SI
Senato della Repubblica
Senato della Repubblica
Siete qui: Senatori d'Italia » Senatori dell'Italia liberale » Scheda Senatore  


JACINI Stefano

  
  


    .:: Dati anagrafici ::.

Data di nascita:06/20/1826
Luogo di nascita:CASALBUTTANO (Cremona)
Data del decesso:25/03/1891
Luogo di decesso:MILANO
Padre:Giovanni Battista
Madre:ROMANI Maria Grazia
Nobile al momento della nomina:No
Nobile ereditarioNo
Titoli nobiliariConte, titolo concesso con regio decreto del 14 marzo 1880
Coniuge:PRINETTI Teresa
Figli: Giovanni Battista, che sposò Carolina CAVI ed era padre di Stefano, che sposò Elisabetta BORROMEO ARESE, di Cesare, Teresa Antonietta coniugata CICOGNA MOZZONI, Pietro, Antonietta che sposò Mario AMMAN, Filippo;
Giuseppina (morta infante)
Giulia, che sposò Lodovico CERIANA MAJNERI;
Maria, che sposò Carlo PRINETTI CASTELLETTI, deputato;
Erminia, che sposò Giovanni Battista VITTADINI
Fratelli:Pietro
Paolo Battista
Teresa
Altra residenza:Milano
Indirizzo:Via Lauro 3
Titoli di studio:Laurea in giurisprudenza
Presso:Università di Pavia
Professione:Industriale-agricoltore
Carriera giovanile / cariche minori:
Cariche amministrative:Consigliere provinciale di Cremona (1870)
Consigliere comunale di Milano (1874-1879)
Cariche e titoli: Capitano della Guardia nazionale (20 novembre 1859)
Cofondatore del giornale "La Perseveranza" (1859)
Vicepresidente del Consiglio superiore dell'agricoltura (31 ottobre 1873)
Membro della Giunta superiore del catasto (20 settembre 1887)
Socio dell'Accademia dei Georgofili di Firenze (13 giugno 1854)
Membro effettivo dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano (23 marzo 1857)
Socio onorario dell'Accademia nazionale di scienze, lettere ed arti di Modena (29 marzo 1860)
Socio della Società geografica italiana (1867)
Membro onorario della Società operaia di Lucca (15 luglio 1880)
Membro ordinario della Società reale di Napoli (1° dicembre 1889)
Membro onorario della Società reale di Napoli (marzo 1890)

    .:: Nomina a senatore ::.

Proponente:Presidente del Consiglios.d.
Nomina:02/06/1870
Categoria:03 I deputati dopo tre legislature o sei anni di esercizio
Relatore:Faustino Sanseverino
Convalida:17/03/1870
Giuramento:23/03/1870

    .:: Onorificenze ::.

Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 agosto 1859
Cavalliere ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 18 dicembre 1859
Commendatore dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 31 dicembre 1860
Grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 novembre 1861
Gran cordone dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia aprile 1868

    .:: Camera dei deputati ::.

Legislatura
Collegio
Data elezione
Gruppo
Annotazioni
VII
Pizzighettone
25-3-1860*
Destra
Eletto anche nei collegi di Morbegno, Crema I, Chiavenna, optò per il collegio di Pizzighettone
VIII
Pizzighettone
27-1-1861**
Destra
Ballottaggio il 3 febbraio 1861. Cessazione per nomina a ministro dei lavori pubblici. Rieletto il 16 ottobre 1864
IX
Pizzighettone
22-10-1865***
Destra
Ballottaggio il 29 ottobre 1865. Eletto anche nel collegio di Macerata, optò per il collegio di Pizzighettone
X
Pizzighettone
10-3-1867****
Destra
Ballottaggio il 17 marzo 1867. Annullamento il 20 maggio 1867. Rielezione con ballottaggio il 23 giugno 1867 e dimissioni il 15 luglio 1867. Rieletto per il collegio di Terni il 13 dicembre 1868, con ballottaggio il 20 dicembre 1868. Cessazione per nomina a senatore


    .:: Senato del Regno ::.

