SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori del Regno (1848-1943) » Scheda Senatore  


DE CRISTOFORIS Malachia

  







   Indice dell'Attività Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:11/09/1832
Luogo di nascita:MILANO
Data del decesso:28/12/1915
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Giovan Battista
Madre:ROTA Giovanna Adelaide
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Coniuge:STABILINI Adele
Figli: Nino, ingegnere, sottotenente 1° Reggimento genio
Serena
Giambattista
Fratelli:Carlo
Emilia
Giacomo
Parenti:Malachia, zio paterno
Luogo di residenza:MILANO
Indirizzo:Via Monforte, 14
Titoli di studio:Laurea in medicina (1)
Laurea in chirurgia (2)
Presso:Università di Pavia
Professione:Medico
Carriera giovanile / cariche minori:Medico assistente all'Ospedale Maggiore di Milano (24 agosto 1861) , Medico aiutante all'Ospedale Maggiore di Milano (1865)
Carriera:Medico primario all'Ospedale Maggiore di Milano (settembre 1867-1° gennaio 1874. Dimissionario)
Cariche amministrative:Consigliere comunale di Milano (gennaio 1885-1894) (11 giugno 1899-1910)
Assessore comunale di Milano [1899]
Consigliere provinciale di Milano per Monza (11 agosto 1876-luglio 1881) (agosto 1883-luglio 1889)
Cariche e titoli: Direttore degli "Annali universali di medicina", poi "Annali universali di medicina e chirurgia" (1875-1877: Dimissionario)
Direttore de "La medicina contemporanea. Nuova rivista italiana e straniera" (1878-1880)
Direttore del "Giornale per le levatrici" (1890-marzo 1897. Dimissionario)
Direttore della Guardia ostetrica di Milano (1890-marzo 1897. Dimissionario)
Presidente della Società di cremazione di Milano (8 febbraio 1876-1915)
Presidente del Comitato per la provincia di Milano dell'Associazione nazionale medici condotti (5 maggio 1877)
Membro dell'Associazione medica lombarda (31 dicembre 1889)
Socio perpetuo dell'Associazione sanitaria milanese, poi Ordine dei medici milanesi
Membro della Società per le belle arti ed Esposizione permanente
Membro del Consiglio sanitario provinciale di Milano (23 dicembre 1876)
Consigliere per le scuole della provincia di Milano
Amministratore del Pellagrosario provinciale di Inzago
Presidente della Lega popolare contro l'alcoolismo [di Milano]
Presidente della Commissione internazionale per le malattie professionali
Socio dell'Accademia fisio medico-statistica di Milano (1872)
Vicepresidente dell'Accademia fisio medico-statistica di Milano (1873)
Presidente effettivo dell'Accademia fisico-medico-statistica di Milano

    .:: Nomina a senatore ::.

Nomina:12/03/1905
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Antonino Di Prampero
Convalida:12/12/1905
Giuramento:09/03/1906

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia 6 dicembre 1866

    .:: Servizi bellici ::.

Periodo:1859 seconda guerra d'indipendenza
Arma:Cacciatori delle Alpi
Mansioni:Ufficiale medico, capitano medico
Volontario:SI
Decorazioni:Medaglia al valore militare, medaglia d'argento

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XIX
Milano III
26-5-1895*
non risulta
Ballottaggio il 2 giugno 1895
XX
Milano III
21-3-1897**
non risulta
Ballottaggio il 28 marzo 1897
XXI
Milano III
3-6-1900
non risulta


    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Giuseppe Manfredi, Presidente

