NO
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


D'ERRICO Felice

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/15/1829
Luogo di nascita:CAPUA (Caserta)
Data del decesso:25/08/1901
Luogo di decesso:NAPOLI
Padre:Nicola
Madre:GUIDETTI Giovanna
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:SERAFINO Carmela
Professione:Industriale
Carriera:Socio della Società industriale napoletana Hawthorn-Guppy
Cariche e titoli: Proprietario e direttore del giornale "Don Marzio" di Napoli

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:11/17/1898
Categoria:21 Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:13/02/1899
Giuramento:21/03/1899
    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 gennaio 1887
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 13 febbraio 1891
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Saracco, Presidente

      Signori senatori! Nel volgere di quattro mesi, fra il 7 luglio ed il 15 corrente mese, la morte ci ha tolto sette colleghi, nelle persone dei senatori Buttini, D'Errico, Mirabelli, Piccioni, Morelli Domenico, Sole, Pallavicini Emilio.
      Dirò di ciascuno assai brevemente. [...]
      Il senatore Felice D'Errico non doveva lasciare larghe traccie di sé, e delle opere sue nel Senato del Regno, giacché chiamato a far parte di questo consesso in fine del 1898, allorché stava per compiere il suo settantesimo anno di età, non trovò opportunità nei pochi mesi che l'ebbimo fra noi, a far prova del suo personale valore. Nato a Capua nel 1831 morì a Napoli nell'agosto passato.
      Sappiamo di lui, che col diuturno lavoro seppe acquistarsi fama e ricchezze, e di queste usò nobilmente e generosamente. Perciò egli ha bene meritato che il Senato debba dolersi di averlo perduto. (Bene). [...]
      LAMPERTICO. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      LAMPERTICO. Non sapendo dire meglio di quello che ha detto il presidente, mi associo alle parole da lui pronunciate, come certo vi si associa il Senato.
      Rimane la consuetudine, sempre bella, di manifestare i nostri sentimenti alle famiglie. Però a me pare superfluo esprimere questo voto, non essendovi dubbio che il nostro Presidente lo compia, se già non lo ha prevenuto.
      PRESIDENTE. Mi sento in dovere di dichiarare al collega Lampertico che vennero già inviate le condoglianze del Senato alle famiglie del senatori defunti.
      COCCO-ORTU, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      COCCO-ORTU, ministro di grazia e giustizia e dei culti. In nome del Governo, mi associo alle eloquenti parole di mesto rimpianto, al tributo di omaggio reso dal nostro Presidente agli eminenti cittadini, rapiti alle arti, al foro, alla magistratura, all'esercito, alla cosa pubblica; i quali furono tutti vanto e decoro del Parlamento, onore del nome italiano. (Approvazioni).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 27 novembre 1901.

Ringraziamenti:-Museo campano di Capua
-Assessore provinciale al Patrimonio, avv. Domenico De Francesco


Attività 0810_D'Errico_IndiciAP.pdf