SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia fascista » Scheda Senatore  


RAGGIO Carlo

  







   Indice dell'AttivitÓ Parlamentare   

   Fascicolo personale   


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:01/29/1876
Luogo di nascita:GENOVA
Data del decesso:26/09/1926
Luogo di decesso:GENOVA
Padre:Edilio
Madre:GAMBARO Enrichetta
Nobile al momento della nomina:Si
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso il 16 ottobre 1892
Coniuge:SPINOLA Teresa
Fratelli:Maria Fortunata
Margherita Armanda
Francesca
Luogo di residenza:GENOVA
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:UniversitÓ di Genova
Professione:Industriale-agricoltore
Carriera:Fondatore della SocietÓ imprese agricole in Boreano (Venosa)
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Alessandria
Cariche e titoli: Consigliere della Banca commerciale italiana
Consigliere della Raffineria ligure-lombarda

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Deputatoante 29/12/1923
Nomina:09/18/1924
Categoria:03
21
I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Le persone che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione dei loro beni o della loro industria
Relatore:Giovanni Cassis
Convalida:22/11/1924
Giuramento:02/12/1924


    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
XXII
Novi Ligure
04-12-1906
Elezione in corso di legislatura
XXIII
Novi Ligure
07-03-1909



    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Tommaso Tittoni, presidente
      "PRESIDENTE. (Si alza e con lui si alzano Senatori e Ministri).

      Onorevoli Senatori,
      Rivolgiamo ora un saluto reverente agli amati colleghi perduti durante la lunga sosta delle nostre sedute. [...]
      Dopo lunga ed inesorabile malattia, il 26 settembre il conte Carlo Raggio chiudeva immaturamente gli occhi in Genova ove era nato il 29 gennaio 1876 da nobilissima e cospicua famiglia.
      A Genova egli compý i suoi studi laureandosi brillantemente in giurisprudenza e, dopo un lungo viaggio d'istruzione all'estero, seguendo le orme familiari, con grande amore e perspicacia si dedicava alle molteplici e vaste aziende che il padre col suo ingegno e con la sua operositÓ aveva create portando il pi¨ valido contributo alla rinascita industriale, non pur della Liguria ma di tutto il Paese. Fu la sua una opera fervida, avveduta e multiforme, chÚ non solo dell'industria italiana egli divenne una delle persone pi¨ rappresentative, che le maggiori societÓ si onoravano di avere collaboratore nei Consigli e nelle Amministrazioni, ma anche all'incremento dell'agricoltura, di cui intuiva tutta l'importanza per la prosperitÓ del Paese, egli dette largo impulso. E cre˛ vaste aziende agricole anche nel Mezzogiorno e studi˛ ed attu˛ nelle sue tenute importanti innovazioni del maggiore interesse, rivelandosi attivo e coraggioso organizzatore, tecnico di grande valore.
      Per la sua notevole attivitÓ era nella sua regione assai noto ed apprezzato, onde della vita pubblica locale fu gran parte, sedendo per 14 anni nel Consiglio provinciale di Alessandria. Dalla fiducia degli elettori di Novi Ligure fu inviato alla Camera dei deputati nella legislatura 22a e vi rimase per altre 6 anni anche nella legislatura successiva, venendo poi nominato senatore il 18 settembre 1924.
      Durante il tremendo periodo della guerra europea spieg˛ opera magnifica per l'organizzazione civile e con generose e larghe liberalitÓ leg˛ il suo nome alle pi¨ nobili iniziative di pietÓ, di assistenza e di beneficenza. Larghe schiere di sofferenti, di bisognosi e di quelli che dalla guerra pi¨ uscirono martoriati, mutilati ed orfani, ricorderanno con la pi¨ profonda gratitudine il conte Raggio che non conobbe limiti nella pratica costante della beneficenza.
      Con vivo dolore vediamo scomparire questo nobilissimo nostro collega e mandiamo un commosso saluto alla sua cara memoria porgendo alla famiglia duramente colpita le nostre sentite condoglianze. (Bene). [...]
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. Chiedo di parlare.
      PRESIDENTE. Ne ha facoltÓ.
      FEDELE, ministro della pubblica istruzione. In nome del Governo, mi associo alle parole di cordoglio dette dal Presidente dell'Assemblea per la perdita dei senatori che egli ha commemorato. Ciascuno di essi nei vari campi ove svolse la propria opera, o in quello della scienza e delle lettere, come i senatori [...] o nel campo dell'attivitÓ pratica ed amministrativa come i senatori [...] o nel campo della politica come i senatori [...] Raggio [...]. Il Governo nazionale, interprete del sentimento di riconoscenza del popolo italiano, si inchina alla loro memoria".

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 16 novembre 1926.