      Avvenne il 28 dicembre in Milano la morte del senatore De Cristoforis; e ne fu un grande lutto cittadino. Vi era nato il 9 novembre 1832 di famiglia, che nell'eroismo per la patria la Lombardia ricorda accanto ai Cairoli. Il 22 marzo del 1848, dal fratello maggiore Carlo chiamati alle barricate tutti gli uomini di sua casa, il dodicenne Malachia fu il portatore e distributore delle munizioni ai rivoltosi, il fonditore dei proiettili. Nel 1859, milite di Garibaldi, ne' Cacciatori delle Alpi, combatté a San Fermo perdendovi il fratello ferito a morte. Nel 1860 seguì ancora Garibaldi, medico e combattente, da Marsala al Volturno, guadagnando la medaglia d'argento al valore militare; e nel 1866 sul Trentino meritando la Croce di Savoia.
      Non abbandonati gli studi, con laurea di medicina presa in Pavia nel 1856, si approfondì specialmente nell'ostetricia e nella ginecologia; ed ottenutone l'insegnamento, divenne Malachia De Cristoforis lo scienziato di fama, il medico chiarissimo nell'esercizio. Fu nei comitati de' principali periodici medici della Lombardia, e questi arricchì d'innumerevoli scritti di autorità, massimamente ne' quesiti della pubblica igiene. Nel cinquantenario della sua laurea, or fa nove anni, il plauso al contributo amplissimo da lui prestato alla scienza medica, gli si volse, non solo dalle corporazioni mediche della Lombardia, ma da tutti i centri universitari e da tutti gli istituti di alta cultura della penisola e da parecchi stranieri.
      Il collegio 3° di Milano lo volle deputato nelle legislature XIX e XX. Fu nominato senatore il 3 dicembre 1905. Del Comune di Milano fu un tempo consigliere ed assessore. Il nostro defunto fu un filantropo di pensiero, di cuore, di azione, che preferì star vicino ai bisogni dell'umanità e dar la mano al popolo; studioso degli argomenti sociali e sanitari. Ricordiamo i suoi notevoli discorsi al Senato nelle tornate del 9, 10 ed 11 dicembre 1907 sugli esposti e sull'infanzia abbandonata. Somma fu la sua premura dell'educazione, la sua attività nell'associazione per l'assistenza scolastica, per la cura climatica degli alunni poveri. Da lui ebbe avviamento in Milano il primo gabinetto italiano di pedagogia sperimentale. Bene meritò nel Consiglio sanitario della Provincia, nell'amministrazione del pellagrosario provinciale di Inzago, e presiedendo la Commissione internazionale per le malattie professionali. Fu l'iniziatore del primo Congresso internazionale sulle malattie del lavoro nel 1906; presiedé la Lega popolare contro l'alcoolismo; favorì le cooperative ed ogni benefica istituzione. Con l'Italia in cuore sino all'ultimo della vita, rammaricandosi di non poter essere alle armi in campo, soddisfaceva al suo ardore per la guerra, che combattiamo, ponendo tutta l'anima alla preparazione civile ne' presagi della vittoria, tuttora rispondenti dalle sue ceneri al nostro ultimo addio. (Bene). [...]
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. Domando di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
      ORLANDO, ministro di grazia e giustizia e dei culti. [...]
      E nel campo della politica, ben dolorosa è la perdita di Annibale Marazio, parlamentare, pubblicista, giornalista di antico stampo, e non men dolorosa quella di Malachia De Cristoforis, appartenente a gloriosa famiglia di patrioti, il cui nome si ricollega alle Cinque Giornate di Milano. Ricordiamo e rimpiangiamo in lui il medico filantropo, che sui campi insanguinati di S. Martino e sul Volturno e a Condino, proteggeva, soccorreva, confortava morenti e feriti, e a tempo e luogo spianava il facile e sparava intrepidamente mentre tuonava la mitraglia austriaca, sì da meritare il glorioso rimprovero, che gli rivolse Giovanni Nicotera: "Non è posto di medico questo!", cui egli spartanamente rispose: "Ed è per questo che ci voglio restare". (Approvazioni). [...]
      Onorevoli senatori, io non so adeguatamente esprimere un sentimento complesso, che in questo momento mi grava sull'animo; ma io vorrei dir questo: che sembra quasi un triste destino la scomparsa di uomini così insigni in questo e in quell'altro ramo del Parlamento, in un'ora in cui alla patria più che mai occorrono le forze e le virtù di tutti i suoi figli, e specialmente dei suoi figli maggiori. (Approvazioni). Ma quanto in questo sentimento può esservi di ansia patriottica, si tramuta in un argomento di conforto, se pensiamo che da queste illustri tombe, testé dischiuse, sorge a noi, come sacro retaggio, l'ammonimento che c'incita sempre più ad una devozione piena verso la patria: quella patria cui essi, gl'insigni nostri morti, diedero tanta opera e apprestarono tanto onore nei campi del pensiero e della politica, per le virtù domestiche e per le virtù pubbliche. (Approvazioni vivissime - Applausi).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 22 marzo 1916.


Attività 0732_De_Cristoforis_IndiciAP.pdf