per lo scioglimento della Camera


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro della Commissione di finanze (10 dicembre 1867-14 agosto 1869)
Membro della Commissione per la Cassa militare (18 gennaio 1869)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

    Signori Senatori!
    Ancora un’altra perdita abbiamo a lamentare, o Signori, e ben lo sanno quelli fra voi, che vollero, or son pochi giorni, tributare gli ultimi onori alla salma del defunto collega Giovanni Durando, Generale d’armata, Cavaliere dell’Ordine Supremo della SS. Annunziata, e in questi ultimi tempi Presidente del Tribunale Supremo di guerra.
    Egli era nato in Mondový nel 23 giugno 1804. Non aveva ancora 18 anni quando entr˛ nelle Guardie del Corpo del Re, ove fu promosso ad ufficiale nel 1826. Fece parte dei Cacciatori di Savoia e della Brigata Cuneo, nella quale ebbe promozione a luogotenente. Sopraggiunte le vicende del 1831, egli, per avere spiegato sensi liberali, si trov˛ implicato in un processo di Stato insieme al suo fratello Giacomo, nostro egregio collega, ed a vari altri, e fu dispensato dal servizio. Uscý dal Piemonte, e d’allora in poi, come altri not˛, fu soldato della libertÓ e della indipendenza, e combattÚ dove per questi due grandi principii si combatteva.
    And˛ nel Belgio, e preso servizio col grado di luogotenente nella Legione straniera, vi fece la guerra del 1832 contro gli Olandesi.
    Assicurata la indipendenza del Belgio, pass˛ nello stesso anno in Portogallo al servizio di Don Pedro nella guerra dinastica contro Don Miguel; prese parte onoratissima in tutta quella guerra, dapprima capitano pi¨ tardi maggiore nel 2░ reggimento di Fanteria Leggiera della Regina; fu ferito gravemente da palla nel braccio destro nella linea d’Oporto, ove grandemente si distinse, al fianco sinistro nella battaglia di Accisera, e nella difesa delle linee di Lisbona ebbe rotto il braccio destro.
    Cacciato Don Miguel, e finita la guerra di Portogallo col trionfo delle armi di don Pedro e della costituzione, un’altra lotta scoppiava nel 1835 in Spagna fra Don Carlo e Donna Cristina, reggente in nome di sua figlia Isabella. Da un lato il simbolo del Governo assoluto, dall’altro del libero regime.
    Il Durando lasci˛ il Portogallo, e prese a servire la causa della libertÓ spagnuola. Fece le campagne di Catalogna, di Valenza, di Castiglia durante gli anni [dal] 1835 al 1840. Comand˛ il Reggimento dei Cacciatori d’Oporto; poi nell’Aragona una colonna che rese importanti servizi alla Spagna.
    Lungo sarebbe, nÚ mi Ŕ consentito dalla natura di questa commemorazione, il dire di tutti i fatti d’arme, ai quali prese parte. Dir˛ soltanto che ad Alcora fu ferito nel femore destro da arma da fuoco; che in ogni fatto d’arme die’ prova di valore; e che ogni fatto d’arme lo fece degno o di una promozione nel grado o di una nuova decorazione.
    Nel 1842 gli fu concesso di rientrare in Piemonte.
    Avvenuta la rivoluzione nel Lombardo-Veneto, e nei Ducati di Modena e Parma, rotta la guerra dal Magnanimo Carlo Alberto contro l’Austria, il Durando fu nominato nel 24 marzo 1848 Generale Comandante tutte le truppe pontificie ed estere al servizio del Papa e di tutte le truppe venete dell’armata di terra. Fece una eroica difesa di Vicenza, e quindi una molto onorevole capitolazione.
    Nel 1849 ottenne il comando di una divisione nell’esercito sardo. CombattÚ a Mortara e a Novara.
    Terminata la guerra, comand˛ successivamente le Divisioni di Novara, di Cagliari e di Alessandria.
    Nel marzo 1855 comand˛ la 1a Divisione del Corpo di Spedizione in Crimea.
    Nel 1859 gli veniva affidato il comando della 3a Divisione. CombattÚ a San Martino, ove i nostri riportarono quella pur troppo sanguinosa, ma gloriosa vittoria contro gli Austriaci, mentre altra non dissimile riportavano i Francesi a Solferino.
    Nel 1866 combattÚ a Custoza e fu ferito nella mano destra.
    Ora egli non Ŕ pi¨. Spegnevasi la operosa e travagliata sua vita nella notte del 26 al 27 del passato mese di maggio dopo lunga e dolorosa malattia con virile animo sopportata e con cristiana rassegnazione.
    Giovanni Durando fu valoroso soldato, ma non fu meno ottimo cittadino, animo nobile e schietto, buon amico, buon marito, buon padre.
    Egli lascia di sÚ in tutti quelli che lo conobbero, e pi¨ in quelli che meglio il conobbero, memoria onorata e lungo desiderio.

    Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 5 giugno 1869.

AttivitÓ 0900_Durando_Luigi_IndiciAP.pdf0900_Durando_Luigi_IndiciAP.pdf