SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


DI BROCCHETTI Alfonso

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:08/03/1844
Luogo di nascita:NAPOLI
Data del decesso:14/01/1918
Luogo di decesso:ROMA
Padre:Enrico, senatore (vedi scheda)
Madre:MARESCA Margherita
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioSi
Titoli nobiliariBarone, titolo riconosciuto il 20 giugno 1887
Coniuge:SCRIVENER Elena
Figli: Umberto e Matilde
Fratelli:Giuseppe, che sposò Luisa ZEZZA, era padre di Francesco ed Enrico, nipoti
Parenti:Giuseppe, avo paterno
Luogo di residenza:ROMA
Indirizzo:Via di Porta Pinciana, 6
Altra residenza:NAPOLI
Indirizzo:Viale Elena, 8
Professione:Militare di carriera (Marina)
Carriera giovanile / cariche minori:Guardiamarina (Regno di Sardegna) (21 luglio 1860), Sottotenente di vascello (8 marzo 1863), Tenente di vascello (17 maggio 1866), Capitano di corvetta (3 aprile 1879) , Capitano di fregata (27 agosto 1881) , Capitano di vascello (26 giugno 1887)
Carriera:Contrammiraglio (5 aprile 1894)
Viceammiraglio (16 luglio 1904-4 agosto 1909. Collocato in posizione ausiliaria)
Cariche e titoli: Ufficiale d'ordinanza di SM il Re (11 aprile 1878-16 aprile 1881)
Aiutante di campo di SM il Re (17 aprile 1881-20 marzo 1883)
Aiutante di campo generale effettivo di SM il Re (16 gennaio 1896-1° dicembre 1898)
Capo divisione del Ministero della marina (20 settembre 1884-24 marzo 1885)
Addetto navale all'Ambasciata italiana a Parigi (5 luglio 1888-15 ottobre 1892)
Direttore generale del Servizio militare presso il Ministero della marina (1° maggio 1894-16 gennaio 1896)
Membro del Consiglio superiore di marina (16 novembre 1900-11 luglio 1903)
Vicepresidente del Consiglio superiore di marina (21 luglio 1904-1° aprile 1905)
Presidente del Consiglio superiore di marina (1° ottobre 1908-6 agosto 1909)
Comandante della Divisione navale oceanica (11 dicembre 1898-6 maggio 1900)
Comandante in capo della Forza navale del Mediterraneo (11 aprile 1906-1° aprile 1908)

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:04/04/1909
Categoria:14 Gli ufficiali generali di terra e di mare. Tuttavia i maggiori generali e i Contrammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività
Relatore:Fiorenzo Bava Beccaris
Convalida:22/05/1909
Giuramento:24/05/1909

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia 21 gennaio 1877
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 2 gennaio 1881
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia 5 gennaio 1893
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia 11 aprile 1898
Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia 31 gennaio 1907
Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 14 marzo 1879
Ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 5 gennaio 1882
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 3 dicembre 1896

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1860-1861 campagna per l'indipendenza e l'unità d'Italia
1866 terza guerra di indipendenza
Arma:Marina
Decorazioni:Medaglia a ricordo delle guerre combattute per l'Indipendenza e l'Unità d'Italia, medaglia di bronzo al valor militare, medaglia a ricordo della campagna d'Africa, croce d'oro per anzianità di servizio, medaglia mauriziana al merito militare di dieci lustri