Commissioni:Membro e presidente della Giunta d'inchiesta agraria (17 marzo 1877-1884)

    .:: Governo ::.

    Governo:
Ministro dei lavori pubblici (21 gennaio 1860-14 febbraio 1861), (27 settembre 1864-23 dicembre 1865), (31 dicembre 1865-20 giugno 1866), (20 giugno 1866-17 febbraio 1867)

    .:: Atti parlamentari - Commemorazione ::.

Atti Parlamentari - Commemorazione
      Domenico Farini, Presidente

      Signori senatori! Alle due antimeridiane del 25 di marzo moriva a Milano il conte Stefano Jacini che era nato su quel di Cremona, a Casalbuttano l'anno 1826.
      Discendente da ricca famiglia, Stefano Jacini educato in Isvizzera, la mente nutrì a severi studi, l'animo saldamente temprò: la educazione e gli studi avvalorò col lungo viaggiare.
      Due scritti sulla proprietà fondiaria e le popolazioni agricole della Lombardia e sulle condizioni della Provincia di Sondrio, notevoli per accurate ricerche, osservazioni sagaci, franche opinioni, dierongli notorietà fra gli studiosi delle patrie condizioni.
      La liberazione del 1859, che di lì a poco seguì, lui, già chiaro cultore delle dottrine economiche, attrasse alla politica; e v'ebbe, nel gennaio 1860, il ragguardevole ufficio di ministro dei lavori pubblici nel Ministero che, auspice il conte di Cavour, bandito il tergiversare, accoglieva le annessioni dell'Emilia e della Toscana.
      Risolutezza inviatrice all'unità che, in un agli ostacoli superati ed agli scongiurati pericoli, mette bene ricordare agli immemori.
      Alla VII legislatura il collegio di Pizzighettone lo deputò; lo stesso od altri lo mantennero nella Camera per le tre successive (VIII, IX, X).
      Nel febbraio del 1861, quando si adunarono a parlamento i rappresentanti di tutta Italia, non essendo stato rieletto a primo scrutinio, si fece scrupolo di lasciare il portafoglio; lo ripigliò e lo tenne, dal 28 settembre 1864 al 17 febbraio 1867, nei ministeri presieduti dal Lamarmora e dal Ricasoli.
      Non sta a me enumerare i molti e vari argomenti di che trattò nella Camera; non a me discorrere il molto ed il bene che operò da ministro. Pure dirò avere egli unificati i diversi servizi, raggruppate le reti ferroviarie; con prestezza e parsimonia mirabili provveduto al trasferimento della capitale in Firenze; né paia vano o piccolo ricordo essere tuttora le sue, le leggi sulle opere pubbliche e sulle espropriazioni per pubblica utilità. Merito suo la efficacia con che patrocinò il traforo del San Gottardo; suo onore l'avere messo ingegno e consiglio nell'azione diplomatica che precedette la guerra del 1866.
      Nominato senatore nel marzo 1870, qui pure affrontò i più alti problemi: cito i discorsi sul trasferimento della capitale a Roma, sulla riforma della legge elettorale e della comunale, sul riordinamento dell'imposta fondiaria, la interpellanza sugli intendimenti del Governo circa alle conseguenze dell'inchiesta agraria. Ed il Senato ed il Governo gli diedero spesso segno del gran conto che ne facevano, ricercando lume dal suo sapere nell'inchiesta ferroviaria, nella Giunta superiore del catasto, nell'inchiesta agraria.
      Con solerzia, con amore indicibile questa presiedette, ne fu l'anima; stanne a documento la stupenda raccolta di fatti e di notizie, di avvertenze e di proposte, cui la sua penna contribuì col trattare le condizioni della regione lombarda, collo esporne nel proemio i criteri ed il metodo, e scrivendone la relazione finale: specchio fedele, quadro smagliante dei bisogni e della vita dei campi.
      Né di ciò soddisfatta la sua operosità, né bastandogli, oppure parendogli poco efficace la tribuna, da cui tratto tratto rimaneva lungamente lontano, gli argomenti medesimi ed ogni altra ardua controversia sull'ordinamento dello Stato e dei partiti, sulle fasi della questione romana, sulla politica interna ed estera, per le stampe illustrava, con vena e lena inesauribili dibatteva.
      Schiettezza piuttosto unica che rara improntavano i discorsi e gli scritti suoi; vi luccicavano la originalità del pensiero, la vivezza del dire; il ragionare ne confortavano profonde cognizioni storiche, e, quel che più monta, gli davano vigore un singolare coraggio, che è precipua condizione di vita sana fra popoli liberi. (Bene).
      Sciolto da ognuno, non lo crucciava far parte da sé; non si peritava di opporsi a ciò che reputasse un fatale andare, per quanto a tutti potesse spiacere; spargeva un seme; al tempo maturarne, ad altri coglierne il frutto!
      Uomo speculativo usava come se fosse fuori della battaglia parlamentare; alle idee non cercava puntello nella paziente industria, che coi contatti e coi contrasti d'ogni giorno ha virtù di attuarle; sicché la sua critica, per quanto arguta o mordace fosse, non valse ad abbattere, né la dottrina sua ad instaurare nuovi ordinamenti.
      Il Jacini, adunque, non diede alla politica italiana lo impulso di che forza d'ingegno, larga coltura, eletto animo lo avrebbero fatto capace; sebbene il nome ne andasse bellamente congiunto allo studio dei più alti temi politici ed amministrativi, dei ponderosi problemi sociali ed economici, a vari e cospicui uffici dello Stato.
      La morte sua in età non tarda, mentre la vigoria del corpo e della mente davan conforto a sperare sarebbe per un pezzo a noi serbato, sarà a lungo rimpianta. Tanta sciagura rimpiangeranno tutti quelli che, come noi, veggono e sentono quale iattura sia la perdita degli insigni, che con vertiginoso precipitare ci vengono tolti; e sanno quanto valesse quest'ultimo superstite del Ministero che nel 1860 osò le annessioni dell'Italia centrale; questo statista il cui nome rimarrà unito ai maggiori fatti ed ai fasti di quell'anno e dei sei che seguirono. (Molto bene, benissimo).
      DI RUDINÌ, presidente del Consiglio. Domando la parola.
      PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare.
      DI RUDINÌ, presidente del Consiglio. Poco avrei da aggiungere alle nobili parole pronunziate dall’illustro Presidente del Senato; ma non posso a meno di dire che il Governo si associa al rammarico manifestato, rammarico che è comune e a tutti coloro i quali hanno vivo nell’animo il sentimento di riconoscenza per gli uomini che hanno fatto il bene del proprio paese.
      E molto bene fece senza dubbio il senatore Jacini; fece bene come uomo di Stato, come pubblicista, come pensatore.
      Morì solitario, direi quasi, ma era uno di quei solitari che non si poteva a meno di ammirare per una luce vivissima che si sprigionava da lui e che illuminava tutti coloro che lo riguardavano. (Bene).

      Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 13 aprile 1891.

Note:Il nome completo risulta essere:"Stefano Francesco".
Ideatore della Galleria del Gottardo, inaugurata il 29 febbraio 1880.

Ringraziamenti:-Sindaco del Comune di Casalbuttano ed Uniti (Cremona) Guido Montagnini
-Dott.ssa Anna Maria Benetollo, archivista
- Dott.ssa Margherita Martelli - Società geografica italiana

Archivi:Il Comune di Casalbuttano ed Uniti ha segnalato l'esistenza dell'Archivio Jacini conservato a Palazzo Jacini a Casalbuttano.

Attività 1228_Jacini_IndiciAP.pdf