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Onorevoli colleghi! [...]
      Il barone Alfonso Di Brocchetti, nato in Napoli il 13 agosto 1844, di padre capitano di vascello nella marina del reame siculo; a soli anni nove aspirante, nel 1860 guardiamarina, passò con il padre alla bandiera nazionale, che servì sino a grado di viceammiraglio, con il quale nella riserva navale ha finito la vita il 14 gennaio. Quanto onorato nome portò alla marina italiana il barone Enrico, che vi fu pur viceammiraglio ed alcuni mesi ministro, tanto lo ha mantenuto alto il figlio; ambi del Senato decoro.
      Tenente di vascello nel 1866 alla battaglia di Lissa meritò la medaglia di bronzo al valore militare. Nella lunga carriera importanti comandi esercitò splendidamente; quello in ispecie della divisione navale oceanica nell'America meridionale, e quello della forza navale del Mediterraneo. Adempì alte cariche in modo segnalato. Fu accanto al sovrano ufficiale di ordinanza ed aiutante di campo. Andò addetto navale a Parigi; fu due volte comandante in capo del dipartimento di Napoli; vicepresidente, presidente poi del Consiglio superiore di marina.
      Il 4 aprile 1909, al suo collocamento in posizione ausiliaria, pe' limiti d'età, seguì la sua nomina di senatore; e fu anche qui osservante del dovere e prestante all'Assemblea, che della sua perdita è dolente. Le doti migliori del marinaio Alfonso Di Brocchetti portava congiunte a quelle del perfetto gentiluomo; e le sue maniere nel comando producevangli l'obbedienza volenterosa; creavangli subalterni devoti ed i futuri amici, de' quali i sedenti fra noi ed i molti dell'Armata, lui ora con affetto ricordano e piangono. (Bene). [...]
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il senatore Gualtierio.
      GUALTERIO. L’autorevole parola del nostro illustre Presidente ha saputo tratteggiare nel modo più efficace e completo la vita e la carriera militare del defunto collega ammiraglio Di Brocchetti e la di lui partecipazione coscienziosa ed assidua ai lavori del Senato, così che a me non sarebbe possibile, senza incorrere in ripetizioni, il tessere sulla trama medesima ed aggiungere nulla a quanto fu già detto sopra questa nobile esistenza, spesa per intero al servizio del paese, che ora si è spenta.
      Ciò non pertanto io, che fui per ben cinquant’anni di vita militare compagno dell’estinto ammiraglio ed a lui legato da vincoli di sincera amicizia, contratti nei lunghi anni trascorsi insieme sulle navi o in comunanza di lavoro in uffici speciali, non potrei serbare il silenzio davanti alla sua repentina scomparsa, e brevi parole dirò a meglio prospettare la figura del collega, che nella tornata dello scorso dicembre siedeva ancora pieno di vita fra noi.
      Qui nel Senato la cortesia che lo distingueva e la signorilità dei suoi modi aveva conquistato a lui larghe simpatie, ma non è improbabile che egli abbia potuto essere imperfettamente apprezzato, essendo alieno per naturale ritrosia a far mostra di sé. Però tale riserbo che lo portava ad astenersi per consuetudine dall’intervenire con la parola nelle discussioni che si svolgono in un ambiente così alto quale è quello del nostro consesso, ove figurano le più elette menti del paese e così illustri maestri dell’arte oratoria, non gli impediva di portare il contributo del suo spirito sereno, che in ogni circostanza gli ha permesso di giudicare con rettitudine e con savio discernimento.
      Queste caratteristiche dell’animo e dell’intelletto che sono indice del felice complesso di una natura elevata, di uno spirito retto e di una mente equilibrata, furono nel lungo servizio militare dell’ammiraglio Di Brocchetti un’attrattiva tale da conciliargli in ogni circostanza il più favorevole apprezzamento di quanti ebbero relazioni con lui; e mentre nei primordi di carriera seppe acquistarsi la benevolenza e la considerazione dei suoi capi, ebbe la soddisfazione non comune nel disimpegno degli alti incarichi a lui affidati di vedersi coadiuvato con affetto dai suoi dipendenti che, per la sua temperanza ed equanimità, amavano prestar servizio sotto i suoi ordini.
      La marina, per quanto già da diversi anni il Di Brocchetti avesse lasciato il servizio attivo, ne conservava sempre grato ricordo e certamente con tristezza ha appreso la notizia della sua morte.
      Alla desolata famiglia che nel suo capo affettuoso e ben amato ha perduto, nei momenti difficili che traversiamo, la guida sicura e il valido sostegno contro le avversità, vada il compianto del Senato, che certamente vorrà associarsi alla mia proposta di esprimere alla vedova le nostre condoglianze. (Vivissime e generali approvazioni). [...]
      DEL BONO, ministro della marina. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      DEL BONO, ministro della marina. Alla parola alata del nostro illustre Presidente, che ringrazio per la marina ed alla commossa eloquenza degli onorevoli Gualterio, Amero d’Aste e De Sonnaz si associa l’omaggio reverente che in nome del Governo e della famiglia marinara, porgo alla memoria degli ammiragli Di Brocchetti e Viale,
      Il viceammiraglio barone Alfonso Di Brocchetti entrò in servizio nell’Armata nel 1860 e vi percorse brillantemente tutti i gradi, degnamente ricoprendo, nei suoi 49 anni di servizio, le più elevate cariche sia a terra che a bordo e disimpegnando, in maniera superiore ad ogni elogio, le importanti ed onorifiche missioni affidategli all’estero, e l’alto ufficio di aiutante di campo di S. M. il Re. Quanti fra noi della famiglia marinara, che gli amò come la propria, l’ebbero compagno, comandante, ammiraglio, han potuto direttamente apprezzare le elette doti di animo, d’intelletto di cuore che si manifestavamo in ogni sua azione, sempre proficuamente indirizzata al bene della nostra marina, alla quale dedicò interamente, con inesauribile affetto, la parte migliore della sua nobile esistenza.
      Veterano della guerra contro il secolare nemico, decorato al valore per la campagna del ‘66, ben avrebbe egli voluto, malgrado l’età, prender parte attiva al completamento della redenzione d’Italia, o quanto meno, poter assistere, spettatore ben consapevole, all’evento auspicato dal profondo dell’animo suo generoso.
      Ma il fato volle altrimenti. Egli è passato nella quiete suprema, quando pel mondo intero più avvampa l’incendio immane dalle cui fiamme purificatrici usciranno compiuti tutti i nostri destini.

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 13 febbraio 1918.

Note:Il nome completo risulta essere: "Giorgio Giuseppe Filippo Alfonso".
Ringraziamenti:Capitano di vascello Francesco Carlo Rizzo di Grado e Premuda
Capitano di fregata Riccardo Cardea
Rita Micheli, Marco Cormani, Franco Salvatore


Attività 0836_Di_Brocchetti_Alfonso_IndiciAP.pdf